Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Tecniche progettuali di illuminazione aeroportuale

Con questa tesi illustro le principali caratteristiche fisiche di un aeroporto, esaminando in particalr modo la funzione svolta delle diverse unità luminose installate. Verranno inoltre descritte le partolari tecniche di alimentazione elettriche tipiche aeroportuali.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione All‟inizio dell‟era dell‟aviazione, le mediocri conoscenze tecniche in campo aeronautico comportavano la realizzazione di velivoli leggeri e con basse velocità di decollo, per i quali non erano necessarie particolari infrastrutture a terra. Con il passare degli anni e l‟evolversi della tecnologia che ha sviluppato aeromobili sempre più sofisticati e potenti, siamo arrivati a considerare l‟aeroporto una imprescindibile necessità per i velivoli, capace di consentire le manovre per l‟atterraggio, il decollo e il parcheggio. Ed è proprio in questo contesto che si inserisce l‟importanza di una corretta, quanto accurata, progettazione di illuminazione aeroportuale. Infatti, dato l‟ormai crescente uso degli aerei in campo civile, commerciale e militare, è necessario predisporre sistemi luminosi che possano garantire l‟uso dell‟aeroporto anche nelle ore notturne o in situazioni di scarsa visibilità. Dall‟illuminazione notturna dipende la sicurezza del pilota e delle persone eventualmente a bordo. L‟articolazione dello studio, su sei capitoli, può essere sintetizzata nel modo sottoindicato. Nel primo capitolo verrà illustrato il quadro normativo dell‟aviazione civile in ambito Internazionale e Italiano. Nel secondo capitolo passeremo a trattare, a livello molto generale, la struttura fisica di un aeroporto, spiegando la funzione svolta dalla pista, dalle taxiway e dal piazzale. Ci concentreremo soprattutto sulle diverse categorie di pista. Inoltre, verrà dato un accenno sul concetto di visibilità di pista (RVR). Nel terzo capitolo, l‟attenzione verrà spostata sulla struttura complessiva dell‟illuminazione aeroportuale, distinguendo le varie tipologie di sentieri luminosi di avvicinamento alla pista (necessari all‟atterraggio); la struttura dei sistemi luminosi installati sulla pista, destinati ad aiutare i piloti nelle operazioni di decollo e atterraggio; la struttura dei sistemi luminosi installati sulle taxiway, destinati al rullaggio a terra degli aeromobili; nonché all‟illuminazione dei piazzali. Concluderemo con la funzione svolta dalla manica a vento, dai segnali ostacolo e dai fari d‟aeroporto. Nel quarto capitolo, oltre a dare una descrizione di quello che è un tipico impianto elettrico di alimentazione dei sistemi AVL (aiuti visivi luminosi), ci soffermeremo sui metodi progettuali che garantiscono un‟elevata affidabilità per quanto riguarda la continuità del servizio di alimentazione elettrica dei corpi luminosi.

Laurea liv.I

Facoltà: Ingegneria

Autore: Niccolò Bologna Contatta »

Composta da 90 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1487 click dal 13/09/2011.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.