Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Formulazioni di colliri privi di principi attivi destinati alla terapia della sindrome dell'occhio secco

La presente tesi riguarda un progetto eseguito in azienda convenzionata con l'università, il cui scopo è stato quello di mettere a punto nuove formulazioni di collliri privi di principi attivi destinati alla terapia della sindrome dell'occhio secco.
Nel progetto di tesi sono stati messi a punto diversi tipi di colliri innovativi sia monodose che polidose.
All'interno della tesi verranno mostrate le metodiche di ottenimento dei nuovi colliri, i principali componenti delle formulazioni, i meccanismi con i quali agiscono i conservanti all'interno dei polidose e i metodi di sterilizzazione dei colliri, in quanto prerogativa fondamentale di tutte le formulazioni ad uso oftalmico è la sterilità.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 1. INTRODUZIONE Con il termine collirio si intende qualsiasi preparazione medicamentosa ad uso topico oculare, destinata quindi ad essere applicata sulla mucosa congiuntivale oculare. I colliri possono essere sia liquidi (soluzioni acquose, oleose o sospensioni) che solidi (pomate, unguenti o polveri). Dal punto di vista farmacologico l’assorbimento a livello oculare avviene principalmente attraverso la ricca vascolarizzazione del sacco congiuntivale; la penetrazione attraverso la cornea è invece più selettiva. Le caratteristiche fondamentali che deve avere una preparazione oftalmica sono:  pH generalmente compreso tra 6.4 e 7.8  sterilità ed assenza di particelle estranee  pressione osmotica isotonica con le lacrime; osmolarità molto basse (inferiori a 150 mOsm/kg) possono dimostrarsi irritanti per l’epitelio corneale. Attualmente in commercio esistono due tipi di colliri: colliri intesi come farmaci, contenenti principi attivi, e colliri medical devices senza principi attivi. Tra i farmaci si presentano colliri utilizzati nel trattamento di gravi patologie oculari; tra questi quelli usati nella terapia del glaucoma, colliri antibiotici nel caso di infezioni oculari, colliri antistaminici per il trattamento dei sintomi di congiuntiviti allergiche. I colliri medical devices sono invece soluzioni idro-saline ad attività emolliente, rinfrescante o lubrificante, prive di principi attivi. Nella categoria dei medical devices vi sono i colliri utilizzati nel trattamento della sindrome dell’occhio secco. Negli ultimi anni l’attenzione delle industrie farmaceutiche, per quanto riguarda i colliri, si è rivolta notevolmente allo studio e alla progettazione di medical devices in quanto la sindrome dell’occhio secco rappresenta una delle malattie più diffuse nell’intera popolazione mondiale colpendo l’11% della popolazione compresa tra i 30 e i 60 anni, e il 15% della popolazione con un’età superiore ai 60 anni.

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Farmacia

Autore: Matteo Piana Contatta »

Composta da 89 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 970 click dal 28/10/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.