Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La paleografia greco-latina: materiali per uno studio sulla koine grafica greco-latina, dal I secolo a.C. all'VIII d.C. (dalle Chartae Latinae Antiquiores)

Studiando i processi e le cause che hanno portato all’evoluzione della scrittura greca e di quella latina, mi è venuto in mente di poter intraprendere uno studio per approfondire l’aspetto delle reciproche influenze tra le due scritture, appurando se sia possibile o meno che l’una abbia influito nel processo evolutivo dell’altra e viceversa.
Con questo lavoro, dunque, ho voluto dimostrare tale ipotesi: l’esistenza di una interazione tra le due scritture facendo riferimento alla koinè, scrittura “comune” generata dagli influssi tra le due.
Il materiale di cui mi sono servita sono le Chartae Latinae Antiquiores, dal I al XX volume, ovvero fin dove ho riscontrato documenti scritti in entrambe le scritture su cui potermi basare.
Gli studiosi cui ho fatto riferimento, che hanno affrontato precedentemente la questione delle reciproche influenze tra scrittura greca e latina sono: Edward Maunde Thompson, Armando Petrucci, Guglielmo Cavallo, Medea Norsa, Italo Gallo, Rogèr Rémondon.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 PROPOSTA DEL QUESITO DI BASE E SCOPO DEL LAVORO Studiando i processi e le cause che hanno portato all’evoluzione della scrittura greca e di quella latina, mi è venuto in mente di poter intraprendere uno studio per approfondire l’aspetto delle reciproche influenze tra le due scritture, appurando se sia possibile o meno che l’una abbia influito nel processo evolutivo dell’altra e viceversa. Con questo lavoro, dunque, ho voluto dimostrare tale ipotesi: l’esistenza di una interazione tra le due scritture facendo riferimento alla koinè, scrittura “comune” generata dagli influssi tra le due. Il materiale di cui mi sono servita sono le Chartae Latinae Antiquiores, dal I al XX volume, ovvero fin dove ho riscontrato documenti scritti in entrambe le scritture su cui potermi basare. Gli studiosi cui ho fatto riferimento, che hanno affrontato precedentemente la questione delle reciproche influenze tra scrittura greca e latina sono: Edward Maunde Thompson, Armando Petrucci, Guglielmo Cavallo, Medea Norsa, Italo Gallo, Rogèr Rémondon.

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Luisa Sangiorgio Contatta »

Composta da 202 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1048 click dal 26/07/2012.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.