Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Proliferazioni di Ostreopsis cf. Ovata nel Mar Adriatico nell'estate del 2009: ecologia e profilo tossico

Identificazione di nuove biotossine marine palitossino-simili e caratterizzazione del profilo tossico dettagliato di campioni naturali di Ostreopsis Ovata nel Mar Adriatico mediante LC-MS, e relazione tra proliferazioni di Ostreopsis Ovata e paramatri ambientali.
Il plancton marino rappresenta per pesci, crostacei e molluschi marini eduli, un'importante fonte di nutrimento in quanto questi organismi si nutrono per filtrazione delle acque del mare attraverso l’attività di “filter-feeding”. Esso è costituito damicroalghe che si possono presentare isolate (forme unicellulari) o raggruppate in piccole colonie di cellule.In genere il termine “alga” non ha una definizione tassonomica, ma racchiude ungruppo di organismi, sia procarioti che eucarioti, che presentano delle caratteristiche comuni, quali la presenza di clorofilla (di tipo a, c o d) come pigmento fotosinteticoprimario, l’essere autotrofe e il vivere in ambiente acquatico.Le alghe svolgono un ruolo essenziale, in quanto sono produttori di sostanza organica e ossigeno. Assumono quindi una posizione fondamentale nel sistema marino, in quanto sono il primo anello della catena alimentare. Sono il cibo di molti organismi come invertebrati e pesci, tra cui molte specie di importanza commerciale. Alcune microalgheperò producono delle sostanze tossiche, che possono minare la salute umana attraverso l’ingestione di pesce o frutti di mare contaminati, quindi lo studio di questi organismi risulta essere molto importante.

Mostra/Nascondi contenuto.
1. INTRODUZIONE Il plancton marino rappresenta per pesci, crostacei e molluschi marini eduli, un'importante fonte di nutrimento in quanto questi organismi si nutrono per filtrazione delle acque del mare attraverso l’attività di “filter-feeding”. Esso è costituito da microalghe che si possono presentare isolate (forme unicellulari) o raggruppate in piccole colonie di cellule. In genere il termine “alga” non ha una definizione tassonomica, ma racchiude un gruppo di organismi, sia procarioti che eucarioti, che presentano delle caratteristiche comuni, quali la presenza di clorofilla (di tipo a, c o d ) come pigmento fotosintetico primario, l’essere autotrofe e il vivere in ambiente acquatico. Le alghe svolgono un ruolo essenziale, in quanto sono produttori di sostanza organica e ossigeno. Assumono quindi una posizione fondamentale nel sistema marino, in quanto sono il primo anello della catena alimentare. Sono il cibo di molti organismi come invertebrati e pesci, tra cui molte specie di importanza commerciale. Alcune microalghe però producono delle sostanze tossiche, che possono minare la salute umana attraverso l’ingestione di pesce o frutti di mare contaminati, quindi lo studio di questi organismi risulta essere molto importante. 3

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Farmacia

Autore: Angelo Errichiello Contatta »

Composta da 75 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 430 click dal 02/11/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.