Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Socializzazione Oggi

Assieme a temi e problematiche che sono alla base del rapporto educazione-società, nella parte introduttiva di questo lavoro ho presentato, in sintetica rassegna, i modelli tradizionali e teorici della relazione socio educativa.Nelle pagine di preambolo, ho anche ricordato come, storicamente, siano state individuate tre concezioni fondamentali, ben diverse tra loro, con le quali si è inteso il rapporto educazione-società:
•funzionalista-integrazionista •conflittualista-marxista • interazionista-comunicativa.
Se, per agenzie di socializzazione si intendono le istituzioni che hanno compiti formativi, bisogna, in primo luogo, prendere in considerazione la famiglia. Successivamente, il secondo capitolo è dedicato alla scuola: quando il bambino vi entra, sperimenta subito l’appartenenza ad un’organizzazione complessa, con regole e valori il cui carattere, man mano che si sale di livello, si comprende meglio. Ho specificato come la socializzazione scolastica si differenzia da quella familiare e come tutto questo si confronta con le aspettative di adolescenti e giovani, indicate nelle indagini – da me puntualmente segnalate – che il benemerito Istituto IARD da oltre un ventennio svolge sulla condizione giovanile. Se è vero, d’altra parte, che nel «fare scuola» di ogni giorno sono gli insegnanti a tenere in mano le leve della socializzazione – perché sono essi che devono guidare sulla strada del conseguimento degli obiettivi –, tuttavia molti Autori privilegiano il punto di vista dell’allievo sugli esiti che la scuola raggiunge nel perseguimento delle sue funzioni.
In fine per la «socialità mediata»,dove l’attenzione si è di nuovo focalizzata sulla famiglia e sui modi in cui, in tale ambito, si struttura il consumo televisivo. A differenza dei media a stampa, che sono consumati individualmente, e di quelli elettronici, la cui fruizione solo in certi casi può avvenire in famiglia o in gruppo, la televisione è «domina» della famiglia, entrando naturalmente in casa, la quale, soprattutto per le nuove generazioni, non è stimata abitabile se mancano acqua, luce e, appunto, televisore.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione Il termine socializzazione indica un ramo ben preciso di studi nell‟ambito delle scienze sociali ed assume il suo significato corrente a partire dagli anni 1930-1940. Esso esprime il legame tra l‟individuo e la sua società di appartenenza, dunque è un processo che avviene durante l‟intera esistenza del soggetto. Ciò, in special modo, nella società contemporanea che, molto spesso, pretende dall‟individuo, oltre all‟assunzione di una molteplicità di ruoli, l‟acquisizione di sempre nuove competenze e il puntuale adattamento a situazioni che richiedono «de-socializzazione agli orientamenti di valore precedenti e una ri-socializzazione a un diverso sistema di aspettative» 1 . Il processo di socializzazione si definisce, con impercettibili varianti, come trasmissione di valori, norme, atteggiamenti e comportamenti condivisi dai membri in un determinato gruppo sociale, e si realizza mediante un continuo sistema di comunicazione verbale e non verbale da parte di soggetti individuali o collettivi, di agenzie ed unità sociali che si diversificano per ruoli e caratteristiche. Dunque la socializzazione, quale dinamica sociale, spiega le relazioni tra cultura e identità sociale e tra necessità ed aspettative biologiche e sociali. I meccanismi attraverso i quali essa si svolge attengono alle forme di apprendimento – per imitazione, per ricompense o sanzioni, e per molte altre declinazioni del termine 1 Cfr. Besozzi E., Elementi di sociologia dell’ educazione , Carocci, Roma 2003, p. 76

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Anna Maria Lanza Contatta »

Composta da 121 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 9130 click dal 01/09/2011.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.