Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'antimilitarismo dei giovani socialisti in età giolittiana (1910-1913)

Formatasi circa dieci anni dopo la nascita del Partito socialista, la Federazione giovanile contribuì certamente alla radicalizzazione politica del paese, specie dopo la guerra libica. Effettivamente i giovani contribuirono a dare nuova linfa ad un movimento socialista alquanto stanco e probabilmente impreparato al nuovo tipo di politica e di scontro che si stava svolgenfo i Italia nel periodo giolittiano. I giovani furono sempre pronti ad un'attiva propaganda, in particolare contro il militarismo, considerato un moloch che tutto risucchiava, energie e risorse del paese.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione Formatasi circa dieci anni dopo la nascita del Partito socialista, la Federazione giovanile, forse a torto considerata una pagina minore del socialismo italiano, contribuì certamente alla radicalizzazione della politica nel paese, specie dopo la guerra libica. Purtroppo, non ci sono che pochi studi organici sul movimento giovanile, come quello di Arfè o quello di Gozzini. Entrambi, poi, concordi nel dichiarare che appunto il movimento giovanile era una minore seppur interessante pagina del socialismo. Chi si distacca da questa visione è Solari, il quale considera la Federazione uno dei nodi importanti della vita politica italiana di quei tempi. Effettivamente i giovani, seppur con le intemperanze tipiche dell’età, seppur in modi alcune volte piuttosto rozzi, contribuirono a dare nuova linfa ad un movimento socialista alquanto stanco e probabilmente impreparato di fronte al nuovo tipo di politica e di scontro che si stava svolgendo in Italia nel periodo giolittiano. Non è un caso che proprio da quell’esperienza uscirono alcuni tra i massimi dirigenti politici della sinistra del primo dopoguerra e oltre, politici come Gramsci, Togliatti ed altri si erano formati proprio all’interno della Federazione giovanile. I giovani furono sempre pronti ad un’attiva propaganda, in particolare a quella contro il militarismo, sia per un interesse personale (erano proprio loro che dovevano assolvere al servizio militare) sia all’interno di una precisa ideologia che vedeva nel militarismo un moloch che tutto risucchiava, energie e soprattutto risorse del paese che sarebbe stato meglio mettere al servizio dei bisognosi. Per

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere

Autore: Maria Novella Fois Contatta »

Composta da 144 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 629 click dal 14/06/2012.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.