Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Preparazione di un integratore alimentare come coadiuvante nell'infiammazione osteoarticolare

L’infiammazione è un processo di difesa complesso che può essere innescato da un danno tissutale, da un processo infettivo, da una risposta immunitaria o da altri fenomeni che causano infiltrazione di cellule infiammatorie (macrofagi, neutrofili, piastrine).
Secondo l’Arthritis Foundation con la dicitura “malattie reumatiche” s' includono circa 100 diversi tipi di patologie, che possono colpire le articolazioni e il tessuto connettivo.
Tra queste patologie ho rivolto la mia attenzione all'artrite reumatoide, una poliartrite infiammatoria progressiva a carico delle articolazioni sinoviali a patogenesi autoimmunitaria. tra le piante ad azione antinfiammatoria si ricorda l'Artiglio del diavolo, utile a ridurre i sintomi dell'infiammazione.

Mostra/Nascondi contenuto.
6 CAPITOLO 1 L’infiammaz io ne L’infiammazione è un processo di difesa complesso che può essere innescato da un danno tissutale, da un processo infettivo, da una risposta immunitaria o da altri fenomeni che causano infiltrazione di cellule infiammatorie (macrofagi, neutrofili, piastrine). 2 La fase acuta dell’infiammazione rappresenta la forma iniziale di risposta al danno tissutale ed è mediata dalla produzione e/o rilascio di mediatori chimici quali istamina, serotonina, prostaglandine, leucotrieni. In questa fase del processo infiammatorio un ruolo fondamentale viene svolto dai metaboliti dell’acido arachidonico, un acido grasso poli-insaturo contenente quattro doppi legami carbonio-carbonio, rilasciato in seguito all’idrolisi della fosfatidilcolina mediata dall’attivazione della fosfolipasi A2. L’acido arachidonico, a sua volta, può essere metabolizzato attraverso diverse vie enzimatiche, incluse la via ciclo-ossigenasica e la via ciclo-lipossigenasica; la via della ciclo-ossigenasi (COX) porta alla produzione di prostaglandine e trombossano, composti definiti prostanoidi per la presenza della struttura ciclica dell’acido prostanoico; la via della lipossigenasi porta alla produzione di leucotrieni (Fig.1). I prodotti finali di queste due vie

Laurea liv.I

Facoltà: Farmacia

Autore: Ada Di Lecce Contatta »

Composta da 38 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 995 click dal 04/10/2011.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.