Skip to content

Metodi di stima alternativi per panel dinamici: un'applicazione alle teorie di finanziamento delle imprese

Informazioni tesi

  Autore: Luigi Delvecchio
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze dell'economia
  Relatore: Maria Elena Bontempi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 92

Esistono molteplici ricerche riguardanti la struttura del capitale dell’impresa. Questi studi cercano di cogliere quale sia il comportamento ottimale in riferimento alla copertura finanziaria degli investimenti, alla luce delle molteplici interrelazioni esistenti tra il sistema impresa e i suoi interlocutori. La ricerca punta all’ottenimento di un riscontro empirico mediante l’utilizzo di banche dati attentamente selezionate. Dalla rassegna teorica emergono differenti dinamiche di indebitamento: la teoria del Trade Off (TO) ci dice che il rapporto di indebitamento aziendale insegue un obiettivo ottimale attraverso un processo di aggiustamento, mentre sia quella del Pecking Order (PO) e del Market Timing (MT) non prevedono un simile meccanismo. Molti studi hanno mostrato un com- portamento di aggiustamento verso un target di indebitamento ottimale (TO), tuttavia, la maggior parte di questi risultati provengono da modelli che tendono a trascurare il problema dell’eterogeneità. Ciò spesso ha comportato il risultato irrealistico che tutte le imprese convergano verso lo stesso obiettivo alla medesima velocità. Per distinguere comportamenti finanziari alternativi bisognerebbe, invece, utilizzare specificazioni empiriche eterogenee che siano in grado di produrre inferenze valide sul comportamento dinamico delle stime del rapporto di indebitamento.

Metodologia seguita: Presentazione delle varie teorie sulla struttura finanziaria delle imprese e i modelli econometrici alternativi presenti in letteratura. Descrizione della banca dati e specificazione del modello dinamico che annida le diverse teorie. Confronto tra gli stimatori tradizionali e quelli che non vincolano l’eterogeneità dei comportamenti dei diversi settori di imprese. Raccolta degli output del software Stata, delle procedure eseguite per ricavarli e di una serie di comandi che hanno permesso la redazione della tesi mediante il linguaggio open source LATEX con i quali si è evidenziata la possibilità di un uso congiunto con il software Stata.

Principali risultati raggiunti: Utilizzando i metodi di stima tradizionali sembra sia convalidata la previsione TO. Concentrandosi sulle evidenze empiriche rispetto ai metodi di stima che ammettono l’eterogeneità (che effettivamente si riscontra nelle stime degli speed of adjustment settoriali), invece, emerge che la maggioranza dei settori di imprese registrano comportamenti in linea con le teorie PO/MT. Si può affermare che un comportamento PO è incoraggiato dal particolare sistema di corporate governance delle imprese italiane e dalla struttura del sistema finanziario italiano.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo 1 Aspetti teorici e metodologici 1.1 Le teorie sulla struttura nanziaria delle imprese Esistono molteplici ricerche riguardanti la struttura del capitale dell’impresa, esse si dierenziano in base all’importanza data ai diversi fattori che inuenzano la scelta tra debito ed equity. Questi studi si sono mossi ai ni della determinazione di una struttura che possa essere universalmente accettata come ideale. Molto pi u realisticamente, si cerca di cogliere quale sia il comportamento ot- timale in riferimento alla copertura nanziaria degli investimenti, data una serie di variabili quali il volume e la tipologia delle attivit a dell’impresa, la struttu- ra dell’organo di governance e le molteplici interrelazioni esistenti tra il sistema impresa e i suoi interlocutori, nonch e tra questo e il suo sovrasistema di riferi- mento 1 . Chiaramente la ricerca punta all’ottenimento di un riscontro empirico mediante l’utilizzo di banche dati attentamente selezionate e l’individuazione di modelli che possano aggiungere tasselli signicativi al mosaico complessivo. 1.1.1 Modigliani e Miller La teoria della struttura del capitale in senso moderno nasce nel 1958 con le tesi di Modigliani e Miller (MM). Siano D ed E i valori di mercato del debito e dell’equity di un impresa, la loro somma ci dice qual e il valore di mercato globale, V, di tutti i suoi titoli in circolazione. Un ipotetico direttore nanziario userebbe la combinazione di fonti di nanziamento che massimizzi V, ma secondo MM egli dovrebbe prendere in considerazione la possibilit a che non esista una combinazione pi u favorevole di altre, visto che in un mercato perfetto ogni combinazione e valida come qualsiasi 1 Si veda in proposito Panati,G., Golinelli G. (1988). 1

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

econometria
finanziamento
corporate finance
imprese
istat
panel
eterogeneità
latex
struttura del capitale
stata
trade-off
pooled mean group
pecking order
target adjustment
settori imprese

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi