Skip to content

Piante arboree da frutto e loro sequestro della CO2 atmosferica: una possibile soluzione all’aumento dell’effetto serra

Informazioni tesi

  Autore: Lorenzo Rossi
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Pisa
  Facoltà: Agraria
  Corso: Scienze e tecnologie agrarie, agroalimentari e forestali
  Relatore: Rossano Massai
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 101

L’elaborato prende in esame il possibile ruolo delle specie arboree da frutto nella mitigazione dell’effetto serra, con particolare riferimento a quattro specie di notevole interesse alimentare: il melo (Malus domestica Borkh.) ed il pero (Pyrus communis L.) per le Pomacee, il pesco (Prunus persica (L.) Batsch.) ed il susino europeo (Prunus domestica L.) per le Drupacee.
Nella prima parte il lavoro descrive da un lato le problematiche generali che si riscontrano negli ultimi anni a seguito dello sconsiderato aumento delle emissioni di CO2 che comportano, come conseguenze dirette, l’innalzamento dei livelli di inquinamento atmosferico e il riscaldamento globale (proprio a causa di un aumento dell’effetto serra); dall’altro, sapendo che il terreno rappresenta un grandissimo contenitore di carbonio sotto forma di sostanza organica umificata, si è proceduto ad un’analisi bibliografica del ciclo del carbonio nel suolo per molte specie coltivate in funzione anche dei residui colturali prodotti e della loro diversa utilizzazione.
La seconda parte prende invece in esame la capacità delle piante arboree da frutto di immagazinare la CO2 atmosferica all’interno della loro biomassa. Ad un prima sezione introduttiva, che prende in esame i contributi scientifici già esistenti, ne segue una più approfondita che descrive quattro casi studio.
Le prove sono state condotte nel campo sperimentale del Dipartimento di Coltivazione e Difesa delle Specie Legnose “G. Scaramuzzi” di Pisa, in località Colignola, e l’analisi dei dati rappresenta l’elaborazione di cicli produttivi di 10-15 anni durante i quali si è proceduto alla misurazione della sostanza secca (produzione, potatura verde, potatura invernale, foglie espresso in kg pianta-1) di tutti gli alberi di ogni impianto (melo, pero, pesco e susino europeo) di ciascun anno di sperimentazione. Alla fine del ciclo produttivo alcune delle piante in esame (circa dieci per impianto) sono state estirpate ed è stato così possibile misurare la sostanza secca di radici e chioma accumulata durante tutto il periodo di accrescimento. I valori di sostanza secca misurati sono stati trasformati in incrementi annui; da questi sono stati ricavati i valori di CO2 atmosferica fissata secondo l’equazione: 1 g sostanza secca = 0,5 g C = 1,83 g CO2 atmosferica fissata.
Per ogni specie è stata determinata sia la cosidetta biomassa a ciclo breve (potature, produzione, foglie senescenti), sia la cosiddetta biomassa stabile (radici e chioma); allo stesso modo è stata effettuata anche un’analisi comparativa di portinnesti la quale ha messo in evidenza che le piante maggiormente vigorose solitamente tendono a produrre anche maggiori quantitativi di biomassa.
Nel caso studio relativo al pesco, oltre alle analisi anzidette è stata effettuata anche una ricerca a livello di forme di allevamento: due varietà, su portinnesti diversi, allevate in due diverse tipologie (fusetto a 1.111 piante ha-1 e vaso libero a 400 piante ha-1) sono state poste a confronto. Dai dati rilevati è emerso che le forme di allevamento ad alta densità possono risultare maggiormente interessanti nella riduzione dell’effetto serra in quanto tendono a sviluppare molta biomassa che se opportunamente interrata può andare a costituire un buona riserva di carbonio nel suolo.
In generale quindi si può parlare delle specie arboree sia come piante finalizzate ad una produzione di prodotti alimentari, sia come specie vegetali con un ruolo di ‘carbon sink’ ossia di contenitori di carbonio. Questo ‘valore aggiunto’ al giorno d’oggi risulta complementare alla pura e semplice funzione produttiva ed è verso tematiche quali salute e qualità nei frutti, diminuzione delle emissioni e sostenibilità dei processi produttivi, che deve puntare la moderna frutticoltura. In questo modo è auspicabile puntare anche ad un rilancio del comparto frutticolo invogliando sempre più i consumatori all’acquisto di frutta “ecosostenibile”.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
6 Introduzione Le problematiche relative agli aspetti ambientali, la sempre più sentita necessità di ridurre l’inquinamento e le oramai onnipresenti conseguenze dello sconsiderato aumento dell’effetto serra hanno dato modo, negli ultimi vent’anni, di iniziare ad ipotizzare un possibile ruolo delle piante arboree da frutto nella mitigazione di questi fenomeni (S OFO et al ., 2004b). Gli studi sono ancora incerti e tutt’altro che ultimati: risulta però interessante esaminare come pur nel campo della frutticoltura ci sia un forte interesse alla ricerca in questo particolare settore di carattere prettamente ecologico–ambientale; tantoché le analisi che si erano inizialmente avviate nel campo delle coltivazioni erbacee si sono ben presto spostate anche in quello delle coltivazioni arboree e l’attività in questo comparto sta proliferando. Questa tendenza altro non è che un segno tangibile di un cambiamento di rotta, necessario oramai da qualche anno, che finalmente sta portando la Ricerca scientifica anche fuori dal comparto unicamente finalizzato alla mera massimizzazione delle produzioni unitarie. L’idea che la Frutticoltura possa contribuire alla mitigazione dell’ effetto serra tramite l’immagazzinamento della CO 2 atmosferica nella biomassa dei vegetali sta trovando sempre più riscontri nella comunità scientifica e, sotto questo punto di vista, le piante da frutto stanno assumendo un valore aggiuntivo, rispetto a quello tradizionale: infatti vengono valutate anche per il loro ruolo di contenitori di carbonio, ossia di carbon sink (SOFO et al ., l.c.). Proprio a tal proposito dovremo riconoscere che con i sistemi super intensivi e l’utilizzo di pratiche agricole non troppo razionali stavamo rischiando di convertire la pedosfera da serbatoio (sink) di carbonio ad una vera è propria fornitrice (source) di quest’ultimo, con pesanti ripercussioni sulla quantità di CO 2 presente nell’atmosfera (SCHLESINGER e L ICHTER, 2001; S OFO , l.c.). Partendo da questa considerazione, forti del bagaglio di conoscenze pregresse, optando per un razionale uso delle tecniche colturali (come ad esempio la fertilizzazione, l’irrigazione e la gestione del suolo) potremmo andare a mitigare le emissioni di CO 2 comportando numerosi aspetti positivi che non si traducono soltanto, come in passato si poteva pensare, sulla qualità del frutto e sulla salute del consumatore, ma che vanno a riflettersi su di un sistema

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

biomassa
effetto serra
piante da frutto
sequestro co2

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi