Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Venture capital. Analisi e prospettive italiane.

Il tema della seguente trattazione è il venture capital, cioè l’attività di finanziamento in capitale di rischio nell’avvio di nuove imprese (start up).
Lo scopo del lavoro è quello di rappresentare l’attuale situazione del mercato del venture capital italiano. In particolare, si vuole evidenziare l’importanza che questo segmento può portare sia alle imprese finanziate che all’economia del paese.
Lo sviluppo dell’elaborato delinea, attraverso l’analisi degli operatori che lavorano nel settore (business angel, incubatori e venture capitalist), un quadro generale di come essi operano, identificando le particolarità dei singoli gruppi operativi.
Nell’elaborato, inoltre, viene dato spazio a un’analisi sulle asimmetrie informative, elemento che rappresenta il maggiore ostacolo per il finanziamento delle start up da parte dei soggetti operanti nel settore del credito. Il rischio derivante dalle asimmetrie diventa il punto di forza per gli operatori del venture capital poiché essi hanno sviluppato svariati metodi per gestirlo.
Attraverso l’analisi del mercato italiano, contestualizzato in un’ottica internazionale, vengono fatti emergere i punti di criticità che frenano lo sviluppo del settore. In questo modo, si è arrivati a determinare quali siano gli elementi che devono subire interventi a livello nazionale. Queste riforme mirano a creare le condizioni favorevoli all’avvio di un processo di maturazione del venture capital.
Il settore in analisi, come dimostrato da numerosi studi internazionali, apporta benefici ai sistemi economici che ne stimolano la crescita: maggiore occupazione e concorrenzialità.

Mostra/Nascondi contenuto.
v Introduzione Il tema della seguente trattazione è il venture capital, cioè l’attività di finanziamento in capitale di rischio nell’avvio di nuove imprese (start up). Lo scopo del lavoro è quello di rappresentare l’attuale situazione del mercato del venture capital italiano. In particolare, si vuole evidenziare l’importanza che questo segmento può portare sia alle imprese finanziate che all’economia del paese. Lo sviluppo dell’elaborato delinea, attraverso l’analisi degli operatori che lavorano nel settore (business angel, incubatori e venture capitalist), un quadro generale di come essi operano, identificando le particolarità dei singoli gruppi operativi. Tali operatori non sono necessariamente alternativi l’un l’altro, infatti possono agire, in fasi successive, sulle stesse imprese, apportando vantaggi specifici a seconda del grado di sviluppo della partecipata. Nell’elaborato, inoltre, viene dato spazio a un’analisi sulle asimmetrie informative, elemento che rappresenta il maggiore ostacolo per il finanziamento delle start up da parte dei soggetti operanti nel settore del credito. Il rischio derivante dalle asimmetrie diventa il punto di forza per gli operatori del venture capital poiché essi hanno sviluppato svariati metodi per gestirlo. Attraverso l’analisi del mercato italiano, contestualizzato in un’ottica internazionale, vengono fatti emergere i punti di criticità che frenano lo sviluppo del settore. In questo modo, si è arrivati a determinare quali siano gli elementi che devono subire interventi a livello nazionale. Queste riforme mirano a creare le condizioni favorevoli all’avvio di un processo di maturazione del venture capital. Il settore in analisi, come dimostrato da numerosi studi internazionali, apporta benefici ai sistemi economici che ne stimolano la crescita: maggiore occupazione e concorrenzialità.

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Giuseppe Zampolli Contatta »

Composta da 107 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7328 click dal 27/09/2011.

 

Consultata integralmente 14 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.