Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il middle management e l’innovazione - Il caso Finmeccanica

Il presente lavoro ha ad oggetto il ruolo del middle management nelle organizzazioni economiche complesse, ed in particolare il suo rapporto con l’innovazione.
L’obiettivo di questa tesi è di indagare i ruoli del management, e del connesso esercizio della leadership nelle attuali realtà aziendali, soffermandosi sulla linea manageriale intermedia come organo di successo di un’organizzazione complessa. Con il cambiamento in atto e la crisi economica globale, se il capo intermedio agisse senza essere predisposto mentalmente all’innovazione, creerebbe problemi non solo alla sua area di competenza, ma probabilmente, a tutto il sistema; dove per innovazione non s’intende un processo prettamente tecnologico, ma piuttosto una serie di fattori che produrranno sinergie se omogenei e ben assemblati fra loro.
Si è scelto quest’argomento perché il middle manager è una figura a cui spesso erroneamente non viene data la giusta rilevanza, perché non si trova a prendere le decisioni più importanti per l’organizzazione; tuttavia un’impresa se non dispone di una o svariate linee intermedie, rischia di non adempiere alla propria mission.
Il primo capitolo espone le basi fondamentali della materia dell’organizzazione aziendale, partendo dalla divisione del lavoro, sino ad arrivare al coordinamento e passando per la specializzazione delle attività. Inoltre, propone le divisioni didattiche di parti dell’organizzazione, configurazioni e macrostrutture.
Il secondo capitolo introduce il ruolo del manager, spiegando quali siano i suoi compiti principali, quali siano gli stili con cui amministrare la propria autorità e soprattutto si incomincia a trattare più specificamente delle linee di management e, di conseguenza, dei capi intermedi.
Il terzo capitolo si sofferma sulla crescita e sull’innovazione, esplicitando il difficile rapporto tra queste due variabili, considerate prima di tutto un’opportunità, ma anche in taluni casi una minaccia, per l’intero sistema organizzativo.
Il quarto capitolo, da cui prende il titolo anche la tesi, è centrale perché, dopo aver introdotto gli argomenti della linea manageriale intermedia e dell’innovazione, si cerca di capire quale sia il rapporto tra essi. Rivestono una grande importanza all’interno di esso i paragrafi sul knowledge management e sulle risorse umane, come ago della bilancia tra middle manager e innovazione.
Nel quinto capitolo è presente il caso aziendale: attraverso un’accurata analisi e soprattutto grazie alla collaborazione del Dott. Fausto Di Fant, Responsabile Pianificazione, Organizzazione e Costo Del Lavoro nell’ambito della Funzione Centrale Risorse Umane, ho potuto analizzare l’universo di Finmeccanica e capire l’importanza del capo intermedio in una Holding di così tanto successo.
Le conclusioni sono il risultato degli studi sulla letteratura esistente in materia di Middle Management e Innovazione e della verifica empirica dei modelli elaborati dalla dottrina, presso la complessa realtà di Finmeccanica, eccellenza italiana nel campo delle tecnologie avanzate.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Il presente lavoro ha ad oggetto il ruolo del middle management nelle organizzazioni economiche complesse, ed in particolare il suo rapporto con l’innovazione. L’obiettivo di questa tesi è di indagare i ruoli del management, e del connesso esercizio della leadership nelle attuali realtà aziendali, soffermandosi sulla linea manageriale intermedia come organo di successo di un’organizzazione complessa. Con il cambiamento in atto e la crisi economica globale, se il capo intermedio agisse senza essere predisposto mentalmente all’innovazione, creerebbe problemi non solo alla sua area di competenza, ma probabilmente, a tutto il sistema; dove per innovazione non s’intende un processo prettamente tecnologico, ma piuttosto una serie di fattori che produrranno sinergie se omogenei e ben assemblati fra loro. Si è scelto quest’argomento perché il middle manager è una figura a cui spesso erroneamente non viene data la giusta rilevanza, perché non si trova a prendere le decisioni più importanti per l’organizzazione; tuttavia un’impresa se non dispone di una o svariate linee intermedie, rischia di non adempiere alla propria mission. Il primo capitolo espone le basi fondamentali della materia dell’organizzazione aziendale, partendo dalla divisione del lavoro, sino ad arrivare al coordinamento e passando per la specializzazione delle attività. Inoltre, propone le divisioni didattiche di parti dell’organizzazione, configurazioni e macrostrutture. Il secondo capitolo introduce il ruolo del manager, spiegando quali siano i suoi compiti principali, quali siano gli stili con cui amministrare la propria autorità e soprattutto si incomincia a trattare più specificamente delle linee di management e, di conseguenza, dei capi intermedi. Il terzo capitolo si sofferma sulla crescita e sull’innovazione, esplicitando il difficile rapporto tra queste due variabili, considerate prima di tutto un’opportunità, ma anche in taluni casi una minaccia, per l’intero sistema organizzativo. Il quarto capitolo, da cui prende il titolo anche la tesi, è centrale perché, dopo aver introdotto gli argomenti della linea manageriale intermedia e dell’innovazione, si cerca di capire quale sia il rapporto tra essi. Rivestono una grande importanza all’interno di esso i paragrafi sul knowledge management e sulle risorse umane, come ago della bilancia tra middle manager e innovazione. Nel quinto capitolo è presente il caso aziendale: attraverso un’accurata analisi e soprattutto grazie alla collaborazione del Dott. Fausto Di Fant, Responsabile Pianificazione, Organizzazione e Costo Del Lavoro nell’ambito della Funzione Centrale Risorse Umane, ho potuto analizzare l’universo di Finmeccanica e capire l’importanza del capo intermedio in una Holding di così tanto successo. Le conclusioni sono il risultato degli studi sulla letteratura esistente in materia di Middle Management e Innovazione e della verifica empirica dei modelli elaborati dalla dottrina, presso la complessa realtà di Finmeccanica, eccellenza italiana nel campo delle tecnologie avanzate. 5

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Jacopo Deidda Gagliardo Contatta »

Composta da 33 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1374 click dal 10/11/2011.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.