Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Economia dei cambiamenti climatici e Carbon Capture and Storage

Questa tesi parte dalla constatazione, ampiamente riconosciuta nella comunità scientifica, che vi siano dei mutamenti climatici in atto. Tali mutamenti dovranno essere affrontati a livello economico dalla comunità globale. Tra tutte le tecniche per la riduzione delle emissioni di anidride carbonica nell'atmosfera questa tesi di laurea analizza il metodo della cattura e sequestro della CO2.
Infine ci si chiede quale possa essere il futuro di questa tecnologia, sia a livello europeo che a livello mondiale e quali siano gli stakeholder interessati all’implementazione. Un altro quesito era quello relativo all’effettivo valore di questa tecnologia in riferimento ai cambiamenti climatici.
Come detto in varie circostanze, il valore del CCS potrebbe proprio esplicarsi in questa capacità di fare da trait d’union nel graduale passaggio da tecnologie carbon-intensive a tecnologie low-carbon. Il problema rimane quello dei costi capitali troppo alti al momento. L’unico modo per uno sviluppo del CCS su vasta scala, sarebbe un progresso tecnologico che renda più accessibili i costi di implementazione. Sicuramente il know-how conta molto, ma da solo non basta.
si è cercato di sottolineare l’importanza che i mutamenti climatici possono avere sull’andamento dell’economia. L’obiettivo è stato quello di affermarne con forza l’esistenza ed analizzarne i costi. Il cambiamento climatico è reale e anche se vi è incertezza scientifica sui possibili sviluppi, non si può trascurare negli scenari futuri la possibilità di eventi catastrofici che possano comportare danni elevatissimi. Proprio la possibilità di elaborare degli scenari, permette di capire quanto possano influire nuove tecnologie nella mitigazione dei cambiamenti climatici.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE È sempre complicato motivare il perché della scelta di un determinato argomento sviluppato nella tesi. A maggior ragione lo è per una tesi magistrale, che richiede un lavoro di analisi non indifferente nelle discipline socio-economiche. Ho scelto un argomento nuovo e sperimentale sul quale c’è scarsa letteratura e grande incertezza sugli sviluppi futuri: l’economia dei cambiamenti climatici ed il metodo di cattura e stoccaggio geologico della CO 2 , chiamato Carbon Capture and Storage (da qui in avanti CCS). La decisione dell’analisi di una materia che forse sarebbe più indicata per studenti di economia o ingegneria non deve trarre in inganno, poiché tale scelta è avvenuta in funzione del percorso in “Economia e Politiche dell’Ambiente” del corso di laurea di “Sviluppo, Ambiente e Cooperazione”. Gli studi a monte in “Scienze Internazionali” mi hanno portato a seguire una materia che, dai meno informati o dagli scettici, è considerata di nicchia, ma che in realtà sarà al centro delle relazioni internazionali nel futuro. Oggi sempre più sentiamo parlare di questione energetica e cambiamenti climatici. Quello di cui però poco si parla è la proporzione in cui tali problemi influenzeranno l’economia mondiale nei prossimi anni. Quali sono, dunque, le eventuali perdite che dovremo fronteggiare? Come potremo adattare lo stile di vita occidentale ai sacrifici economici che il cambiamento climatico imporrà? Ultimamente si sente spesso parlare di decrescita, senza sapere bene quali effetti tale decrescita possa avere e cosa richieda a livello di economia globale. Nella scelta della tesi sono stato in gran parte influenzato dalla mia esperienza di studi in Norvegia, Stato in cui la consapevolezza dei rischi derivanti dai cambiamenti climatici ha stimolato lo sviluppo di tecnologie a basso impatto ambientale o, per meglio dire, low-carbon. Il fine di questa tesi magistrale è quello di analizzare l’economia dei cambiamenti climatici e le tecnologie esistenti per mitigarne gli impatti. Una volta asserita l’effettiva esistenza di tali cambiamenti e verificato il loro impatto sull’economia, 6

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Ludovico Panzieri Contatta »

Composta da 119 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 947 click dal 22/09/2011.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.