Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Interventi sullo stile di vita e prevenzione delle malattie cardiovascolari

Questo lavoro tratta in un’ampia introduzione quali sono gli interventi efficaci sullo stile di vita nel senso più generale e nella prevenzione delle malattie cardiovascolari.
I due interventi principali emersi sono sull’alimentazione e sull’attività fisica; essi vengono trattati prima visti separatamente, poi sinergicamente.
Dalla bibliografia consultata la dieta mediterranea risulta la più efficace nel perseguire gli obiettivi di stile di vita e prevenzione cardiovascolare.
Gli effetti benefici dell’attività fisica sono ampiamente documentati, sono presenti sia in prevenzione primaria che secondaria; sono descritti i limiti minimi consigliati, il tipo di attività da preferire.
Anche se l’attività fisica è efficace anche senza perdita di peso, l’abbinamento alla dieta risulta essere l’intervento più efficace in questo senso.
E’ indicata infine l’importanza della pratica anche di attività fisica non strutturata nella vita quotidiana.
Infine viene descritta l’importanza del tenere sempre in considerazione l’idoneità muscoloscheletrica del singolo sul tipo e quantità di attività fisica da consigliare.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Le malattie cardiovascolari sono la prima causa di morte e di invalidità nei paesi occidentali. Ogni anno in Europa circa 4 milioni di persone muoiono, 250 mila nella sola Italia. Fattori di rischio multipli, che nell’insieme si identificano in uno stile di vita (SDV) poco sano, influenzano il rischio di sviluppare malattie cardiovascolari (CVD). Tra questi fattori una scorretta alimentazione e la sedentarietà hanno un ruolo negativo predominate (1-6). Modelli dietetici sani sono associati con un rischio sostanzialmente ridotto di sviluppo di CVD, tramite una riduzione dei fattori di rischio per CVD ed anche di disturbi non cardiovascolari (7-10). Migliorare non solo la dieta, ma anche lo SDV risulta quindi di fondamentale importanza, come chiaramente emerge dalle raccomandazioni di dieta e SDV 2006 dell’American Heart Association (AHA), le quali riconoscono che la dieta fa parte

Tesi di Laurea

Facoltà: Medicina e Chirurgia

Autore: Davide Bianchini Contatta »

Composta da 92 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 17855 click dal 12/10/2011.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.