Skip to content

The English of Politics - The Language of Barack Obama and John McCain

Informazioni tesi

  Autore: Fabrizia Ianieri
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Bari
  Facoltà: Lingue e Letterature Straniere
  Corso: Lingue e letterature straniere
  Relatore: Massimiliano Demata
  Lingua: Inglese
  Num. pagine: 61

According to Orwell, the most striking example of bad habits in the English language is political writing. It is artificial, pompous, filled with Latin words falling “upon the facts like soft snow, blurring the outline and covering up all the details” (Orwell, 1946, p.166), never fresh, vivid, sincere. Political language consists largely of euphemism, question-begging and, above all, vagueness.

Orwell stated that “political speech and writing are the defence of the indefensible”, in that they address certain events without suggesting mental pictures of them. And so defenceless villages, for instance, are bombarded from the air and the inhabitants are cleared out into the countryside: this is called pacification. People are imprisoned for years without a regular trial: this is referred to as elimination of unreliable elements. These are examples of what Orwell described as calling up things without using their real names.

In the modern age, there is no such thing as “keeping out of politics”. “All issues are political issues”, Orwell said, since it is impossible to separate political aspects from our everyday life and use of language. He viewed politics and the way it permeates the English language, but also other languages such as Russian, German and Italian, greatly influenced by the dictatorships ruling these countries, negatively, and in particular as “a mass of lies, evasions, folly, hatred, and schizophrenia”.
When the general atmosphere is corrupted, language suffers, too.

Notwithstanding this, Orwell saw some solutions to the decadence of language and he said that it is curable, although this has nothing to do with the setting up of a new Standard English, with the attempt to make written English colloquial, or with the use of a correct grammar and syntax, which can be of secondary importance if one expresses a meaning clearly enough. On the contrary, it deals with the setting aside of every word or idiom which has become stale, with the need “to let the meaning choose the word, and not the other way around” (Orwell, 1946, p. 168), and with the abolition of every foreign, scientific or jargon word if one thinks of an everyday English equivalent.

Orwell’s negative view on politics has been prophetic: during the last decades words like “politics”, “politician”, “politicise”, and “political” have been classified among the English words carrying the most negative connotations. Generally, connotation refers to the level of meaning based on associations we attach to words, whereas denotation deals with their barest meaning. Denotative definitions of “politician” might be, for instance, “a person who is practically engaged in running a country, a district or a town” (Beard, 2000, p. 3) or, as the Oxford Advanced Learner’s Dictionary says, even “a person whose job is concerned with politics, especially as an elected member of parliament”, but its connotations are nearly always negative. This is because politicians are frequently despised: they are seen as sinister, devious figures who try to manipulate people’s mind and thoughts in order to obtain power and popular consent, and to reach their objectives, which are frequently unnecessary or even negative for the good of society, but of primary importance for themselves.

Because “politician” carries such negative connotations, another word is required to describe those politicians achieving almost universal popularity, such as Mahatma Gandhi or Nelson Mandela: the word “statesman” seems to be quite a positive option, in that it carries connotations of wisdom and dignity. In the 1960s, the French President Georges Pompidou made a careful distinction between the connotations of the words “politician” and “statesman”.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1. ENGLISH LANGUAGE IN POLITICS: INTRODUCTION Nowadays, everywhere in the world the concept of language as a dynamic set of visual, auditory or tactile symbols, allowing people to communicate with each other and to live together within a society, is recognized and even taught in schools. English speakers, for instance, generally take for granted that everyone knows what the English language is, in which countries it is spoken and whether a particular utterance is “proper” English or not. They tend to talk about their language as though it were a thing, something that has existed for many hundreds of years and that is still characterized by a certain unity despite all the changes it has undergone. This is not completely true. “A language is not a thing, but a practice of diversity ” (Joseph, 2006, p. 7), and it is hard to imagine one English language evolving over many centuries, rather than different English languages existing at different stages. Although everyone knows the meaning of Standard English and in what kind of context it should be used, it is far from true that speakers, even the most educated, use English in a standard way, since they do not necessarily recognize the authority of a British or American standard over their particular English, and they claim to have an English of their own, as well as the right to follow a standard of their own. English language has been transformed over time: it has assumed new features and peculiarities, and its grammatical and lexical structures have evolved, thus reflecting the changes society itself has undergone and the way people’s behaviour and thoughts have changed with it. Modern English, that is

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi