Skip to content

ll lavoro atipico tra flessibilità e precariato

Informazioni tesi

  Autore: Antonella D'Antonio
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli studi di Genova
  Facoltà: Scienze Nautiche
  Corso: Scienze della politica
  Relatore: Giuliano Pennisi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 212

Le vite di chi lavora sembrano da qualche anno prigioniere del binomio flessibilità / precarietà.
Da oltre dieci anni è iniziata in Italia la rivoluzione del mercato del lavoro, relativamente alla quale si scontrano spesso punti di vista molto diversi.
Vi sono molte ragioni che sostengono il ricorso alle forme di lavoro cosiddette flessibili: la competizione globale, i differenziali di costo e la crisi economica costringono infatti molte realtà produttive e di servizi a una programmazione a breve termine.
Oggi ben poche aziende sono in grado di pianificare a tre, cinque anni il loro futuro: possono tracciare piani, ma sanno che molte intenzioni andranno con il tempo a modificarsi.
I contratti di lavoro atipici svolgono una funzione di valvola di sicurezza per gli imprenditori. In questo senso quello che da un lato è visto come una minaccia, dall’altro è visto come un’opportunità.
Se è vero che il lavoro cambia e si trasforma, nascono e muoiono con velocità impressionanti le professioni , i modelli produttivi, le tecnologie, è anche vero però che rimane immutata l’esigenza di difendere e di estendere i diritti di chi lavora, di affermare l’accesso all’occupazione per chi non la ha, di realizzare le necessarie ed adeguate protezioni sociali, misurandoci con nuovi flussi demografici e migratori, con le tematiche dell’ambiente e delle sue compatibilità, con l’innovazione delle tecnologie, con le profonde trasformazioni che segnano il mercato del lavoro.
È incontrovertibile che il lavoro rimane infatti uno dei fondamenti dell’identità degli adulti e dei giovani, degli uomini e delle donne.
È ancora il primo dei diritti sociali e il fattore prioritario dell’acquisizione della piena cittadinanza: senza lavoro ognuno di noi è indebolito nella propria soggettività e espropriato dall’appartenenza alla comunità.
Per far sì che le nuove forme di lavoro siano accettate e si abbia un mutamento di prospettiva molto dipende dal legislatore.
A tale proposito ho analizzato le riforme che hanno introdotto nuove tipologie contrattuali, più flessibili, o modificato alcuni istituti già presenti, cercando di fare un confronto fra queste modalità contrattuali e l’istituto cardine del mercato del lavoro italiano: il contratto a tempo indeterminato.
Nel tempo strumenti nuovi (part-time, interinale, stage), riadattati (contratto a termine, apprendistato), recuperati (co.co.co. e lavoro parasubordinato in generale) hanno consentito di coprire una domanda (e un’offerta di lavoro) flessibile e, spesso, di legittimare forme di attività che erano rimaste occultate e non normate.
Parallelamente è mutato negli ultimi anni l’accesso al mercato del lavoro.
In Italia si è passati infatti dal ruolo di monopolio del collocamento pubblico nell’incontro tra domanda e offerta di lavoro allo smantellamento di esso con l’ingresso di nuovi protagonisti, le agenzie di fornitura di lavoro temporaneo.
Ho cercato di dare un’istantanea del fenomeno, quello dell’incremento della fascia del lavoro non standard, con particolare ai “lavoratori a rischio precarietà”. Il termine precarietà in questa accezione non connota meramente la natura dei contratti a tempo, bensì la condizione sociale ed umana (e ovviamente reddituale) che deriva da una sequenza di essi che non ammette vie di uscita e che non permette alla persona di dare forma al progetto di vita.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE Le vite di chi lavora sembrano da qualche anno prigioniere del binomio flessibilità / precarietà. Da oltre dieci anni è iniziata in Italia la rivoluzione del mercato del lavoro, relativamente alla quale si scontrano spesso punti di vista molto diversi. Vi sono molte ragioni che sostengono il ricorso alle forme di lavoro cosiddette flessibili: la competizione globale, i differenziali di costo e la crisi economica costringono infatti molte realtà produttive e di servizi a una programmazione a breve termine. Oggi ben poche aziende sono in grado di pianificare a tre, cinque anni il loro futuro: possono tracciare piani, ma sanno che molte intenzioni andranno con il tempo a modificarsi. I contratti di lavoro atipici svolgono una funzione di valvola di sicurezza per gli imprenditori. In questo senso quello che da un lato è visto come una minaccia, dall’altro è visto come un’opportunità. Se è vero che il lavoro cambia e si trasforma, nascono e muoiono con velocità impressionanti le professioni , i modelli produttivi, le tecnologie, è anche vero però che rimane immutata l’esigenza di difendere e di estendere i diritti di chi lavora, di affermare l’accesso all’occupazione per chi non la ha, di realizzare le necessarie ed adeguate protezioni sociali, misurandoci con nuovi flussi demografici e migratori, con le tematiche dell’ambiente e

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi