Skip to content

Vita da Extracomunitario in Europa: limiti, libertà e diritti dentro i confini comunitari

Informazioni tesi

  Autore: Diessica Dias Aguiar
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze per la cooperazione allo sviluppo
  Relatore: Sandro Mezzadra
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 166

Negli ultimi quarant’anni il massiccio aumento delle migrazioni in direzione del vecchio continente hanno portato i governi europei ad interrogarsi riguardo la necessità di adottare una politica comune in materia di immigrazione per evitare discrepanze legislative e problemi relativi al controllo delle frontiere. L’Unione sta cercando di realizzare un’azione comune di controllo delle frontiere che possa risultare efficace e che dia una risposta sovranazionale agli attuali sviluppi, in particolare nell’area del Mediterraneo. Ovviamente, una condotta di questo genere crea una contrapposizione tra le responsabilità di solidarietà che una società civile dovrebbe garantire (indipendentemente dalla cittadinanza dei soggetti che risiedono nel suo territorio) e le esigenze di sicurezza pubblica e tutela dell’ordine. Il bilanciamento tra queste due componenti è la vera sfida che l’Unione Europea è chiamata ad affrontare .
Con questo lavoro mi propongo di focalizzare l’attenzione sugli effetti reali che le politiche nazionali e comunitarie in materia di immigrazione producono nelle vite dei cittadini degli Stati Terzi. Quando si tratta il tema “immigrazione” si è soliti affrontarlo da “spettatore” senza dare la dovuta importanza ad aspetti tutt’altro che superficiali della vita di un immigrato, quali ad esempio la rigidità dei requisiti per ottenere un permesso di soggiorno ed il sottile filo che lega lo status di soggiornante legale al suddetto permesso. Più dettagliatamente, nel primo capitolo ho voluto introdurre la terminologia di base correlata al tema dell’immigrazione. Il secondo capitolo affronta descrittivamente la parte più tecnica e delicata del lavoro, in quanto viene studiata la legislazione nazionale di alcuni stati membri riguardo i requisiti di accesso e di soggiorno per poter ottenere un permesso valido e le varie tipologie di permesso in Italia. I paesi che citerò più spesso e del quale mostrerò le attuali tendenze, sono stati scelti sulla base delle maggiori propensioni migratorie attuali. In questo capitolo si tiene conto della distinzione tra cittadino comunitario ed extracomunitario. Un’ultima sezione di questo capitolo mostrerà i requisiti necessari al conseguimento della cittadinanza e dei permessi ponendo in evidenza, laddove sussistano, le maggiori differenze tra gli stati membri. Nel terzo capitolo sono concentrati gli effetti pratici della rigidità che sembra oggi contraddistinguere le politiche migratorie. Vedremo qui come il diritto d’asilo abbia intrapreso un lento percorso verso lo sgretolamento e destrutturazione. A questo proposito c’è da dire che, a livello europeo, è stato più agevole raggiungere il consenso e la cooperazione tra gli stati membri sulla condotta da adottare nei confronti dei richiedenti d’asilo e dei “confini esterni europei” (nella quale si plasma una sempre più visibile rete di controllo volta a bloccare l’immigrazione irregolare). Riguardo le tematiche che trascendono la politica di contrasto all’immigrazione illegale e strumentale, è stato più difficile raggiungere un’armonizzazione (per esempio nella concessione dei permessi). Possiamo addebitare la causa alla riluttanza da parte degli Stati membri dell’Unione Europea a concedere la propria sovranità statale in ambito dell’immigrazione. Sempre in questo capitolo ho voluto portare degli esempi pratici di cosa significhi vivere in condizione di “clandestinità” e come si diventa “clandestini”. La scelta di trattare l’immigrazione ha molto del personale in quanto io stessa sono stata vittima dell’inefficienza del sistema burocratico e giudiziario. Ragazzi che appartengono a seconde generazioni si sentono parte della società ospitante a 360° e si sentirebbero smarriti in qualsiasi altro contesto a loro estraneo (ad esempio nella nazione di origine). Nonostante nella “pratica” siano italiani i loro diritti e la loro nazionalità sono definiti da un pezzo di carta chiamato permesso di soggiorno perché “formalmente” sono stranieri. La legge Bossi- Fini riflette per eccellenza questa dicotomia. La politica è solita manipolare l’opinione pubblica; ne è una chiara prova lo svolgimento di vertici europei nel quale si discute la gestione dell’immigrazione a porte chiuse (sono incontri riservati al quale non possono partecipare neanche giornalisti). Con il quarto capitolo propongo un’analisi di un interessante caso che tocca l’Europa intera ma in maniera più acuta l’Italia: la fine del trattato di Cooperazione ed Amicizia con la Libia e le sue implicazioni. Per concludere nell’Appendice sono riportate alcune interviste di persone il quale profilo si adatta ai casi da me delineati. Sempre nell’appendice sono presenti statistiche attuali e previsioni demografiche che segneranno l’Europa della seconda transizione demografica.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 CAPITOLO PRIMO 1. INTRODUZIONE L‟immigrazione occupa un posto sempre più rilevante nelle priorità dell‟agenda politica comunitaria. Negli ultimi quarant‟anni il massiccio aumento delle migrazioni in direzione del vecchio continente hanno portato i governi europei ad interrogarsi riguardo la necessità di adottare una politica comune in materia di immigrazione per evitare discrepanze legislative e problemi relativi al controllo delle frontiere soprattutto in seguito alla loro apertura nel versante Est ed al continuo allargamento dell‟Unione. Le migrazioni sono un fenomeno che spesso sfugge al controllo nazionale ed in questo contesto l‟Unione sta cercando di realizzare un‟azione comune di controllo delle frontiere che possa risultare efficace e che dia una risposta sovranazionale agli attuali sviluppi, in particolare nell‟area del Mediterraneo. Ovviamente, una condotta di questo genere crea una contrapposizione tra le responsabilità di solidarietà che una società civile dovrebbe garantire (indipendentemente dalla cittadinanza dei soggetti che risiedono nel suo territorio) e le esigenze di sicurezza pubblica e tutela dell‟ordine. Il bilanciamento tra queste due componenti è la vera sfida che l‟Unione Europea è chiamata ad affrontare 1 . Con questo lavoro mi propongo di focalizzare l‟attenzione sugli effetti reali che le politiche nazionali e comunitarie in materia di immigrazione producono nelle vite dei cittadini degli Stati Terzi. Quando utilizzo il termine “effetti reali” intendo dire gli aspetti pratici della vita di tutti i giorni che queste persone si trovano a dover affrontare tra disavventure burocratiche e discriminazione. Quando si tratta il tema “immigrazione” si è soliti affrontarlo da “spettatore” senza dare la dovuta importanza ad aspetti tutt‟altro che superficiali della vita di un immigrato, quali ad esempio la rigidità dei requisiti per ottenere un permesso di soggiorno ed il sottile filo che lega lo status di soggiornante legale al suddetto permesso. Ancor più angosciante e grave è lo stato d‟animo che può avvertire un immigrato che convive quotidianamente con la paura di perdere i suoi diritti all‟interno di una società nella quale ha 1 Luigi Botte, La politica comunitaria in materia di Immigrazione, 2007

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

demografia
europa
immigrazione
cittadinanza
invecchiamento
legalità
ricongiungimento
confini
extracomunitario
asilo
clandestino
permesso di soggiorno
seconde generazioni
libertà di circolazione
detenzione amministrativa
carta di soggiorno
decreti emergenziali
libia trattato

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi