Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Cattolicesimo e nazionalismo nell’Irlanda di fine Ottocento: la Chiesa e il movimento di Charles Stewart Parnell

In questa tesi ho analizzato i rapporti che intercorsero tra la Chiesa Cattolica e il movimento nazionalista irlandese negli anni in cui esso fu guidato da Charles Sterwart Parnell.
Il primo anno interessante per le mie ricerche è il 1878. Esso fu molto importante per la Chiesa irlandese, dal momento che si spensero il cardinale Cullen, arcivescovo di Dublino, e papa Pio IX. Negli anni precedenti Cullen, che prima di diventare arcivescovo aveva trascorso diversi anni a Roma guadagnandosi la fiducia del Papa, era stato senza ombra di dubbio la guida carismatica della Chiesa irlandese. La sua morte causò quindi un vuoto di potere all’interno della Chiesa dell’isola, proprio quando la situazione politica irlandse stava vivendo un momento di grande fermento.
Tre cattivi raccolti a partire dal 1877, il calo dei prezzi dei prodotti agricoli e del bestiame resero insostenibile la situazione degli agricoltori irlandesi. Essi erano per lo più affittuari, coltivavano un appezzamento di terra in cambio del pagamento di un affitto, che ora spesso non erano in grado di pagare, correndo il rischio di essere sfrattati.
Fu in questi anni che Charles Sterwart Parnell emerse come leader fra i parlamentari irlandesi che sedevano nel Parlamento britannico. Egli divenne presto un punto di riferimento anche per gli affittuari, in quanto venne eletto presidente dell’Irish Land League, un’associazione creata a loro tutela.
Inizialmente, all’interno della Chiesa irlandese, vi fu disaccordo riguardo all’atteggiamento da tenere nei confronti del movimento di Parnell. Monsignor MacCabe, il successore di Cullen alla guida dell’arcidiocesi di Dublino, l’osteggiava mentre altri ecclesiastici, tra cui l’arcivescovo di Cashel monsignor Croke, lo supportavano.
Croke e MacCabe si scontrarono allorchè l’arcivescovo di Dublino condannò, in una lettera pastorale, la Ladies’ Land League ritenendo immorale il coinvolgimento delle donne nelle questioni politiche. Mons. Croke disapprovava tale posizione, e il fatto causò tali polemiche che la Santa Sede dovette intervenire come pacificatrice fra i due ecclesiastici.
Nel frattempo il Governo britannico cercava, inizialmente con scarso successo, d’indurre la Santa Sede a condannare la collaborazione che stava venendosi a creare fra il movimento di Parnell e alcuni ecclesiastici. Nel 1883 la Congregazione di Propaganda Fide inviò una circolare ai vescovi irlandesi, criticando la partecipazione di molti ecclesiastici a una raccolta di fondi a favore di Parnell. Gli irlandesi però, ritenendo che tale circolare fosse una concessione fatta al Governo, risposero aderendo in massa alla sottoscrizione e la Santa Sede, imbarazzata, riprese a non prestare orecchio alle richieste britanniche. Nel 1885, in seguito alla morte di MacCabe, fu addirittura nominato arcivescovo di Dublino William Walsh, un sacerdote nazionalista malvisto dal Governo. Ciò contribuì a creare una vera e propria alleanza tra il clero irlandese e il movimento di Parnell.
La situazione iniziò a cambiare a partire dal 1887. Il desiderio di costruire buoni rapporti con il Regno Unito, la perplessità riguardo alla moralità dei metodi di lotta utilizzati dai nazionalisti irlandesi (specialmente il Plan of Campaign e il Boycotting) e il desiderio di contrbuire alla pacificazione dell’Irlanda furono probabilmente i principali motivi che spinsero il Papa ad interessarsi personalmente della questione irlandese. Egli incaricò il suo Segretario di Stato, cardinale Mariano Rampolla del Tindaro, di occuparsi personalmente delle problematiche irlandesi.
Rampolla inviò in Irlanda mons. Ignazio Persico in qualità di Delegato Apostolico (una sorta di rappresentante del Papa incaricato d’indagare sulla situazione). Egli confermò molte delle accuse che il Governo muoveva contro il movimento nazionalista, ma sottolineò che in Irlanda vi era molta tensione, e sconsigliò vivamente un intervento della Santa Sede che scavalcasse l’episcopato dell’isola. Il Papa e il suo Segretario di Stato non tennero tuttavia conto di tale consiglio, e si adoperarono perché vi fosse una pronuncia da parte del S. Uffizio. Esso nel 1888 condannò come immorali il Plan of Campaign e il Boycotting, e proibì a tutti i Cattolici di ricorrere a tali forme di protesta.
Questa pronuncia del S. Uffizio fu accolta assai male in Irlanda e causò un periodo di tensione tra la Santa Sede e la Chiesa irlandese, che si risolse solo grazie all’evolversi della situazione politica.
Nel 1890 divenne di pubblico dominio la relazione che Parnell intratteneve con una donna sposata. Fu un grave scandalo, che colpì profondamente l’opinione pubblica irlandese e britannica. Esso portò ad una spaccatura del movimento di Parnell e il clero irlandese, con l’approvazione del Papa, appoggiò coloro che avevano abbandonato il leader. Pochi mesi dopo Parnell si spense, e una fase della storia del nazionalismo irlandese volse così al termine.

