Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Sintesi e valutazione dell'attività antimicrobica di nuovi peptidomimetici cationici contenenti analoghi dell'arginina

Come ben noto negli ultimi decenni si è verificata una crescente diffusione del fenomeno dell’antibiotico resistenza. I ceppi batterici resistenti agli agenti antimicrobici, che in passato rappresentavano un problema solo per i pazienti ospedalizzati, recentemente si stanno diffondendo anche nel resto della popolazione, tantoché alcuni autori iniziano a parlare di “era-post antibiotica”. Inoltre, un altro problema emergente strettamente connesso all’antibiotico-resistenza è rappresentato dai biofilm batterici, la cui formazione su superfici biomediche e in soggetti immunocompromessi rappresenta una delle più comuni cause del fallimento delle terapie antibiotiche convenzionali. In questo contesto l’individuazione e lo sviluppo di nuovi farmaci antimicrobici capaci di ovviare a queste problematiche, rappresenta una delle aree più affascinanti della ricerca chimico-farmaceutica. In particolar modo recentemente notevole interesse hanno destato gli antimicrobici a struttura peptidica. Alcuni di essi, infatti, si sono rivelati attivi contro ceppi batterici resistenti e capaci di eradicare i biofilm o di inibirne la formazione, rappresentando così un promettente punto di partenza per sviluppo di nuovi farmaci antibiotici.
Lo scopo della mia tesi ha riguardato la sintesi e valutazione microbiologica di nuovi peptidomimetici dotati di attività antimicrobica, contenenti analoghi dell’arginina. I composti sono stati progettati utilizzando come lead il dipeptide H-Arg-Trp-OBlz, rivelatosi attivo nei confronti di ceppi batterici sia Gram-positivi, sia Gram-negativi. I composti sintetizzati hanno mostrato una notevole attiva antimicrobica verso lo S. aureus e dello S. epidermidis, e sono risultati attivi anche nell’inibire la formazione e la crescita di biofilm stafilococcici. Inoltre tutti i peptidomimetici sintetizzati risultano emolitici solo a concentrazioni di molto superiori a quelle antimicrobiche, risultando così selettivi verso le cellule batteriche.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Farmacia

Autore: Roberto Costante Contatta »

Composta da 83 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1133 click dal 20/10/2011.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.