Skip to content

La gestione della crisi di impresa

Informazioni tesi

  Autore: Daniela Moriero
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi del Salento
  Facoltà: Economia
  Corso: Amministrazione e controllo delle aziende
  Relatore: Amedeo Maizza
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 157

Nel primo capitolo si fornisce una definizione di declino e di crisi d’impresa. Il declino nasce da un processo di sviluppo degenerativo delle disfunzioni, al quale non si è saputo o potuto opporre una azione di risanamento efficace o delle quali non ci si è accorti tempestivamente per l’inadeguatezza dei sistemi di monitoraggio e/o per mancanza di sensibilità manageriale. La crisi è uno sviluppo ulteriore della fase del declino; è dunque la fase acuta, conclamata ed apparente all’esterno del declino; ed è un fenomeno quasi sempre irreversibile senza consistenti interventi esterni. Inoltre nello stesso capitolo si traccia il percorso evolutivo di tali fenomeni e si analizzano gli effetti sulla situazione economica, finanziaria e patrimoniale dell’impresa. La crisi d’impresa si manifesta quando viene a mancare in maniera permanente l’equilibrio del sistema in uno dei seguenti aspetti: economico, finanziario e patrimoniale.
Nel secondo capitolo si analizzano le cause di declino e di crisi (esterne, interne, oggettive e soggettive), fornendo una classificazione di queste cause secondo i vari autori. L’analisi delle cause del declino e della crisi è sempre un momento importante, soprattutto in vista del tentativo di rimuoverle, alla ricerca di nuovi equilibri e quindi di una sperata ripresa. Le cause del declino e della crisi possono derivare dall’azione delle variabili ambientali, esterne al sistema, da condizioni di inefficienza operativa di vario grado e livello verificatesi all’interno del sistema stesso o legata ad incapacità od errori dei manager e dell’imprenditore. L’ultima parte del secondo capitolo è dedicata alle varie modalità di intervento (diverse a secondo delle cause e della gravità dello stato di declino o di crisi) che possono essere messe in atto per risolvere tale problema. Una accurata analisi delle cause della crisi è importante per poter mettere in atto un’efficace processo di risanamento, destinato a modificare più o meno profondamente lo stato di salute dell’impresa (turnaround) o, nei casi più gravi se ciò non è possibile, si avrà la cessazione e la liquidazione dell’azienda. Quando la crisi non è risolvibile per via privatistica, cioè a mezzo di accordi tra gli stakeholder, ma si traduce nella ricerca di soluzioni per via pubblica, tipicamente per via giudiziaria, l’espressione turnaround non è utilizzabile.
Nel terzo capitolo si è analizzato il processo di diagnosi del declino o della crisi. In presenza di uno stato di crisi, la diagnosi, la quale mira ad una approfondita conoscenza di questo stato, costituisce quindi un passo necessario e propedeutico alla pianificazione e realizzazione di qualsiasi scelta in grado d’incidere sul futuro dell’impresa, in quanto soddisfa le esigenze conoscitive relative alla crisi stessa ed in particolare alle sue cause, senza le quali risulterebbe innanzi tutto arbitraria la valutazione sulla convenienza di un eventuale intervento risanatorio, nonché scarsamente efficaci le azioni predisposte.
Assai diverso, rispetto all’attività di diagnosi, è lo scopo al quale tendono le misure di prevenzione, infatti esse mirano ad allontanare o ridurre il rischio di uno stato di crisi. Le misure di prevenzione sono state analizzate nel quarto capitolo. Evidenti appaiano i vantaggi che l’adozione di un approccio di prevenzione, dai costi sicuramente controllabili, consente di ottenere, in confronto ai processi di risanamento ovviamente ex-post spesso peraltro con problematiche di realizzazione operative talvolta non superabili. Inoltre sono state studiate due fondamentali aggregazioni di misure di prevenzione: misure di prevenzione a carattere generale (insieme dei comportamenti e delle scelte che permettono di ridurre il rischio che all’interno del sistema di coerenze si sviluppino una o più incoerenze) e misure di prevenzione a carattere specifico (dirette ad evitare o a ridurre l’impatto di particolari situazioni e problemi a cui l’impresa, in funzione delle sue caratteristiche peculiari, risulta particolarmente esposta). Infine sono stati trattati gli strumenti utilizzati per valutare lo stato di crisi (modelli di previsione della crisi), essi devono essere in grado di stabilire se l’impresa, date le condizioni esogene ed endogene, presenti un’esposizione al rischio eccessiva o accettabile; ed è stato analizzato il grado di esposizione e preparazione di una impresa ad affrontare una crisi.
Infine nelle conclusioni si cerca di porre in risalto i concetti di cultura della crisi e del risanamento, che permetteranno di vedere la crisi come fonte di opportunità.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Prefazione 1 PREFAZIONE L’azienda è un istituto che per sua natura è destinato a durare nel tempo, ma che, per l’intrinseca sua caratteristica di essere un sistema aperto (crea una fitta rete di interrelazioni e dipendenze con l’ambiente generale e specifico in cui si trova ad operare), dinamico 1 e complesso (essendo costituito da numerose variabili), nel corso della vita può incorrere in situazioni di disequilibrio, di declino, fino ad arrivare anche a situazioni definite crisi, che rappresentano uno dei momenti più delicati e pericolosi del suo divenire. L’ipotesi di un’azienda caratterizzata dall’assenza totale di disfunzioni è un’astrazione che non può aver riscontro nella realtà, poiché nessuna impresa possiede una perfetta elasticità e flessibilità. La singola disfunzione, costituisce una minaccia per l’equilibrio generale dell’azienda, che deve essere individuata tempestivamente, prima che si inneschi il processo di declino o di crisi. Il declino e la crisi d’impresa sono sempre incombenti, imprese che parevano forti e destinate a perdurare nel tempo e con buoni risultati, 1 Il concetto di dinamismo è così definito da L. Azzimi: “Ricordiamo che il sistema degli accadimenti di azienda è dinamico, non tanto perché continuamente mutano o possono mutare il comportamento, le relazioni tra gli elementi, i fenomeni e le modalità di loro manifestazioni che vincolano l’attività d’azienda e concorrono a determinarla – se di tali mutamenti si avessero conoscenze certe o probabili il sistema non sarebbe dinamico nel senso da noi accolto – ma perché continuamente mutano o possono mutare le conoscenze che se ne hanno, in particolare con riferimento al loro manifestarsi futuro, cosicché continuamente mutano o possono mutare le situazioni che si ritiene si prospettino all’operare d’azienda rispetto a quelle che in precedenza si riteneva che ad essa si prospettassero”. AZZINI L., Istituzioni di economia d’azienda, Giuffrè, Milano, 1982, pag. 328.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

crisi
piano di risanamento
gestione crisi
declino
turnaround
prevenzione della crisi
disfunzione
effetti declino: decadenza, squilibri e perdite
effetti crisi: perdita, insolvenza e dissesto
classificazione della crisi secondo la gravità
classificazione della crisi secondo i vari autori
processo di diagnosi della crisi
cause crisi secondo i vari autori
ciclo di vita dell'impresa
fasi evolutive della crisi
modelli di previsione della crisi
cause interne ed esterne della crisi
cause oggettive e soggettive della crisi
rimedi per la soluzione della crisi
ristrutturazione, riconversione, ridimensionamento
analisi delle cause delle crisi
valutazione del grado di preparazione alla crisi
valutazione del grado di rischio alla crisi
squilibri della crisi: economici, finanziarie ecc

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi