Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La logica sfumata e le sue problematiche epistemologiche

La logica sfumata rappresenta un compromesso fra la precisione della logica classica e l’imprecisione del ragionamento umano, nel tentativo di dare ai computer una logica che abbia la flessibilità del linguaggio quotidiano e la precisione del linguaggio della logica formale, consentendo perciò all’intelligenza artificiale di operare in situazioni prima ad essa precluse, ovvero in una condizione di vaghezza.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 PREMESSA La logica sfumata ⟨fuzzy logic⟩ nasce nel 1965 da un articolo 1 sugli insiemi sfumati ⟨fuzzy sets⟩ di Lofti A. Zadeh, allora preside del dipartimento di Ingegneria Elettronica dell’Università della California a Berkeley, un articolo che costituisce una pietra miliare e che ha dato il nome a questo campo di studi. La logica sfumata scaturisce dall’esigenza di dare ai sistemi informatici e cibernetici una maggiore flessibilità. Infatti i computer sono in grado di elaborare solo informazioni che si basano su fatti precisi che possono essere ridotti a successioni di 0 e di 1, ed enunciati del tipo « vero o falso ». Il cervello umano, invece, è in grado di elaborare anche altri tipi di informazione. Il ragionamento umano, cioè, è più flessibile rispetto a quello dei calcolatori, basato sulla logica binaria, e questo gli permette di poter operare anche nelle situazioni di incertezza o in cui si hanno informazioni incomplete, non quantitative, distorte, non ben definite. 1 L.A. ZADEH: Fuzzy sets. Information and control, 8, 1965, pp. 338- 353.

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Giovanni Fuschino Contatta »

Composta da 145 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3334 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.