Skip to content

Sulla “Terza Via” problemi di identificazione e definizione

Informazioni tesi

  Autore: Enrico Zini
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Pisa
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze Politiche
  Relatore: Fedele Ruggeri
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 241

Sono passati più di dieci anni da quando Tony Blair, divenuto il leader del partito laburista, diede il via al rinnovamento del partito volto a riportarlo al potere dopo sedici anni di governo conservatore. Da questo rinnovamento, realizzato da Tony Blair e teorizzato da alcuni intellettuali inglesi, tra cui Anthony Giddens, nascerà la Terza Via.
La Terza Via si definisce come l'unica via possibile per governare la globalizzazione. Essa, hanno sempre sostenuto i suoi esponenti, è una necessità perché nè la vecchia politica socialdemocratica, nè le politiche neoliberiste sono in grado di governare i processi in corso.
Per far questo occorrono una nuova politica e nuovi valori di riferimento, valori che la Terza Via individua nella responsabilità individuale, nell'uguaglianza delle opportunità e nella comunità. Questi valori diventano le fondamenta di una nuova concezione dello Stato e di una nuova politica volta a dare risposte ai problemi posti dalla nuova era della globalizzazione. Una globalizzazione considerata dalla Terza Via, che pur ne riconosce alcuni limiti, come un fenomeno sostanzialmente positivo. Una globalizzazione che però va saputa governare in modo da renderla più equa e più umana di quanto potrebbe fare una politica neoliberista e in maniera più efficiente di quanto potrebbe fare una politica socialdemocratica.
Nel governo della globalizzazione, la Terza Via si propone di coinvolgere lo Stato, le istituzioni internazionali, le imprese multinazionali e la società civile. Lo Stato viene considerato ancora il più potente attore sulla scena in grado di bilanciare i poteri persi, proprio a causa della globalizzazione, mediante le istituzioni internazionali. Le multinazionali, d'altro canto, avrebbero nel tempo sviluppato una sensibilità che le ha rese “socialmente responsabili” e in grado di agire in equilibrio tra l'interesse generale e gli interessi dei propri azionisti. Alla società civile, a sua volta, toccherebbe un ruolo fondamentale nell'esercitare pressioni sulle imprese affinché osservino le regole di comportamento stabilite di concerto dalle stesse con gli stati e le istituzioni internazionali.
La misura della riuscita di questo ambizioso programma dovrebbe essere data, in base alle stesse dichiarazioni degli esponenti della Terza Via, dal raggiungimento degli obiettivi di sviluppo del millennio fissati dalle Nazioni Unite.
Nella prima parte del lavoro si è cercata una definizione il più possibile completa della Terza Via e si sono analizzate e riassunte le sue più autorevoli posizioni teoriche, in opposizione sia al liberismo che alla socialdemocrazia; successivamente la ricerca si è soffermata sui valori, sulla concezione dello Stato, sulla concezione della globalizzazione e sul modo di governarla proposti della terza Via. La prima parte si è chiusa con l'esplicitazione degli obiettivi. Il lavoro si è poi orientato ad esaminare in primo luogo i risultati ottenuti dalle politiche della Terza Via e, per questo, fonte principale sono stati i rapporti di organismi internazionali, come le Nazioni Unite e varie ONG; la parte finale si è concentrata sulla riconsiderazione dei rapporti tra Stato, organizzazioni internazionali, imprese multinazionali e società civile, per verificare se gli assunti sui quali si sono mosse le politiche della Terza Via, relativi al peso degli attori presenti sulla scena (Stato, organizzazioni internazionali, imprese multinazionali e società civile) e alle loro reciproche relazioni, corrispondano alla realtà effettiva:
Si è preferito, nel corpo del lavoro, dare il più direttamente possibile, la parola ai protagonisti, cioè a Giddens, a Blair, agli altri teorici della Terza Via, nonchè ai dissidenti e ai critici come pure alle figure più rappresentative della politica, dell’economia e della società civile, affinchè risultasse, per così dire, oggettivamente, quale fosse il contesto nel quale si era mossa la ricerca.
Nelle Conclusioni si sono tirate le fila spiegando i motivi delle scelte operate, ricostruendo lo scheletro argomentativo seguito e mostrando i risultati a cui si è giunti.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione L‘espressione "Terza Via‖ è stato usata per la prima volta alla fine del diciannovesimo secolo con riferimento alla dottrina sociale della chiesa proposta nell‘enciclica Rerum Novarum emanata dal papa Leone XIII nel 1891 che si poneva come alternativa tanto al socialismo quanto al liberismo. Lo stato, ispirandosi ai principi cristiani, infatti doveva tutelare la proprietà ma allo stesso tempo garantire per legge il benessere degli operai e provvedere ai più deboli (le donne e i minori). Dopo la prima guerra mondiale, che segnò uno spartiacque in quanto la rivoluzione sovietica si poneva come modello di un socialismo realizzabile a breve termine e suscitò accese speranze ma anche violentissime reazioni, si posero come ―Terza Via‖ anche il socialfascismo e il nazionalsocialismo in quanto proponevano il superamento dell‘internazionalismo proletario a favore di un socialismo fortemente nazionalista. Un‘altra occasione in cui si usò l‘espressione fu agli inizi degli anni Trenta quando, dopo la crisi del ‘29, si capì che il mercato non poteva essere lasciato a se stesso e Roosevelt, sostenuto in qualche modo dall‘economista inglese Keynes, attuò il New Deal ponendo i presupposti per il welfare state che, per almeno mezzo secolo, soprattutto nell‘Europa continentale dove aveva assorbito molte delle idee portate avanti dai partiti socialdemocratici e comunisti, sembrò la terza via tra comunismo e libero mercato. Ma anche all‘interno della sinistra, è stata usata l‘espressione ―Terza Via‖ che ha assunto nel tempo significati diversi. Dapprima, verso la fine dell‘800, è stato il socialismo democratico o evoluzionista ad essere considerato la terza via in quanto, a differenza di Marx, non faceva più dipendere l‘avvento del socialismo dalle lotte rivoluzionarie del partito della classe operaia, ma da un automatismo storico futuro che avrebbe fatto diventare classe operaia la quasi totalità della società permettendo l‘avvento del socialismo pacificamente, attraverso la conquista della maggioranza parlamentare. Su questa base i partiti socialisti europei, sul modello del Partito Socialdemocratico Tedesco, facevano il loro ingresso nell‘agone politico rivendicando il suffragio universale e ponendosi anche la questione dell‘eventuale partecipazione a governi borghesi al fine di cominciare fin da subito a migliorare nel concreto la qualità della vita delle classi lavoratrici e a preparare le condizioni dell‘avvento della società socialista.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

globalizzazione
unione europea
wto
onu
tony blair
banca mondiale
welfare state
ong
terza via
socialdemocrazia
responsabilità sociale delle imprese
fondo monetario internazionale(fmi)
organismi internazionali
partito laburista
neoliberismo
self regulation
anthony giddens
destra e la sinistra
beck ulrich
stato garante

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi