Skip to content

I rischi dell'inattività fisica per la salute

Informazioni tesi

  Autore: Simone Vitolo
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli studi di Napoli "Parthenope"
  Facoltà: Scienze Motorie
  Corso: Scienze delle attività motorie e sportive
  Relatore: Giorgio Liguori
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 63

Negli ultimi anni si è andata consolidando l’importanza dell’attività fisica per la salute, tanto che essa se potesse essere racchiusa in un farmaco sarebbe di certo quello più prescritto. È fondamentale quindi trasmettere le conoscenze degli effetti terapeutici dell’attività fisica sulla prevenzione primaria, secondaria e sul trattamento di patologie molto diffuse nei paesi industrializzati. È altresì importante, però, diffondere le informazioni riguardo alla sedentarietà, che, provoca rischi opposti a quelli che sono i benefici dell’attività motoria, riducendo l’aspettativa di vita e che incide negativamente sulla spesa sanitaria.
L’elaborato strutturato sull’osservazione dello stile di vita moderno mira ad analizzare la quantità di attività fisica, svolta mediamente dagli individui, i livelli di sedentarietà ed i problemi, che essa può portare alla salute. I dati raccolti da studi recenti (condotti da enti, quali, ad esempio, l’ISTAT) evidenziano che per la popolazione l’inattività può rappresentare un rischio, dal momento che essa può influire negativamente sia sulla salute psico-fisica, che sull’economia e sulla società.
La sedentarietà nell’epoca moderna risulta quasi una scelta obbligata, poiché il lavoro, il tempo libero, gli spostamenti da un luogo all’altro e le interazioni tra soggetti sono divenuti sempre più automatizzati e meccanizzati.
L’essere umano, per quanto sia stato destinato, sin dalla nascita, a muoversi, ha deciso, col passare degli anni, di dedicare poco spazio all’esercizio fisico, prediligendo uno stile di vita sedentario, che si struttura sulla scelta di svolgere attività, che richiedono il minimo dispendio di energie (come, ad esempio, guardare la TV o giocare ai videogames). Questo tipo di abitudine si riscontra soprattutto, nei giovani ed è spesso associata ad un’alimentazione ricca di calorie, che contribuisce all’aumento del peso corporeo e della massa grassa fino a determinare il problema del sovrappeso e in casi più gravi dell’obesità. L’assenza di attività motoria può portare altre patologie, quali il diabete di tipo2, l’osteoporosi, le malattie cardiovascolari, i disturbi mentali, le dislipidemie, le malattie respiratorie e il cancro al colon e al seno.
È stato stimato dall’Organizzazione Mondiale della Salute (OMS) che la sedentarietà è una delle principali cause di morte e di malattia nei paesi in via di sviluppo ed in quelli industrializzati; per cui è stata promossa una serie di interventi, che favoriscono uno stile di vita sano e prevengono le malattie. Si tratta ad esempio di linee-guida finalizzate a predisporre l’individuo e la collettività all’attività fisica, evitando le conseguenze della vita sedentaria. Numerosi studi e indagini recenti attestano che in Italia nel duemiladieci la percentuale di sedentarietà era scesa sotto il trentanove per cento rispetto all’anno precedente; e nel duemilanove si è registrato un aumento dell’attività fisica del 3% nella fascia di età da 6 a 10 anni. Questo è un dato confortante, perché apre un percorso da seguire, che consentirà alle nuove generazioni di salvaguardare la salute, praticando con continuità l’attività fisica. Essa favorisce il bilanciamento calorico, aiuta a ridurre il sovrappeso, incrementa l’efficienza del sistema cardiovascolare e sviluppa una sensazione di benessere psicologico.
Nel corso della storia l’uomo ha sempre ricercato comodità, interpretando la riduzione delle attività motrici come motivo di progresso. La sedentarietà, infatti, è stata erroneamente considerata una conseguenza logica dello sviluppo della civiltà umana, poiché l’introduzione di nuove tecnologie comporta solitamente una minore necessità di compiere sforzi. Ma, citando un detto di Pitagora, si può dire che gli uomini “ soffrono per mali, che essi stessi si procurano; infelici, essi che, avendo vicini i beni, non li vedono e non li odono.”
Nel corso della Tesi verranno poi presentati i quadri, relativi all’attività fisica e alla sedentarietà in Italia, secondo i dati del CONI e dell’ISTAT e si parlerà infine di come i professionisti di scienze motorie possono sensibilizzare gli individui all’attività fisica, la quale non deve essere considerata come un’imposizione, ma deve essere percepita come una risorsa vantaggiosa che procura pregi e benefici.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 Premessa. Negli ultimi anni si è andata consolidando l‟importanza dell‟attività fisica per la salute, tanto che essa se potesse essere racchiusa in un farmaco sarebbe di certo quello più prescritto. È fondamentale quindi trasmettere le conoscenze degli effetti terapeutici dell‟attività fisica sulla prevenzione primaria, seconda- ria e sul trattamento di patologie molto diffuse nei paesi industrializzati. È al- tresì importante, però, diffondere le informazioni riguardo alla sedentarietà, che, provoca rischi opposti a quelli che sono i benefici dell‟attività motoria, ri- ducendo l‟aspettativa di vita e che incide negativamente sulla spesa sanitaria. L‟elaborato strutturato sull‟osservazione dello stile di vita moderno mira ad analizzare la quantità di attività fisica, svolta mediamente dagli individui, i li- velli di sedentarietà ed i problemi, che essa può portare alla salute. I dati rac- colti da studi recenti (condotti da enti, quali, ad esempio, l‟ISTAT) evidenzia- no che per la popolazione l‟inattività può rappresentare un rischio, dal momen- to che essa può influire negativamente sia sulla salute psico-fisica, che sull‟economia e sulla società. La sedentarietà nell‟epoca moderna risulta quasi una scelta obbligata, poiché il lavoro, il tempo libero, gli spostamenti da un luogo all‟altro e le interazioni tra soggetti sono divenuti sempre più automatizzati e meccanizzati. L‟essere umano, per quanto sia stato destinato, sin dalla nascita, a muoversi, ha deciso, col passare degli anni, di dedicare poco spazio all‟esercizio fisico, prediligendo uno stile di vita sedentario, che si struttura sulla scelta di svolgere attività, che richiedono il minimo dispendio di energie (come, ad esempio, guardare la TV o giocare ai videogames). Questo tipo di abitudine si riscontra soprattutto, nei giovani ed è spesso associata ad un‟alimentazione ricca di ca- lorie, che contribuisce all‟aumento del peso corporeo e della massa grassa fino a determinare il problema del sovrappeso e in casi più gravi dell‟obesità. L‟assenza di attività motoria può portare altre patologie, quali il diabete di ti-

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

salute
rischi
sedentarietà
attvita' fisica

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi