Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La direzione delle relazioni del lavoro in Europa: il decentramento e il ruolo dello stato

La tesi affronta il tema dei rapporti tra associazioni datoriali, sindacati e il ruolo dello stato. Lo scritto confronta la situazione contrattualistica a livello europeo, prendendo in considerazione le diverse istituzioni in ciascuna nazione. Si nota come decisiva sia la "path dependency", cioè la specifica caratterizzazione delle relazioni industriali e del ruolo dello stato in ciascun paese. In pratica la storia, l'economia e le istituzioni di uno stato influenzano le rispettive istituzioni del lavoro, che non sono asettiche, ma dipendenti dal cammino di ciascun popolo.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE In Europa le relazioni industriali si sono svolte, nella maggior parte dei paesi e con gradi differenti, nell‟ambito di un contesto corporativo. L‟unica eccezione è rappresentata dalla Gran Bretagna che, anche per tradizioni antiche, ha visto prevalere un assetto pluralista. 1-LA DEFINIZIONE DI CORPORATIVISMO Il termine corporativismo, nell‟ambito delle relazioni del lavoro, è anche spesso definito “corporativismo sociale” o “democratico” per distinguerlo da quello “autoritario” in cui i gruppi di interesse 1 venivano completamente controllati dallo stato. La definizione più chiara e che ha avuto più successo nella letteratura è quella di Schmitter (1974) 2 che ne individua due significati sostanziali: 1) Il corporativismo si riferisce ad un sistema di rappresentanza nel quale i gruppi di interesse sono organizzati in associazioni nazionali, specialistiche, gerarchiche e monopolistiche. 2) Il secondo significato di corporativismo fa riferimento all‟incorporazione dei gruppi di interesse nel processo di formazione delle politiche pubbliche. Tale processo viene anche definito “concertazione”. La caratteristica dei gruppi di interesse corporativi è di essere relativamente grandi nelle proprie dimensioni e relativamente limitati nel numero. Essi sono ulteriormente coordinati in organizzazioni di vertice a livello nazionale. 1 Un gruppo di interesse può essere definito come un insieme di persone, organizzate su basi volontarie, che mobilita risorse per influenzare decisioni e conseguenti politiche pubbliche. 2 Schmitter, P.C. (1974), Still the Century of Corporatism? in “Review of Politics”, 36, pp. 85-131; e in Schmitter e Lehmbruch (1979, pp. 7-52); trad. it. Ancora il secolo del corporativismo? in La Società Neocorporativa, a cura di M. Maraffi, Bologna, Il Mulino, 1981.

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Enrico Roncalli Contatta »

Composta da 168 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 571 click dal 22/11/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.