Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Compliance e governance nei gruppi bancari

Gli obiettivi della tesi sono:
1. Studiare la funzione di compliance e l’impianto normativo di riferimento
2. Studiare i modelli di governance dei principali gruppi bancari italiani
3. Studiare da un punto di vista empirico come la normativa sia entrata negli assetti di governance e nel livello più basso dell’organizzazione cioè all’interno delle direzioni

Per compliance si intende il concetto di conformità alle norme, in particolare secondo le disposizioni di banca d’Italia il rischio di non conformità “è il rischio di incorrere in sanzioni giudiziarie o amministrative, perdite finanziarie rilevanti o danni di reputazione in conseguenza di violazioni di norme imperative (di leggi o regolamenti) ovvero di autoregolamentazione (es.statuti, codici di condotta, codici di autodisciplina).”
Tale rischio è composto al suo interno da altri rischi che sono:
• il rischio legale
• il rischio di perdita della fiducia
• il rischio reputazionale.
La funzione di compliance conviene perché
• Accresce nell’intermediario la consapevolezza dei rischi di gestione aziendale
• Incidenza positiva sui processi di valutazione delle società di raiting, diminuisce costo del funding
• Aumenta la qualità del rapporto fiduciario con la banca
• Rende più credibili i sistemi di mercato

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione 7 Introduzione Il termine inglese Compliance traduce il concetto italiano di “conformità alle norme”. Nell’ambiente bancario ogni possibile rischio è vagliato e ad esso si fa riferimento sia in sede di pianificazione delle attività che in sede di controlli. Anche il rischio di non conformità alle norme rientra tra quelli presi in considerazione e in modo ben specifico. Secondo Banca d’Italia il rischio di non conformità alle norme è “il rischio di incorrere in sanzioni giudiziarie o amministrative, perdite finanziarie rilevanti o danni di reputazione in conseguenza di violazioni di norme imperative (di legge o di regolamenti) ovvero di autoregolamentazione (es. statuti, codici di condotta, codici di autodisciplina) ”. 1 Questa definizione riporta la natura di tale rischio a due principali dimensioni ossia quelle del: 1. rischio legale 2. rischio reputazionale Per quanto riguarda il rischio legale secondo le istruzioni del Comitato di Basilea, organizzazione internazionale istituita dai governatori delle Banche centrali dei dieci paesi piø industrializzati (G10) alla fine del 1974, che opera sotto il patrocinio della Banca per i Regolamenti Internazionali (Bank for International Settlements: BIS), esso si può inserire all’interno della piø ampia definizione di rischio operativo ossia quel rischio di perdite derivanti da disfunzioni a livello di procedure, personale e sistemi interni o eventi esogeni. Le fattispecie di rischio operativo che possono portare a perdite sostanziali sono sintetizzabili in:  frode interna  frode esterna  rapporto di impiego e sicurezza sul posto di lavoro  pratiche connesse con la clientela  danni a beni materiali  disfunzioni e avarie di natura tecnica  conformità esecutiva e procedurale Come si può vedere dall’elencazione delle fattispecie rischiose esiste una sorta di area comune tra il rischio operativo e quello di compliance che passa attraverso il menzionato rischio legale. Un ulteriore elemento che condiziona potenzialmente la visibilità dei comportamenti degli intermediari bancari è il valore attribuito, per via normativa e sociale, al risparmio. 1 BANCA D’ITALIA, Disposizioni di vigilanza: La funzione di conformità, 2007, p. 2.

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Economia

Autore: Maddalena Padovan Contatta »

Composta da 200 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3031 click dal 04/10/2011.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.