Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I componenti straordinari di reddito secondo i principi contabili internazionali

La questione dei componenti straordinari è da sempre un argomento molto dibattuto sia in dottrina economico-aziendalista sia all’interno degli organismi competenti in materia di bilancio. I criteri di distinzione tra la gestione ordinaria e quella straordinaria non sono mai stati ben definiti. Se guardiamo al significato letterale dei termini, potremmo intendere per ordinario, ciò che rientra nei limiti della norma e della regolarità, quindi comune e consueto. Mentre con straordinario indichiamo ciò che eccede i limiti del normale o del comune, ciò che eccede la prassi, l’ordine consueto oppure nel senso di una rilevanza o esorbitanza quantitativamente o qualitativamente superlativa.
Questi due aggettivi, ordinario e straordinario, sono mutevoli nel corso del tempo, ossia possono essere considerati soggettivi nell’ambito di un’interpretazione. Quando parliamo di gestione ordinaria, intendiamo comprendere solitamente sia la gestione caratteristica sia quella accessoria e quella finanziaria da cui scaturisce il reddito ordinario. La gestione caratteristica comprende i ricavi e i costi della gestione tipica dell’azienda, riguarda l’attività volta a perseguire l’oggetto sociale definito dallo statuto, mentre nella gestione accessoria rientrano tutti i fenomeni e le operazioni estranee alla gestione tipica ma che si verificano e si svolgono con continuità nel corso dell’esercizio. La gestione finanziaria è l’attività di gestione volta al reperimento di mezzi finanziari necessari all’attività di impresa e all’impiego delle risorse eccedenti. Semplicemente possiamo dire che la gestione straordinaria comprende tutti i fatti estranei all’attività ordinaria di impresa.
La distinzione tra area ordinaria e area straordinaria rappresenta una delle maggiori problematiche contabili attualmente più controverse e dibattute a livello nazionale e internazionale. Soprattutto i presupposti dell’aggettivo “straordinario” sono mutati nel corso del tempo, passando da inusualità, infrequenza, materialità o rilevanza e infine a non ordinarietà, ossia estraneità rispetto all’attività ordinaria dell’impresa. I componenti straordinari di reddito sono certamente difficili da identificare e molto spesso la valutazione diventa assai arbitraria e può dare adito a diverse interpretazioni. Infatti, tali elementi possono essere generati da rischi ed oneri di cui l’impresa non era a conoscenza, e che si sono realizzati oltre le aspettative del redattore del bilancio, che si trova ad avere in seguito difficoltà nel valutarli. A livello internazionale, lo IASB ha preso la decisione di abolire tale categoria, riducendo il campo d’azione di tali componenti. Infatti, nel Conto Economico redatto in base ai principi contabili IAS/IFRS i componenti straordinari di reddito vanno inclusi tra i componenti tipici. L’integrale inclusione di tali elementi fra la gestione tipica dell’impresa sta a significare che essi sono attribuibili all’attività economica dell’impresa, indipendentemente dalla loro origini e ne influenzano di conseguenza l’operatività, benché derivino da eventi estranei all’attività d’impresa per definizione.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE La questione dei componenti straordinari è da sempre un argomento molto dibattuto sia in dottrina economico-aziendalista sia all’interno degli organismi competenti in materia di bilancio. I criteri di distinzione tra la gestione ordinaria e quella straordinaria non sono mai stati ben definiti. Se guardiamo al significato letterale dei termini, potremmo intendere per ordinario, ciò che rientra nei limiti della norma e della regolarità, quindi comune e consueto. Mentre con straordinario indichiamo ciò che eccede i limiti del normale o del comune, ciò che eccede la prassi, l’ordine consueto oppure nel senso di una rilevanza o esorbitanza quantitativamente o qualitativamente superlativa. Questi due aggettivi, ordinario e straordinario, sono mutevoli nel corso del tempo, ossia possono essere considerati soggettivi nell’ambito di un’interpretazione. Quando parliamo di gestione ordinaria, intendiamo comprendere solitamente sia la gestione caratteristica sia quella accessoria e quella finanziaria da cui scaturisce il reddito ordinario. La gestione caratteristica comprende i ricavi e i costi della gestione tipica dell’azienda, riguarda l’attività volta a perseguire l’oggetto sociale definito dallo statuto, mentre nella gestione accessoria rientrano tutti i fenomeni e le operazioni estranee alla gestione tipica ma che si verificano e si svolgono con continuità nel corso dell’esercizio. La gestione finanziaria è l’attività di gestione volta al reperimento di mezzi finanziari necessari all’attività di impresa e all’impiego delle risorse eccedenti. Semplicemente possiamo dire che la gestione straordinaria comprende tutti i fatti estranei all’attività ordinaria di impresa. Rientrano nella gestione ordinaria tutte le operazioni necessarie per realizzare l’oggetto verso cui, di fatto o potenzialmente, è indirizzata in modo usuale e continuativo l’attività di impresa. Per contro, straordinario è ciò che è “estraneo” all’ambito nel quale, di fatto o potenzialmente, si svolge abitualmente la gestione dell’impresa 1 . I componenti straordinari possono essere così classificati: - plusvalenze e minusvalenze nascono, nel caso di cessione di un cespite, quando il valore contabile è diverso dal prezzo di vendita; 1 Francesco Giunta, Michele Pisani, 2005. Il bilancio. 2a edizione. Milano: Apogeo.

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Evelin Comper Contatta »

Composta da 91 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 837 click dal 10/10/2011.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.