Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Tecniche di Imaging a Risonanza Magnetica basate sulla diffusione molecolare (DWI, DTI) nella diagnostica clinica

In questo lavoro di tesi si sono inizialmente approfondite le tecniche di imaging a risonanza magnetica basate sulla diffusione molecolare. Tra gli obbiettivi di queste tecniche c’è quello di riuscire a quantificare la mobilità dell’acqua all’interno dei tessuti biologici, perché può dare informazioni sulla conformazione dei tessuti stessi.
Si è poi studiato un caso clinico presso il polo ospedaliero “Sant’Orsola-Malpighi”.
A partire dall'ottobre 2009 al gennaio 2011 sono stati reclutati un totale di 62 soggetti, di cui 17 volontari e 45 affetti da diverse patologie renali.
Dagli esami DWI e DTI effettuati, per ogni paziente si sono misurati il coefficiente di diffusione apparente (ADC) e la Fractional Anisotropy (FA) a partire da delle ROI individuate su tre aree differenti del tessuto renale: la corticale, la midollare e la cortico-midollare.
L’obbiettivo dello studio è cercare di determinare se esistono sostanziali differenze nei valori di ADC ed FA fra i soggetti sani e quelli affetti da patologie renali.
Si è quindi deciso di confrontare i risultati ottenuti con altri parametri clinici: la creatinina e il VFG, che consentono di stabilire se la funzionalità renale è normale o alterata.
In particolare i dati sono stati suddivisi inizialmente in due classi a seconda che valore di creatinina assunto da ogni paziente rientrasse in un range tale da considerarsi sano oppure patologico, ed è stato effettuato poi un test di Student con tali classi, per confrontare quindi nelle tre aree renali i valori medi di ADC ed FA.
Utilizzando poi il VFG, in base al valore assunto, i soggetti sono stati suddivisi in 4 gruppi secondo la stadi azione CKD, che associa al valore di VFG un diverso livello di gravità di patologia renale.
Sono quindi stati sempre confrontati i valori medi di ADC ed FA utilizzando il test ANOVA.

Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo 1 Diusion MRI 1.1 Diusione molecolare Nell’applicazione della risonanza magnetica in ambito clinico, ci si trova frequentemente a dover tener conto del fenomeno della diusione moleco- lare, laddove nello studio di un organo o tessuto sono presenti uidi liberi di muoversi, che inuiscono quindi sulla modalit a di acquisizione delle immagi- ni, oltre che dare un ulteriore informazione funzionale. In generale la diusione consiste nel moto transazionale di molecole soggette a moto browniano, a causa della presenza di gradienti di concentrazione. Matematicamente e descritto dalle leggi di Fick. La prima legge aerma che: J(r;t) = Drc(r;t) (1.1) Dove J(r;t) indica il usso di una particella e c(r;t) la concentrazione in temini di numero di molecole per unit a di volume. Il segno meno indica che la direzione del usso va da concetrazione maggiore a concentrazione minore. Per la legge di continuit a si ha che: @c(r;t) @t =r J(r;t) (1.2) Combinando queste due equazioni si ottiene cos la seconda legge di Fick: 5

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Nicola Maria Atum Salandini Contatta »

Composta da 56 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2858 click dal 21/10/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.