Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Studio per la ricerca per la minima dose efficace di bupivacaina iperbarico 0,5% nel taglio cesareo

Questo lavoro analizza lo studio necessario alla ricerca per la minima dose efficace di bupivacaina iperbarico 0,5% nel taglio cesareo.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Il taglio cesareo rappresenta ancora uno degli interventi chirurgici a cui è associata una significativa mortalità e morbilità per cause anestesiologiche. Tra le tecniche anestesiologiche disponibili per il taglio cesareo possiamo contrapporre all’anestesia generale le tecniche di anestesia loco regionale rappresentate dall’anestesia subaracnoidea (spinale), dall’anestesia epidurale e dall’anestesia combinata (subaracnoidea ed epidurale). A questo proposito si sottolinea come la letteratura internazionale evidenzi una diversa associazione tra le tecniche anestesiologiche prescelte e l’outcome materno1. In questo ultimo decennio si è assistito ad una riduzione della mortalità e della morbilità materno fetale parallelamente ad un graduale incremento dell’uso delle tecniche di anestesia locoregionale. L’anestesia generale, infatti, è gravata da un’incidenza di complicanze fatali ben più elevata rispetto alle tecniche di anestesia loco regionale.

Tesi di Laurea

Facoltà: Medicina e Chirurgia

Autore: Annalisa De Nucci Contatta »

Composta da 79 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1784 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.