Mostra/Nascondi contenuto.
7 Introduzione Presentando una ricerca ritengo sia opportuno spiegare quale interesse possa suscitare, ancor più presentando una tesi di dottorato, ovvero il risultato di uno studio che mi ha impegnato complessivamente per tre anni. Oggetto di questa tesi è il rapporto che intercorse tra la Chiesa Cattolica e il nazionalismo irlandese in quegli anni in cui, nella seconda metà dell‟Ottocento, Charles Stewart Parnell fu il principale leader politico d‟Irlanda. Tale periodo storico, molto importante tanto per la storia irlandese quanto per quella britannica, è però conosciuto solo parzialmente in Italia. Esistono diversi libri, pubblicati in Irlanda, Gran Bretagna e Stati Uniti, che analizzano il tema da me trattato, ma nessuno di essi è stato tradotto in italiano. La traduzione di una di queste opere, frutto delle ricerche di storici molto più affermati ed esperti di me, non sarebbe forse più interessante della mia tesi di dottorato? Questo pensiero ha in parte influenzato il mio lavoro; uno degli obiettivi che mi sono posto è stato di compiere una ricerca in qualche modo originale, e credo di esservi riuscito cercando di dare un contributo specifico alla storiografia italiana, distinguendola per almeno due ragioni da quelle compiute nel mondo anglosassone. Innanzitutto ho tenuto conto del fatto che un italiano che dovesse accostarsi alle mie ricerche sarebbe provvisto di un background culturale assai diverso rispetto a un lettore anglosassone. Emmet Larkin, importante storico della Chiesa irlandese, dedica per esempio tre libri distinti 1 ad 1 Emmet Larkin, The Roman Catholic Church and the Creation of the Modern Irish State, 1878-1886, Philadelphia 1975; The Roman Catholic Church and the Plan of Campaign in Ireland, 1886-1888, Cork 1978; The Roman Catholic Church and the Fall of Parnell, 1888-1891, Chapel Hill: University of North Carolina Press 1979. Del medesimo autore vedi anche: The Historical Dimensions of Irish Catholicism, New York 1976; The Making of the Roman Catholic Church in Ireland, 1850-1860, Chapel Hill: University of North Carolina Press 1980; The Consolidation of the Roman Catholic Church in Ireland, 1860-1870, Dublino 1987; The Roman Catholic Church and the Home Rule Movement in Ireland, 1870-1874, Dublino 1990; The Roman Catholic Church and the Emergence of the Modern Irish Political System, 1874-1878, Dublino 1996; The Pastoral Role of the Roman

Tesi di Dottorato

Dipartimento: Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali

Autore: Alberto Belletti Contatta »

Composta da 323 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 724 click dal 02/11/2011.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.