Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La disciplina internazionale dei diritti dei migranti: il sistema delle Nazioni Unite e dell’Unione Europea

Se l’emigrazione non ha mai presentato dei problemi agli stati se non nella speculata questione della “fuga dei cervelli”, il fenomeno migratorio è sempre stato contornato da problematiche relative all’accoglienza, all’insediamento, al lavoro, più recentemente all’accesso alle politiche di sicurezza sociale e ai diritti sociali. Ogni stato ha una politica di immigrazione, e ogni governo cerca di controllare l’immigrazione approvando delle leggi sull’immigrazione, che regolano l’ingresso, il soggiorno, i diritti riconosciuti agli immigrati.
Nel scrivere questa tesi inizierò con un capitolo introduttorio di definizioni e termini usati per descrivere tutta la massa umana in movimento: stranieri, rifugiati, esuli, migranti, apolidi. Le definizioni e termini cambiano seguendo lo sviluppo storico delle comunità, e lo stesso discorso vale anche per le definizioni -stranieri, rifugiati, esuli, migranti, apolidi- che nel corso degli anni e decenni hanno subito delle variazioni dovuti alle mutazioni nella vita internazionale.

Mostra/Nascondi contenuto.
7 Introduzione Scrivere di immigrazione e di immigrati non è un compito facile, soprattutto per me che sono soltanto un studente di Scienze Politiche e non ho ancora acquisito quella competenza e quella esperienza a chi si accinge di preparare questo tema. Conoscendo i miei limiti e con tutte le difficoltà ho deciso di scrivere la tesi di laurea sugli immigrati e sull‟immigrazione. Quando iniziai nel 2004 il corso di laurea triennale in Relazioni Internazionali e Diritti Umani non pensavo a questo, ma poi riflettendo sui diritti dell‟uomo e considerando la mia posizione in quanto straniero, mi chiedevo sempre come possano le norme del diritto internazionale influire sui singoli individui e soprattutto come riuscirebbero a condizionare il comportamento degli stati in materia di emigrazione e immigrazione. Se l‟emigrazione non ha mai presentato dei problemi agli stati se non nella speculata questione della “fuga dei cervelli”, il fenomeno migratorio è sempre stato contornato da problematiche relative all‟accoglienza, all‟insediamento, al lavoro, più recentemente all‟accesso alle politiche di sicurezza sociale e ai diritti sociali. Ogni stato ha una politica di immigrazione, e ogni governo cerca di controllare l‟immigrazione approvando delle leggi sull‟immigrazione, che regolano l‟ingresso, il soggiorno, i diritti riconosciuti agli immigrati. Nel scrivere questa tesi inizierò con un capitolo introduttorio di definizioni e termini usati per descrivere tutta la massa umana in movimento: stranieri, rifugiati, esuli, migranti, apolidi. Le definizioni e termini cambiano seguendo lo sviluppo storico delle comunità, e lo stesso discorso vale anche per le definizioni -stranieri, rifugiati, esuli, migranti, apolidi- che nel corso degli anni e decenni hanno subito delle variazioni dovuti alle mutazioni nella vita internazionale. Analizzando questa terminologia e il suo sviluppo mi aiuterà a capire meglio le varie figure e allo stesso tempo di non perdere l‟orientamento e di non confondere le discipline che per quanto in relazione tra di loro restano comunque condizionate dalla diversa tipologia; ad esempio stranieri sono anche i corpi diplomatici ma che la loro condizione è regolata da una serie di norme che rientrano nel corpus di norme del diritto internazionale tradizionale, non si incrociano con il tema dei rifugiati o degli immigrati. I rifugiati, e lo status di rifugiato è molto labile, una volta accolti in un determinato paese e in seguito alle varie condizioni e alle opportunità che saranno in grado di sfruttare si insediano stabilmente, e si trasformano in immigrati. Nel secondo capitolo cercherò ci cogliere gli sviluppi nel ambito dei diritti umani connessi con i diritti degli stranieri, i vari intrecci e accennerò alle tendenze in movimento, come una possibile integrazione dei diritti dello straniero con i diritti umani, superando quella dicotomia tra diritti umani e diritti dello straniero. I diritti dello straniero sono diritti umani in quanto oggi la persona

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Astrit Meta Contatta »

Composta da 119 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1267 click dal 30/11/2011.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.