Skip to content

Pubblico - Privato: Le 10 domande di Repubblica a Berlusconi

Informazioni tesi

  Autore: Francesco Monte
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze della comunicazione
  Relatore: Mauro Sarti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 36

Nel 2009 il panorama della politica italiana è stato teatro di scontri e scandali continui, per lo più riguardanti il Presidente del Consiglio in carica Silvio Berlusconi e la stampa, sia nazionale che estera. Il caso di Noemi Letizia, vallettopoli, le dichiarazioni di Veronica Lario, le foto di Zapaddu a Villa Certosa, le denunce a diversi quotidiani, le vicende legate alle escort, hanno causato ben più di qualche imbarazzo al Cavaliere, andando ad intaccare ripetutamente la sua immagine e quindi (si suppone) la sua carriera politica. Il tutto ha portato l'opinione pubblica a porsi delle domande sulla legittimità delle pubblicazioni riguardanti i fatti personali del Premier, fino ad arrivare a questionare sulla libertà di stampa nel nostro paese. Ne sono quindi nati diversi fenomeni trasversali, tra cui manifestazioni, nascita di blog e siti internet a riguardo, arrivando addirittura ad avere risonanza su network e social forum.
Prendere in esame ognuno di questi eventi sarebbe un lavoro lungo e dispersivo, anche se interessante. In questo elaborato di laurea ci si concentrerà pertanto su un unico aspetto fra i tanti che hanno caratterizzato il travagliato 2009 di Berlusconi e della stampa italiana. Partendo da una cronologia degli avvenimenti, si ricostruirà brevemente il caso su Noemi Letizia, che ha portato poi alla pubblicazione da parte del quotidiano la Repubblica di dieci domande rivolte direttamente al Premier. Domande che verranno poi ignorate per diversi mesi, trasformandosi in seguito in una sorta di tormentone mediatico (soprattutto sul web), e diventando infine oggetto di querela da parte del Primo Ministro.
Perché si è scelto di focalizzare il lavoro sulle vicende fra Berlusconi e il quotidiano creato da Eugenio Scalfari? I motivi sono molteplici, e prendono in esame una serie di fattori molto diversi fra loro che hanno trovato in queste dieci domande un unico filo conduttore. In primo luogo c'è la questione del diritto di cronaca e del rispetto della privacy: gli avvenimenti che abbiamo appena citato hanno infatti portato all'attenzione dell'opinione pubblica argomenti che si possono tranquillamente intendere come parte della sfera privata di un personaggio di pubblico interesse. E che, di conseguenza, sono stati classificati a volte come rilevanti e a volte come puro gossip, a seconda di chi ne parlava o di chi ne scriveva.
In secondo luogo non si può non focalizzare l'attenzione su una querela che definisce come “diffamatorie” delle domande poste da un quotidiano ad un personaggio politico. Si proverà quindi a capire se ci possa essere realmente un presunto reato di diffamazione e quali motivazioni hanno portato Silvio Berlusconi a citare in giudizio Repubblica.
Successivamente, si analizzerà il fenomeno nato sul web dei cosiddetti “farabutti”, in quanto reazione del quotidiano e dei suoi lettori di fronte alle dichiarazioni pubbliche del Premier. Reazione che, da semplice manifestazione di pensiero in rete, si è evoluta a manifestazione vera e propria in piazza, inglobando fra i sostenitori non solo gente comune, ma anche artisti, intellettuali e personaggi politici. Parliamo quindi di una vicenda che ha avuto risvolti sia sul piano ideologico, come sempre accade in politica, che su quello pratico, in quanto ha portato un importante numero di cittadini alla mobilitazione.
La quarta ragione per cui si sta scrivendo sull'argomento, è la grande risonanza mediatica che questa vicenda ha avuto nella stampa estera. Non sono stati solo gli scandali personali ad aver attirato l'attenzione di quotidiani di tutto il mondo sull'Italia, ma anche (se non soprattutto) le reazioni del Presidente del Consiglio di fronte alle attività della stampa nostrana e straniera. Da qui ne è nato un acceso dibattito sulla situazione generale della stampa nel nostro paese, sia interno che internazionale.
In ultima sede, è interessante notare come questo fenomeno e le corrispettive diatribe siano poi svanite nel nulla, cadute in una sorta di dimenticatoio mediatico a distanza di qualche mese dal loro inizio, subissate dai successivi fatti di cronaca riguardanti sempre e comunque Berlusconi. Un fattore che certamente non si può sottovalutare, nonostante la notiziabilità degli avvenimenti, come ben si sa, non duri mai in eterno.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Nel 2009 il panorama della politica italiana è stato teatro di scontri e scandali continui, per lo più riguardanti il Presidente del Consiglio in carica Silvio Berlusconi e la stampa, sia nazionale che estera. Il caso di Noemi Letizia, vallettopoli, le dichiarazioni di Veronica Lario, le foto di Zapaddu a Villa Certosa, le denunce a diversi quotidiani, le vicende legate alle escort, hanno causato ben più di qualche imbarazzo al Cavaliere, andando ad intaccare ripetutamente la sua immagine e quindi (si suppone) la sua carriera politica. Il tutto ha portato l'opinione pubblica a porsi delle domande sulla legittimità delle pubblicazioni riguardanti i fatti personali del Premier, fino ad arrivare a questionare sulla libertà di stampa nel nostro paese. Ne sono quindi nati diversi fenomeni trasversali, tra cui manifestazioni, nascita di blog e siti internet a riguardo, arrivando addirittura ad avere risonanza su network e social forum. Prendere in esame ognuno di questi eventi sarebbe un lavoro lungo e dispersivo, anche se interessante. In questo elaborato di laurea ci si concentrerà pertanto su un unico aspetto fra i tanti che hanno caratterizzato il travagliato 2009 di Berlusconi e della stampa italiana. Partendo da una cronologia degli avvenimenti, si ricostruirà brevemente il caso su Noemi Letizia, che ha portato poi alla pubblicazione da parte del quotidiano la Repubblica di dieci domande rivolte direttamente al Premier. Domande che verranno poi ignorate per diversi mesi, trasformandosi in seguito in una sorta di tormentone mediatico (soprattutto sul web), e diventando infine oggetto di querela da parte del Primo Ministro. Perché si è scelto di focalizzare il lavoro sulle vicende fra Berlusconi e il quotidiano creato da Eugenio Scalfari? I motivi sono molteplici, e prendono in esame una serie di fattori molto diversi fra loro che hanno trovato in queste dieci domande un unico filo conduttore. In primo luogo c'è la questione del diritto di cronaca e del rispetto della privacy: gli avvenimenti che abbiamo appena citato hanno infatti portato all'attenzione dell'opinione pubblica argomenti che si possono tranquillamente intendere come parte della sfera privata di un personaggio di pubblico interesse. E che, di conseguenza, sono stati classificati a volte come rilevanti e a volte come puro gossip, a seconda di chi ne parlava o di chi ne scriveva. In secondo luogo non si può non focalizzare l'attenzione su una querela che definisce come 5

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

giornalismo
privacy
libertà di stampa
diffamazione
berlusconi
pubblico
scalfari
privato
repubblica
papi
querela
d'avanzo
10 domande
giuseppe d'avanzo
noemi letizia
farabutti
freedom of press

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi