Skip to content

Immigrazione e finanza pubblica

Informazioni tesi

  Autore: Luca Graziosi
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze politiche e delle orgaizzazioni
  Relatore: Stefano Toso
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 51

La tesi presenta il fenomeno migratorio partendo dai dati e dagli aspetti generali, quali età, genere, lavoro, religione. In seguito viene approfondito l'impatto dell'immigrazione sui bilanci pubblici anche attraverso un'attenta analisi comparata.
Infine si sofferma maggiormente sulle peculiarità del caso italiano analizzando nel dettaglio la spesa e le entrate derivanti dall'immigrazione nelle principali voci di spesa, quali sanità, istruzione, previdenza, lavoro, sicurezza e sussidi.
In un contesto politico e sociale nel quale l’immigrazione viene spesso trattata attraverso accorgimenti valoriali che possono subire spesso valutazioni soggettive, questo lavoro si è proposto di trattare la tematica in modo freddo, attraverso il sapore crudo dei numeri. I giudizi di merito vanno semmai rivolti alle politiche pubbliche con le quali si affronta la problematica a livello sociale. In tal senso le critiche sollevabili non sono poche.
Innanzi tutto è obbligatorio chiedersi quanto la scarsa conoscenza del fenomeno migratorio, dovuta ad un interesse scientifico assai limitato, possa influire sulla percezione e sui sentimenti dei cittadini. Fuori luogo possono sembrare in tal senso dichiarazioni dai toni aspri e molto spesso poco assennate.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE I sommovimenti nordafricani e le ribellioni hanno riportato sotto gli occhi di tutti un fenomeno al quale l’Italia non assisteva oramai da alcuni anni, ovvero lo sbarco di immigrati sulle coste di Lampedusa; uomini che sfidano il mare a bordo di barconi fatiscenti, molto spesso ammassati come bestiame e in condizioni igieniche a dir poco scadenti. Queste immagini hanno immediatamente riacceso il dibattito sull’immigrazione. Tutto ciò non stupisce affatto, come non stupisce che tra le opposte fazioni del dibattito vi siano coloro che demonizzano l’immigrazione e che vedono nei respingimenti forzati l’unica via d’uscita da ciò che considerano un’invasione. Ciò che stupisce è come vi sia la necessità di avere ben presenti le immagini per porsi il problema. Se, infatti, era da tempo che non assistevamo più a sbarchi massicci è doveroso precisare che mai si è fermato né attenuato l’ingresso di cittadini non italiani sul suolo italico. Forse vale il detto <occhio non vede, cuore non duole>. L’ambizione di questo elaborato è quella di superare l’effetto iniziale dovuto alle immagini o ai fatti di cronaca ai quali siamo abituati dai telegiornali per soffermarci su aspetti dei quali molto meno, se non tra gli addetti ai lavori, si tende a concentrarsi, come l’impatto che questi “invasori” hanno e avranno sui conti pubblici del nostro paese. Per fare ciò, certamente, è obbligatorio partire dai numeri, perché quelli non mentono mai; ma è su questo aspetto che si incontrano le più insidiose difficoltà. Nonostante si assista di frequente nel dibattito politico a toni che poco hanno a che fare con la democrazia, ciò che manca davvero sono le ricerche sul tema e, ancor più curioso, soprattutto quelle di stampo governativo. Sono partito con l’analizzare il fenomeno migratorio nel caso italiano prendendo in considerazione attentamente i numeri relativi alle caratteristiche principali dell’immigrazione come la consistenza numerica, la provenienza, l’età, il genere e la religione. Il lavoro e le modalità di regolarizzazione completano il capitolo con gli aspetti fondamentali del fenomeno, aspetti che possono essere il punto di partenza per un’analisi economica. Il secondo capitolo pone le fondamenta sul tema. Parlando di demografia, di teorie economiche e di studi empirici effettuati in altri paesi europei ho cercato di direzionare lo studio lontano dalle coscienze individuali per cercare il giudizio più imparziale, se è

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi