Skip to content

La gestione finanziaria delle PMI in crisi. Analisi del settore dei fiori secchi

Informazioni tesi

  Autore: Rosa Cruciano
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Foggia
  Facoltà: Economia
  Corso: Finanza
  Relatore: Enrica Iannuzzi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 141

Nell’Unione Europea ci sono circa 23 milioni di piccole e medie imprese, pari al 99,8% di tutte le imprese. Le PMI offrono oltre 100 milioni di posti di lavoro in Europa, arrivando a coprire oltre il 67% del totale dei posti di lavoro.
In Italia, le PMI sono oltre 4 milioni pari al 98% di tutte le imprese. Il 66% degli addetti è occupato nelle PMI. Le micro-imprese da sole sono il 94,9% di tutte le imprese e occupano il 48% del totale degli addetti.
Per le PMI è sempre più difficile avere accesso al credito e le scarse doti manageriali degli imprenditori aggravano la loro già precaria situazione. Il presente lavoro affronta i seguenti argomenti, seppur in modo non esaustivo, fornendo anche qualche semplice soluzione per favorire lo sviluppo delle PMI.

Il primo capitolo affronta il problema della funzione finanziaria nelle PMI, dando un ampio sguardo alla tematica dei problemi che le PMI si trovano ad affrontare nella loro attività e alle cause che conducono a questi problemi, analizzando attentamente il rapporto con i finanziatori.
Il secondo capitolo studia le PMI focalizzandosi sull’aspetto familiare della gestione: la governance, i punti di forza e di debolezza della piccola impresa familiare; i problemi legati al ricambio generazionale e le strategie per affrontarlo al meglio, sempre con un occhio di riguardo all’impatto che tali fattori hanno sulla gestione finanziaria.
Il terzo capitolo mostra l’analisi empirica condotta sul campione di imprese di fiori secchi di Sannicandro Garganico. Qui si ha una conferma pratica dei dati teorici mostrati nei precedenti capitoli, attraverso l’analisi delle imprese analizzate, lo studio dei bilanci e, in misura meno rilevante, del settore di appartenenza. L’analisi è condotta attraverso sondaggi individuali alle imprese e alle banche presenti sul territorio; i bilanci raccolgono i dati dal 2007 al 2010, mostrando quindi l’evoluzione della gestione nell’arco di un quadriennio e prestando attenzione ai vari esercizi: il 2007 pre-crisi finanziaria, il biennio 2008/09 di piena crisi e il 2010, anno in cui la crisi, secondo quanto annunciato da fonti ufficiali, si riteneva ormai superata. Verranno anche presentati gli strumenti previsti dal legislatore per riequilibrare la struttura delle imprese.
Il quarto e ultimo capitolo è dedicato ad alcuni metodi per affrontare la crisi e alle opportunità di sviluppo e crescita e, in particolare, il distretto industriale per uno sviluppo di settore e l’innovazione come strumento per favorire la competitività.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
6 Introduzione Nell’Unione Europea ci sono circa 23 milioni di piccole e medie imprese, pari al 99,8% di tutte le imprese. Le PMI offrono oltre 100 milioni di posti di lavoro in Europa, arrivando a coprire oltre il 67% del totale dei posti di lavoro. In Italia, le PMI sono oltre 4 milioni pari al 98% di tutte le imprese. Il 66% degli addetti è occupato nelle PMI. Le micro-imprese da sole sono il 94,9% di tutte le imprese e occupano il 48% del totale degli addetti. Con l’attuale crisi economica si è avuto un forte calo della produzione e del fatturato con un conseguente aumento del fabbisogno finanziario. Parallelamente si è assistito ad un peggioramento delle condizioni di accesso al credito, dovuto all’aumento della rischiosità delle imprese e ai piø stretti vincoli imposti dal trattato di Basilea 2. Il fenomeno del razionamento del credito è in costante aumento: esso riduce la propensione all’investimento e di conseguenza limita la stessa produzione e innesca quindi, un circolo vizioso che, partendo dalla necessità di piccoli finanziamenti, porta le PMI alla crisi e, in molti casi, al fallimento. Inoltre, la realtà ha messo in evidenza l’esistenza nelle PMI di una funzione finanziaria scarsamente sviluppata, esercitata in modo molto approssimato dallo stesso imprenditore, che spesso confonde la gestione finanziaria con la mera gestione dei finanziamenti bancari. L’imprenditore si focalizza sull’aspetto strategico - operativo dell’attività d’impresa, rendendo il finanziamento funzionale a questo scopo, senza le adeguate valutazioni di convenienza di un progetto. La mancanza di specifiche doti manageriali da parte dell’imprenditore e la scelta dei dirigenti e dei “successori” in base a criteri poco oggettivi e razionali, peggiorano le già precarie condizioni in cui versano le PMI, che difficilmente riescono a guadagnare la fiducia del settore finanziario.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

innovazione
pmi
piccole e medie imprese
crisi d'impresa
distretto industriale
gestione finanziaria
finanza innovativa
funzione finanza
imprese familiari
accordi stragiudiziali
fiori secchi
sannicandro garganico
crisi d'azienda

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi