Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Analisi e Progetto di un driver per display organici con tecnologia TFT

Il lavoro è stato svolto in collaborazione con la divisione HPC (Home Personal Communication) gruppo DISPLAYS della STMicroelectronics di Catania, ed ha fatto riferimento ad un prototipo di pannello AMOLED di 150 righe per 290 colonne progettato dai ricercatori dell’ENEA di Portici (NA).
Il primo capitolo descriverà la cella EL analizzandone la struttura, il funzionamento, pregi e difetti. Verrà messa a confronto la tecnologia LCD con quella OLED e la compatibilità di quest’ultima tecnologia con i processi CMOS su vasta scala di integrazione.
Il secondo capitolo fornirà una descrizione strutturale e funzionale delle tecniche a matrice passiva ed attiva per i display OLED, analizzando in dettaglio le differenze tra le due tecniche ed i più recenti sviluppi per la riproduzione dei colori e la realizzazione dei transistori TFT ed OTFT.
Il terzo capitolo descriverà le tecniche di pilotaggio del pixel di un display AMOLED. Tale descrizione partirà dalla configurazione più semplice a due TFT per poi analizzarne delle altre a più transistori, recentemente proposte per minimizzare il problema della variazione della tensione di soglia riscontrata nei TFT. Verrà poi introdotta una configurazione modificata del driver di pixel preso come riferimento per il source driver che sarà progettato. Infine verrà proposto uno schema di un possibile sistema di pilotaggio per il display AMOLED preso come riferimento, e ne descriverà i vari blocchi.
Il quarto capitolo tratterà in dettaglio il source driver progettato in questo lavoro di tesi. Ne descriverà la struttura, la configurazione circuitale ed il funzionamento. Verranno forniti e commentati i risultati delle simulazioni effettuate.

Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo 1 Tecnologia OLED 8 INTRODUZIONE Tra le numerose e rapide innovazioni realizzate negli anni recenti nel campo della tecnologia elettronica, lo sviluppo di schermi ultrapiatti come alternativa ai tubi catodici è stata una delle piø importanti. Sebbene gli schermi a tubo catodico offrano ancora una migliore qualità dell'immagine, essi sono ingombranti e pesanti e quindi non utilizzabili, ad esempio, in apparecchi portatili. Gli schermi a cristalli liquidi (LCD) sono in questo momento la tecnologia dominante nel campo degli schermi piatti. Tuttavia, essi necessitano di una retroilluminazione che causa consumi relativamente alti e che in prospettiva sembra porre un vincolo inaccettabile per i dispositivi portatili di futura generazione. Pertanto, è verosimile che la prossima generazione di schermi piatti sarà basata sulla tecnologia che utilizza film organici elettroluminescenti (OLED = Organic Light Emitting Diode). Essa consentirà di avere schermi sottili, molto brillanti, a basso consumo e a basso costo. Inoltre la tecnologia a matrice attiva (AMOLED) permetterà la realizzazione di display di grandi dimensioni con una eccellente qualità e velocità di risposta dell’immagine riprodotta. Grazie alla plasticità dei film organici sarà possibile anche la costruzione di schermi flessibili che

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Giuseppe Garozzo Contatta »

Composta da 98 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1142 click dal 02/12/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.