Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Forze Armate Italiane nelle Missioni all'Estero

In questa tesi prenderemo in considerazione l’argomento delle Forze Armate Italiane nelle missioni all’estero, in tutte le zone più a rischio come Afghanistan, Iraq e le aree più calde della penisola balcanica.
Aree in cui l’Italia ha contribuito in modo decisivo nel supporto logistico civile-militare, mantenendo così la pace tra popolazioni di diversa etnia, evitando i conflitti che si innescavano tra loro.
L’Italia è forse uno dei Paesi della NATO e dell’Unione Europea che ha dato e continua a dare un maggior contributo nelle missioni di pace, non solo coordinando operazioni militari ma anche aiutando le popolazioni dal punto di vista umanitario, creando un clima di sostegno e di sicurezza nella gente. Tratteremo inoltre in modo specifico l’aspetto delle Missioni di Pace rifacendoci alle norme della costituzione italiana per quanto riguarda le Forze Armate italiane, tra cui l’articolo 11.
Verranno trattati anche altri argomenti, come la difesa della patria, rientranti nella disciplina delle Istituzioni del Diritto Pubblico. Infine presenteremo le principali missioni che vedono l’Italia impegnata in prima linea dagli anni novanta fin dai giorni nostri, con l’aiuto degli altri Paesi membri della NATO e dell’Unione Europea.
Tale organizzazione ha dato grande sostegno morale e politico alle truppe italiane nelle situazioni di maggior rischio. Inoltre non solo la NATO, ma anche le Nazioni Unite hanno fornito il loro prezioso contributo in ogni Paese in cui le riforme democratiche ed i diritti umani sono stati a rischio.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 Capitolo 1 La Disciplina costituzionale sulle Forze Armate ed in specie l’Art. 11 cost. 1.1 L’Ordinamento costituzionale italiano nei conflitti internazionali. Le nuove norme sulla riforma delle Forze Armate hanno previsto, accanto alla tradizionale funzione di difesa del territorio nazionale e delle vie di comunicazione marittime e aeree, quella di partecipazione alle missioni multinazionali per interventi a supporto della pace. A questo punto constatiamo che l’Italia non si è limitata soltanto a prendere parte alle missioni di pace, ma si è trovata coinvolta in situazioni conflittuali che hanno comportato la partecipazione dell’Esercito a vere e proprie guerre. La guerra prevista dall’articolo 78 1 ed anche dagli articoli 11 e 52, era solo quella subita nei cui confronti si rende necessario un supporto alla difesa da minacce consistenti sia alla patria sia per quanto riguarda le missioni all’estero. In questo quadro di norme e leggi costituzionali l’Italia è diventata uno dei paesi leader accanto agli Stati Uniti d’America, acquisendo così un ruolo importante nelle missioni militari per la pace, esponendosi però, d’altro canto, a molti rischi come il terrorismo internazionale e Guerriglie urbane nelle zone più calde del mondo. 1 Cfr De Vergatini, Guerra e costituzione:Nuovi confilitti e sfide alla democrazia, ed. il Mulino, Bologna, 2004, p. 32-33.

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Kreshnik Baja Contatta »

Composta da 33 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3674 click dal 17/01/2013.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.