Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Antropologia Culturale: Etnografia di una palestra di pugilato

Viene condotta attraveso la ricerca etnografica un'analisi di una palestra di pugilato.
Vengono riportati argomenti, storie, stili di vita, pensieri di giovani pugili, alcuni dilettanti, altri in procinto di passare al professionismo. Al centro di questa tesi antropologica, inoltre, viene ripercorsa la storia della boxe che ha caratterizzato non solo una cittadina come quella di Ferrara ma l'intero paese, sfiorando gli anni d'oro del pugilato italiano attraverso i suo grandi protagonisti, ex campioni del mondo nonchè allenatori della palestra oggetto della ricerca. L'elaborato, in fine, tocca anche questioni di genere: la figura femminile nel mondo della boxe. Vengono riportate le opinioni di allenatori e giornalisti in merito a questa presenza, oltre, ovviavemente, alle idee e le sensazioni delle protagoniste.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE 1. Oggetto della ricerca Amo la Boxe perché possiede i fondamenti della scienza, la magia della geometria: il colpo lungo, quello corto, il raggio d‟azione, le angolazioni, le schivate. Insomma come una mente applicata alla scienza. Come L‟uomo di Leonardo da Vinci. (Walter Chiari in Creti, Marafioti, 1996) Al centro di questa tesi antropologica, vi è la volontà di descrivere una personale esperienza iniziata diversi anni fa all‟interno di una palestra di pugilato, la società Pugilistica Padana Vigor. Una palestra nata nel 1956, nel cuore del centro storico della città di Ferrara. Studiare questa palestra, ha voluto dire ripercorrere sessant‟anni di boxe a Ferrara, di cui gli ultimi quaranta hanno visti come protagonisti, prima come pugili e poi come allenatori, un‟intera famiglia. Il papà, giovane pugile argentino emigrato in Italia, e i due figli che hanno scalato la tortuosa montagna del pugilato, arrivando così a conquistare la sua vetta più alta, ovvero il titolo mondiale. Così titola uno dei tanti articoli affissi alle pareti della palestra: Duran: cinquant‟anni da signori del Ring

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Marco Rinaldi Contatta »

Composta da 80 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3328 click dal 25/10/2011.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.