Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Analisi delle clonalità B-cellulari nelle linfoproliferazioni HCV-associate

Riarrangiamenti clonali dei geni codificanti per le catene pesanti delle Ig (IgH) e le sequenze genomiche del virus dell’epatite C (HCV) sono visualizzati in linfociti B intraepatici di 16 pazienti affetti da infezione cronica da HCV con e senza disordini linfoproliferativi (come crioglobulinemia mista e linfoma non-Hodgkin) mediante semi-Nested PCR. L’RT-PCR ha rilevato l’HCV RNA in peripheral blood mononuclear cells, quindi tutti I pazienti con e senza disordini linfoproliferativi presentano infezione da HCV. Tra questi 16 pazienti arruolati, particolare è la situazione di una donna con linfoma non-Hodkgin (NHL) follicolare, B-cellulare HCV-positivo sottoposta a trattamento anti-HCV. Questo studio mostra un ruolo significativo del virus dell’epatite C nelle prime fasi della trasformazione neoplastica; si è evidenziato infatti un parallelismo tra la positività al virus e i disordini linfoproliferativi. Probabilmente a causa di mutazioni a livello dei linfociti B proliferanti, la malattia neoplastica è diventata "insensibile" al trattamento anti-HCV che agisce contro il virus, ma non è associato a regressione della linfoproliferazione. Il pattern B cell oligoclonale si è evoluto in un pattern policlonale dopo trattamento anti-HCV.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione 4 INTRODUZIONE VIRUS C DELL’EPATITE (HCV) Il virus C dell'epatite (HCV) infetta circa 170 milioni di persone nel mondo e la frequenza d’infezione è cinque volte maggiore rispetto a quella da HIV di tipo 1 (HIV-1). Nella maggior parte dei casi, l’infezione da HCV tende a cronicizzare e portatori cronici di HCV sviluppano un ampio spettro di malattie epatiche incluso il carcinoma epatocellulare (HCC) e, meno frequentemente, disordini linfoproliferativi benigni e maligni come il linfoma non-Hodgkin a cellule B (B-NHL). Caratteristiche epidemiologiche La prevalenza dell'infezione da HCV varia nelle diverse aree geografiche. Negli Stati Uniti l'1.8% della popolazione risulta anti-HCV positiva; poiché 3 su 4 sieropositivi presentano anche viremia, circa 2.7 milioni di persone negli USA hanno una infezione attiva da HCV (1). In Italia i pazienti sieropositivi risultano all’incirca 1.5 milioni (2). Una caratteristica fondamentale dell’epidemiologia dei virus epatitici non-A non-B ematogeni è l’esistenza di uno stato di portatore cronico asintomatico del virus e pertanto, analogamente al virus B, la riserva naturale del virus C è costituita dai portatori cronici. I fattori maggiormente associati all’infezione sono rappresentati dall’abuso di sostanze stupefacenti per via venosa con scambio di aghi infetti e, prima del 1990,

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Scienze Biotecnologiche

Autore: Saveria Tricarico Contatta »

Composta da 86 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 943 click dal 06/10/2011.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.