Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Sport for Development and Peace: l'attività sportiva nei progetti di sviluppo

Analisi dell'attività sportiva inserita in progetti nei paesi in via di sviluppo. La tesi cerca di approfondire in legame tra lo sport e i tradizionali temi della cooperazione allo sviluppo, partendo dal quadro politico istituzionale per arrivare ad evidenziarne le potenzialità, ma anche le lacune e i punti deboli. Nel complesso, il lavoro finale risulta come una panoramica sulla recente dottrina dello Sport for Development and Peace, analizzata dal punto di vista politico-sociale.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 1. INTRODUZIONE Il seguente elaborato è frutto di un percorso di studi effettuato all’interno del corso di laurea triennale in Cooperazione allo Sviluppo. In particolare, lo spunto tematico è derivato dalla mia frequenza al corso “Sport e diritti umani nel diritto dell’Unione Europea”, tenuto alla facoltà di Scienze Politiche dal prof. Jacopo Tognon, membro del Tribunale Arbitrale dello Sport di Losanna. L’insegnamento prevede lo studio dello sport correlato a tematiche sociali come i diritti umani, la discriminazione e la tutela dell’individuo. Quindi, da un punto di vista essenzialmente giuridico, e dall’analisi dei vari documenti di politica internazionale ed europea, ho cercato di ampliare il mio ambito di ricerca al settore della cooperazione allo sviluppo, andando di seguito a cercare il legame tra l’impiego dello sport e i progetti di sviluppo. Sono approdata, quindi, alla tematica dello Sport for Development and Peace, una recente dottrina in espansione che vede nello sport uno strumento di coinvolgimento, interazione ed integrazione sociale in contesti disagiati come quelli dei paesi in via di sviluppo. Il presente studio inizierà, dunque, inquadrando la definizione della parola “sport”, concentrando l’attenzione sul suo impiego in ambito sociale. Poi si proseguirà esponendo il quadro istituzionale nel quale è presente lo Sport for Development and Peace, in particolare analizzando la produzione di documenti delle Nazione Unite e dell’Unione Europea. Successivamente si metteranno a confronto due approcci diversi attualmente presenti all’interno della dottrina che prevedono un differente utilizzo dello sport in progetti di sviluppo; le due ottiche analizzate saranno, infatti, quello dello “Sport plus Development” e del “Development plus Sport”, due modalità per coordinare l’attività sportiva a seconda delle priorità dei vari contesti di intervento. Successivamente si passerà all’esposizione delle peculiarità dello “Sport for Development and Peace”, soprattutto per quel che riguarda i suoi precisi ambiti di intervento. Si analizzeranno, quindi, le caratteristiche generali dello sport integrato ad attività che promuovono scopi come lo sviluppo personale e l’integrazione sociale, la salute, la pace e la questione di genere. Per ogni tematica, quindi, sarà presentata una descrizione concreta di un progetto attualmente in corso, definendone il contesto di intervento, gli obiettivi e i risultati sinora raggiunti.

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Beatrice Moretto Contatta »

Composta da 45 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1689 click dal 17/11/2011.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.