Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Modello di business low cost nel trasporto aereo

Il mio lavoro parla del modello di business low cost e dell'evoluzione del settore aereo che negli anni ci ha fatto giungere al mercato attualmente presente radicalmente mutato. La tesi studia i vari avvenimenti che hanno portato al successo il modello low cost, partendo dalle opportunità create dalla deregulation, passando per Southwest airlines (prima compagnia aerea low cost) e lo studio di Ryanair ed Easyjet princpipali compagnie low cost europee. Lo studio cerca di rendere chiari tutti quegli aspetti e quelle caratteristiche che rendono il low cost un modello unico e che fanno parte integrante di una vera e propria filosofia. Parte princpipale di questo lavoro è senz'altro il capitolo riguardante Ryanair, importante compagnia low cost europea, che ha saputo imitare e riapplicare il modello Southwest riportando un successo incredibile. Si cerca infine di confrontare i modelli attuati da queste imprese low cost cercando di capire come queste compagnie si siano presentate nel mercato. Per ultimo troviamo un analisi del settore del trasporto aereo italiano, passando per lo studio della compagnia di bandiera italiana Alitalia.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE Già dal suo esordio il trasporto aereo è stato basato su principi rigidi basati sul protezionismo, e in particolare sul potere statale esercitato attraverso il possesso delle compagnie. In Europa la politica protezionistica era stata perseguita attraverso accordi bilaterali che dovevano essere di volta in volta stipulati dalle compagnie di bandiera che collegavano gli stati. Questi accordi bilaterali furono molto criticati, soprattutto dopo l’avvento della deregulation negli Stati Uniti nel 1978. Gli accordi bilaterali avevano attirato l’attenzione negativa non solo di politici e di economisti, ma anche dalla popolazione che sosteneva che era colpa del rigido sistema protezionistico se le tariffe erano così elevate. La liberalizzazione in Europa prende infatti piede da quella americana, che aveva permesso agli stati di aprire i propri celi alle compagnie private e di abbattere le tariffe. Sotto questo esempio di successo, nonostante anch’esso abbia avuto alcune conseguenze negative, l’Europa aveva iniziato a spingere sempre più verso una deregolamentazione del settore aereo. Negli Stati Uniti il trasporto aereo fu uno dei primi settori di interesse pubblico ad essere liberalizzato. I principi che sostengono che attraverso la liberalizzazione di un settore sia possibile avere una diminuzione dei prezzi, si azionano automaticamente all’interno del mercato. La deregulation avrebbe portato alla nascita di nuove compagnie che generalmente manifestano una tendenza a praticare bassi prezzi dopo l’entrata nel mercato, questi bassi prezzi avrebbero provocato una guerra al ribasso tra nuove e vecchie imprese, causando un netto miglioramento per gli utenti del servizio di trasporto aereo. In ogni caso il settore del trasporto aereo non è un settore che può essere

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Giulia Mestre Contatta »

Composta da 111 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5868 click dal 18/10/2011.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.