Skip to content

Le ricette sul Blu Oltremare nei Trattati dal XIII al XVII secolo

Informazioni tesi

  Autore: Cinzia Tavoletta
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi della Tuscia
  Facoltà: Conservazione dei Beni Culturali
  Corso: Conservazione dei Beni Culturali
  Relatore: Simona Rinaldi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 125

Il lavoro di questa tesi ha riguardato la comparazione delle ricette esistenti nei trattati antichi che descrivono i procedimenti per una corretta preparazione del pigmento blu oltremare dal minerale di Lapislazzuli. Il procedimento da eseguire per la purificazione è riportata nei testi antichi, in particolare nei trattati che riferiscono indicazioni sulle tecniche artistiche e sulla preparazione dei colori. Dai manoscritti trovati sono state estratte le ricette sulla purificazione del Lapislazzuli, in particolare il passaggio relativo alla creazione del pastello. Oltre alla difficoltà di reperire le Fonti, la consultazione dei manoscritti si è rivelata complessa per la difficoltà di interpretazione. Nei quattordici manoscritti consultati sono state trovate ben 39 ricette.
Il procedimento di purificazione consiste nella realizzazione di un composto formato nella maggior parte dei casi da resina, cera e olio di lino, un miscuglio appiccicoso che ha la funzione di trattenere la polvere di lapislazzuli insieme alle impurità. Subito dopo il composto veniva sottoposto a diversi passaggi di liscivia che, essendo una sostanza alcalina, permetteva al pigmento blu oltremare di fuoriuscire dalla poltiglia, lasciando nel composto chiamato pastello tutte le impurità.
In questa tesi è stato effettuato un confronto fra le ricette, chiarendo il procedimento e convertendo le quantità trovate sulle fonti nella stessa unità di misura, in grammi.
Inoltre, è stata eseguita l’analisi di quattro campioni di Lapislazzuli di cui uno proveniente dalle miniere dell’Afghanistan e tre dalla Cina. Su questi campioni sono state eseguite indagini spettroscopiche Raman e Infrarosso nel tentativo di caratterizzare il materiale, cercando di individuare differenze nella provenienza.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione Nella storia dell‟arte fra i blu più utilizzati troviamo il blu di Lapislazzuli, roccia costituita da feldspatoidi, calcite, pirite e silicati vari, utilizzato fin dai tempi antichi come un materiale pregiato per la sua tonalità blu intenso impreziosito dalle venature d‟oro. Il minerale si è rivelato ottimo per la qualità della resa cromatica e allo stesso tempo costoso per le difficoltà di estrazione e per i costi di trasporto, vista la provenienza dall‟oltremare. Questi due aspetti hanno certamente condizionato e indirizzato l‟utilizzo su superfici limitate. Nelle particolari situazioni in cui è stato adoperato per superfici più ampie, la stesura del colore veniva fatta in velatura su uno strato di azzurrite, un carbonato basico di rame, largamente utilizzato, grazie al costo contenuto. La lazurite presente nel minerale di lapislazzuli è la responsabile della colorazione blu, che sembra da attribuirsi alla presenza di radicali S 3 - . La prima utilizzazione del Lapislazzuli come pigmento viene fatta risalire al VI-VII secolo d.C., in cui fu utilizzata in alcune pitture rupestri afgane. La diffusione in Occidente di questo particolare colore avviene quasi contemporaneamente, in alcuni casi sostituisce il blu egiziano, tuttavia è frenata dall‟elevato prezzo. La preziosità del materiale ne indirizzava anche l‟utilizzo. Se nell‟iconografia classica troviamo l‟azzurro utilizzato per le vesti di Cristo e della Vergine, nel XV e nel XVI secolo la scelta del colore verrà associata alla preziosità del blu oltremare, come si può notare in tanti esempi di storia dell‟arte di quel periodo e anche precedenti. In passato diversi studi hanno cercato di individuare le caratteristiche mineralogiche volte a determinare la provenienza della pietra. In queste ricerche troviamo un doppio interesse, sia storico, che cerca di individuare le vie attraverso cui si sviluppava il commercio della pietra, che tecnico-

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

blu
oltremare
lapislazzuli
cennini
oro blu

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi