Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Vita da Extracomunitario in Europa: limiti, libertà e diritti dentro i confini comunitari

Negli ultimi quarant’anni il massiccio aumento delle migrazioni in direzione del vecchio continente hanno portato i governi europei ad interrogarsi riguardo la necessità di adottare una politica comune in materia di immigrazione per evitare discrepanze legislative e problemi relativi al controllo delle frontiere. L’Unione sta cercando di realizzare un’azione comune di controllo delle frontiere che possa risultare efficace e che dia una risposta sovranazionale agli attuali sviluppi, in particolare nell’area del Mediterraneo. Ovviamente, una condotta di questo genere crea una contrapposizione tra le responsabilità di solidarietà che una società civile dovrebbe garantire (indipendentemente dalla cittadinanza dei soggetti che risiedono nel suo territorio) e le esigenze di sicurezza pubblica e tutela dell’ordine. Il bilanciamento tra queste due componenti è la vera sfida che l’Unione Europea è chiamata ad affrontare .
Con questo lavoro mi propongo di focalizzare l’attenzione sugli effetti reali che le politiche nazionali e comunitarie in materia di immigrazione producono nelle vite dei cittadini degli Stati Terzi. Quando si tratta il tema “immigrazione” si è soliti affrontarlo da “spettatore” senza dare la dovuta importanza ad aspetti tutt’altro che superficiali della vita di un immigrato, quali ad esempio la rigidità dei requisiti per ottenere un permesso di soggiorno ed il sottile filo che lega lo status di soggiornante legale al suddetto permesso. Più dettagliatamente, nel primo capitolo ho voluto introdurre la terminologia di base correlata al tema dell’immigrazione. Il secondo capitolo affronta descrittivamente la parte più tecnica e delicata del lavoro, in quanto viene studiata la legislazione nazionale di alcuni stati membri riguardo i requisiti di accesso e di soggiorno per poter ottenere un permesso valido e le varie tipologie di permesso in Italia. I paesi che citerò più spesso e del quale mostrerò le attuali tendenze, sono stati scelti sulla base delle maggiori propensioni migratorie attuali. In questo capitolo si tiene conto della distinzione tra cittadino comunitario ed extracomunitario. Un’ultima sezione di questo capitolo mostrerà i requisiti necessari al conseguimento della cittadinanza e dei permessi ponendo in evidenza, laddove sussistano, le maggiori differenze tra gli stati membri. Nel terzo capitolo sono concentrati gli effetti pratici della rigidità che sembra oggi contraddistinguere le politiche migratorie. Vedremo qui come il diritto d’asilo abbia intrapreso un lento percorso verso lo sgretolamento e destrutturazione. A questo proposito c’è da dire che, a livello europeo, è stato più agevole raggiungere il consenso e la cooperazione tra gli stati membri sulla condotta da adottare nei confronti dei richiedenti d’asilo e dei “confini esterni europei” (nella quale si plasma una sempre più visibile rete di controllo volta a bloccare l’immigrazione irregolare). Riguardo le tematiche che trascendono la politica di contrasto all’immigrazione illegale e strumentale, è stato più difficile raggiungere un’armonizzazione (per esempio nella concessione dei permessi). Possiamo addebitare la causa alla riluttanza da parte degli Stati membri dell’Unione Europea a concedere la propria sovranità statale in ambito dell’immigrazione. Sempre in questo capitolo ho voluto portare degli esempi pratici di cosa significhi vivere in condizione di “clandestinità” e come si diventa “clandestini”. La scelta di trattare l’immigrazione ha molto del personale in quanto io stessa sono stata vittima dell’inefficienza del sistema burocratico e giudiziario. Ragazzi che appartengono a seconde generazioni si sentono parte della società ospitante a 360° e si sentirebbero smarriti in qualsiasi altro contesto a loro estraneo (ad esempio nella nazione di origine). Nonostante nella “pratica” siano italiani i loro diritti e la loro nazionalità sono definiti da un pezzo di carta chiamato permesso di soggiorno perché “formalmente” sono stranieri. La legge Bossi- Fini riflette per eccellenza questa dicotomia. La politica è solita manipolare l’opinione pubblica; ne è una chiara prova lo svolgimento di vertici europei nel quale si discute la gestione dell’immigrazione a porte chiuse (sono incontri riservati al quale non possono partecipare neanche giornalisti). Con il quarto capitolo propongo un’analisi di un interessante caso che tocca l’Europa intera ma in maniera più acuta l’Italia: la fine del trattato di Cooperazione ed Amicizia con la Libia e le sue implicazioni. Per concludere nell’Appendice sono riportate alcune interviste di persone il quale profilo si adatta ai casi da me delineati. Sempre nell’appendice sono presenti statistiche attuali e previsioni demografiche che segneranno l’Europa della seconda transizione demografica.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 CAPITOLO PRIMO 1. INTRODUZIONE L‟immigrazione occupa un posto sempre più rilevante nelle priorità dell‟agenda politica comunitaria. Negli ultimi quarant‟anni il massiccio aumento delle migrazioni in direzione del vecchio continente hanno portato i governi europei ad interrogarsi riguardo la necessità di adottare una politica comune in materia di immigrazione per evitare discrepanze legislative e problemi relativi al controllo delle frontiere soprattutto in seguito alla loro apertura nel versante Est ed al continuo allargamento dell‟Unione. Le migrazioni sono un fenomeno che spesso sfugge al controllo nazionale ed in questo contesto l‟Unione sta cercando di realizzare un‟azione comune di controllo delle frontiere che possa risultare efficace e che dia una risposta sovranazionale agli attuali sviluppi, in particolare nell‟area del Mediterraneo. Ovviamente, una condotta di questo genere crea una contrapposizione tra le responsabilità di solidarietà che una società civile dovrebbe garantire (indipendentemente dalla cittadinanza dei soggetti che risiedono nel suo territorio) e le esigenze di sicurezza pubblica e tutela dell‟ordine. Il bilanciamento tra queste due componenti è la vera sfida che l‟Unione Europea è chiamata ad affrontare 1 . Con questo lavoro mi propongo di focalizzare l‟attenzione sugli effetti reali che le politiche nazionali e comunitarie in materia di immigrazione producono nelle vite dei cittadini degli Stati Terzi. Quando utilizzo il termine “effetti reali” intendo dire gli aspetti pratici della vita di tutti i giorni che queste persone si trovano a dover affrontare tra disavventure burocratiche e discriminazione. Quando si tratta il tema “immigrazione” si è soliti affrontarlo da “spettatore” senza dare la dovuta importanza ad aspetti tutt‟altro che superficiali della vita di un immigrato, quali ad esempio la rigidità dei requisiti per ottenere un permesso di soggiorno ed il sottile filo che lega lo status di soggiornante legale al suddetto permesso. Ancor più angosciante e grave è lo stato d‟animo che può avvertire un immigrato che convive quotidianamente con la paura di perdere i suoi diritti all‟interno di una società nella quale ha 1 Luigi Botte, La politica comunitaria in materia di Immigrazione, 2007

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Diessica Dias Aguiar Contatta »

Composta da 166 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1216 click dal 30/08/2011.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.