Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La partnership e lo sviluppo degli studi professionali associati

Nell'era della globalizzazione, la necessità di crescere, di farsi conoscere, di ottimizzare la qualità del servizio, ha investito anche i professionisti e le strutture in cui operano: gli studi professionali. Un contesto sociale che non ammette ritardi, errori, omissioni o ignoranza di sorta e che sta portando ad una costante evoluzione dell'organizzazione dei professionisti verso la forma dell'associazionismo. L'organizzazione quindi deve incentrarsi su una gestione accurata delle risorse umane e degli strumenti messi a disposizione del progresso tecnologico, con l'unico obiettivo di fornire un servizio di qualità.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE Nell‟era della globalizzazione, la necessità di crescere, di farsi conoscere, di ottimizzare la qualità del servizio, ha investito anche i professionisti e le strutture in cui operano: gli studi professionali. Un contesto sociale che non ammette ritardi, errori, omissioni o ignoranza di sorta e che sta portando ad una costante evoluzione dell‟organizzazione dei professionisti verso la forma dell‟associazionismo. L‟organizzazione quindi deve incentrarsi su una gestione accurata delle risorse umane e degli strumenti messi a disposizione del progresso tecnologico, con l‟unico obiettivo di fornire un servizio di qualità. Ovviamente le necessità di offrire un servizio professionale impeccabile hanno reso preferibile per molti professionisti l‟attività professionale in forma associata. Tuttavia bisogna costatare che l‟evoluzione delle professioni verso l‟associazionismo viene ostacolata da due ordini di motivi. In primis dal carattere stesso del professionista che mal sopporta una limitazione dell‟autonomia di agire ed i legami che giocoforza l‟associazione con altri partner comporta ed in secondo luogo dal sistema legislativo che non ha agevolato il fenomeno. Il legislatore teme infatti una concentrazione eccessiva di potere nelle associazioni e la nascita di lobby capaci di ostacolare la libera concorrenza e schiacciare i piccoli professionisti.

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Carla Nicolay Contatta »

Composta da 113 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 660 click dal 20/09/2011.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.