Skip to content

L'evoluzione della valutazione nel pubblico impiego

Informazioni tesi

  Autore: Barbara Pavoni
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2009-10
  Università: Università Politecnica delle Marche
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze dell'economia e della gestione aziendale
  Relatore: Graziano Cucchi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 52

Il tema della valutazione nella pubblica amministrazione è ormai stabilmente presente nello schema organizzativo del nostro paese. Da oltre vent'anni infatti si sono innescati cambiamenti importanti nel modo di vedere e di 'fare' pubblica amministrazione. Anche se questi cambiamenti hanno incontrato lungo il loro cammino notevoli resistenze culturali si assiste passo dopo passo all'assorbimento del concetto di valutazione all'interno di un più ampio disegno di innovazione pubblica. Percorriamo questo cammino analizzando il tema della valutazione del personale pubblico attraverso il succedersi della normativa.
Nel primo capitolo si evidenziano innanzitutto i passaggi sperimentali che hanno portato alla prima importante riforma sul pubblico impiego, il D.Lgs. 29/1993 che sarà di decisivo riferimento, pur con le sue successive modifiche, fino alla sua trasposizione nel D.Lgs. 165/2001.
Altra importante riforma si ha sul finire degli anni '90 con il D.Lgs. 286/1999 relativo al sistema dei controlli, dispositivo che insieme alla separazione delle competenze dirigenti/organi di indirizzo pubblico già introdotta, preannuncia un modo nuovo di concepire l'organizzazione pubblica, il New Public Management. Si tratta di un modello strategico direzionale basato sull'attenzione ai costi-benefici più che alla correttezza formale del processo e sulla misurazione dei risultati finali. In Italia ne sono stati introdotti i principi nel corso degli anni e si sta cercando di attuarlo con il D.Lgs. 150/2009 cosiddetto decreto-brunetta.
Vengono successivamente presi in esame i contributi a questi cambiamenti da parte della contrattazione collettiva, alcuni delle vere e proprie riforme.
Si fa infine il punto della situazione a metà percorso, tramite ricerche ed indagini statistiche, analizzando ciò che è stato attuato o meno.
Il secondo capitolo è dedicato al D.Lgs. 150/2009 che cerca di imprimere quell'indirizzo definitivo e coerente con gli sviluppi già in corso nel paesi esteri.
Si apprezzerà che il dispositivo a differenza dei precedenti fornisce indicazioni stringenti pur nell'ottica della flessibilità e adattamento alle differenti realtà organizzative.
Nei prossimi periodi assisteremo senz'altro a modifiche o specifiche in quanto sono in corso delibere (come ad esempio quella sulle linee guida per gli standard di qualità) da parte dell'organismo preposto a coordinamento e controllo dell'intera operazione (La Commissione per la Valutazione, la Trasparenza e l’Integrità delle amministrazioni pubbliche – CIVIT). Inoltre con riguardo a Regioni ed enti locali, cui il decreto si applica in alcune norme direttamente in altre facoltativamente, si sta assistendo a protocolli di intese come quello già siglato il 30 giugno scorso con l'Unione Province Italiane per l'istituzione di un tavolo permanente di confronto e coordinamento.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
CAPITOLO PRIMO La valutazione delle risorse umane nelle riforme della Pubblica Amministrazione I.1 Dai primi esperimenti fino al D.Lgs. 29/1993 Si parla spesso degli anni novanta come anni di profonda innovazione nelle riforme della Pubblica Amministrazione, dalla Legge 7 agosto 1990, n.241 sul procedimento amministrativo, 1 al D. Lgs. 3 febbraio 1993 n.29, riguardante l’organizzazione delle amministrazioni pubbliche e la disciplina in materia di pubblico impiego. 2 Quest’ultimo in particolare rivoluziona il rapporto di lavoro che viene così disciplinato non più dal diritto pubblico ma dal diritto privato, con quelle stesse norme che riguardano il rapporto di lavoro subordinato nell’impresa. Proprio all’articolo 1 del D.Lgs. sono indicate le finalità da perseguire e quindi “accrescere l’efficienza delle amministrazioni in relazione a quella dei corrispondenti uffici e servizi dei Paesi della Comunità europea [...]” 1 Legge 7 agosto 1990, n.241 Nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso ai documenti amministrativi. 2 D.Lgs 3 febbraio 1993, n.29 Razionalizzazione dell'organizzazione delle amministrazioni pubbliche e revisione della disciplina in materia di pubblico impiego, a norma dell'articolo 2 della legge 23 ottobre 1992, n.421. 3

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

amministrazione
pubblico impiego
enti locali
enti pubblici
valutazione
impiego
pa
lavoro pubblico
new public management
150/2009
165/2001
civit
pubblica amministrazione
valutazione pubblico impiego
pubblico impiego brunetta
evoluzione della valutazione
management
organizzazione risorse umane
innovazione pubblica amministrazione
decreto brunetta
ciclo di valutazione della performance
organismo interno di valutazione
commissione per la valutazione
formazione

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi