Skip to content

Neoplasia mammaria e strategie di prevenzione

Informazioni tesi

  Autore: Elena Addessi
  Tipo: Diploma di Laurea
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi di Cassino
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Servizio Sociale
  Relatore: Elisabetta De Vito
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 95

Nella cultura occidentale, una delle grandi rivoluzioni del ventesimo secolo è stata l’emancipazione femminile. Con una facilità sempre maggiore, oggi, le donne anticipano, scelgono, decidono; e non solo per se stesse ma anche per la loro famiglia. Esse rivestono un ruolo sempre più determinante nella vita politica, sociale ed economica ed hanno assunto le redini del loro destino. Stranamente, peraltro, queste donne iperattive sono spesso indifferenti quando si tratta della loro salute.
Esse trascurano persino sintomi molto evidenti e subiscono in pieno quello che avrebbero potuto evitare facilmente. E’ questa la ragione per cui “una diagnosi di tumore al seno è quanto di più crudele e nello stesso tempo bizzarro possa capitare a una donna: stai bene, non hai nessun disturbo, e a un tratto, facendo la doccia ti accorgi, o il medico visitandoti ti avverte che un nodulo indolore minaccia la tua vita” .
Il carcinoma mammario è la più frequente malattia tumorale che colpisce la popolazione femminile in età superiore ai 35 anni. Allo stato attuale si può calcolare che 7 donne su 100 verranno colpite dalla malattia nel corso della loro vita e che almeno 3 di esse ne moriranno. Riprendendo quanto emerso, il tumore del seno è sempre più frequente, ma è sempre più curabile. Su tre individui che si ammalano oggi, due riescono a guarire. Teoricamente “una donna colpita da carcinoma alla mammella ha di fronte a sé non una condanna inappellabile, ma una malattia seria, non una sentenza capitale, ma un grave problema di salute che impone determinate scelte” .
E’ importante precisare che questo soltanto 20 anni fa era un risultato impensabile, quando la percentuale di guarigione non superava il 40%. In quest’ottica, fino agli anni Sessanta, le donne colpite da un tumore al seno subivano la sua mutilazione, avevano come effetto collaterale della terapia un gonfiore del braccio, dovuto ad un accumulo linfatico, in qualche caso sopravveniva addirittura una paralisi dell’arto.
Oggi grazie ai nuovi interventi conservativi e alle tecniche di chirurgia plastica, la donna operata ha una qualità della vita del tutto paragonabile ad una donna sana, né va incontro a discriminazioni sotto il profilo estetico. In altre parole, fino a pochi anni fa, “le malattie della mammella provocavano non pochi danni psicologici, proprio perché costituivano un grande problema dal punto di vista estetico” .
Il progresso è sotto gli occhi di tutti ed è stato reso possibile dai passi avanti compiuti nel campo della ricerca clinica e di base, della prevenzione, della diagnosi e della terapia. Ulteriori passi avanti potrebbero essere compiuti grazie alle innovazioni e ancora allo studio. A questo proposito bisogna ricordare che le donne italiane sono tra le meglio curate. La possibilità di guarire sale infatti al 70-80 per cento se la diagnosi viene fatta precocemente, agli esordi della malattia.
Purtroppo sono ancora troppo poche le donne italiane che si sottopongono a controlli periodici dei seno. Va ricordato che un esame prezioso come la mammografia, per esempio, viene attualmente eseguito da non più di 2-3 donne italiane su 10 che dovrebbero farlo. Si può concludere che, una corretta diagnosi precoce dei tumore del seno, dipende oggi, in larga parte, dalle informazioni e dalla sensibilità al problema maturate dalle singole donne.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 CAPITOLO I Neoplasia mammaria 1.1. Il carcinoma mammario La mammella è una ghiandola esocrina la cui funzione principale è quella nutritiva in fase di allattamento. In altri termini, questa ghiandola è stimolata dal riflesso della suzione da parte del neonato e in condizioni fisiologiche, tale attività si manifesta solo dopo il parto. Al di fuori di questo periodo, la ghiandola mammaria non svolge funzioni specifiche; tuttavia essendo essa un importante organo paraendocrino collabora insieme ad altre ghiandole alla sintesi ed alla trasformazione di ormoni. Da un punto di vista anatomico, la mammella è un organo pari e simmetrico situato nella regione anteriore del torace, ben sviluppato nella donna e rudimentale nell‟uomo. La mammella, presenta al centro, una zona circolare di colorito scuro chiamata areola.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

prevenzione
neoplasia mammaria
tumore al seno

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi