Skip to content

Eco-eco management: il caso Enel

Informazioni tesi

  Autore: Marianna Usai
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia, Finanza, Legislazione per la gestione d'Impresa
  Relatore: Laura Gobbi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 97

Una tesi dal punto di vista del consumatore, meglio: del potenziale consumatore. Un consumatore consapevole ormai, del proprio peso e della propria cultura. Non tenere conto delle sue istanze significa uscire dal mercato. Soccombere. Tenerne conto significa costruirsi un’opportunità. Il presente lavoro parte da detta constatazione, dimostrandola attraverso i dati estrapolati da un convegno promosso nel 2006: il cliente è disposto ad investire parte dei suoi risparmi in un prodotto “verde”. La conferma che il valore ormai, è altro rispetto al sostenimento dei costi di produzione. Filo conduttore sarà, allora, il concetto di valore allargato: un’impresa per sopravvivere deve mettere a sistema obiettivi economici, finanziari, patrimoniali, nel rispetto delle istanze sociali e del perseguimento del vantaggio competitivo. Il lavoro segue un percorso appositamente pensato per mantenere, o meglio, conquistare la prospettiva del consumer: la nostra prospettiva. Il problema ambientale non esiste più: come prima asserito, per essere competitivi, bisogna trattarlo come opportunità di business. Dimostrato il perché, tutto sarà volto a cercare una soluzione: il come. La leva per conseguire valore e per l’impresa e per i suoi stakeholders è l’efficienza, più precisamente l’eco- efficienza. Tradotto: eco- eco management. Si tratta, vedremo, di una filosofia, di un modus operandi, che cerca il contemperamento di dimensione economica ed ecologica.
Il nostro obiettivo sarà inizialmente, quello di trasporlo in un settore la cui materia prima è molto volatile, impalpabile e difficile da gestire: il settore energetico elettrico. Come produrre energia facendo attenzione ai costi e al contempo all’ambiente? La produzione verde costa: costa controlli di qualità, costa standard a volte anche rigidi, costa impianti a basse emissioni. Produrre verde, però, al giorno d’oggi è un investimento. Per dimostrarlo è stata ripresa la “rivoluzione” che il mercato energetico elettrico ha subito dal ’62 ad oggi. Un diverso assetto competitivo- organizzativo, un diverso modo di intendere l’utente, un diverso modo di produrre e distribuire energia.
L’impresa energetica elettrica, ormai al pari di ogni altra impresa, deve fare in modo di essere scelta. Soddisfare il cliente dal punto di vista ambientale significa soddisfare un suo bisogno e se si pensa, che il prodotto è la risposta a uno o più bisogni, si capisce come l’energia elettrica sia investita di questo ruolo strategico.
Come costruire tutto questo è la domanda cui si cercherà di rispondere nella restante parte del lavoro. Trasporre nel settore elettrico, un modo di pensare come l’eco- eco management, che concretamente si sostanzia in tre momenti: ridurre, riutilizzare, riciclare, non è facile. La parola chiave però c’ è ed è risparmio: un “intervento negativo” si dirà. Il senso è quello di “non spreco”, “non consumo indiscriminato”. L’intervento sull’ambiente, in tal senso inteso, è molto più complesso di quello che si possa pensare e richiede l’aiuto di una compagine assai eterogenea: il consumatore finale, noi. Quello che si andrà a dimostrare sarà prima di tutto: perché il consumatore finale, quale leva per l’efficienza? Perché partire da lui? Può essere davvero d’aiuto? Sarà chiarito con riferimento a dei dati dell’AEEG 2006-2007 circa i titoli del risparmio energetico per eccellenza: i certificati bianchi o TEE. Analizzando questo mercato, dimostreremo la tesi comun denominatore di tutto questo: l’utente finale come fattore produttivo dell’impresa (energetica in particolare), l’utente finale come fattore produttivo di risparmio, materia prima che deve, a pieno titolo, entrare fra il novero delle risorse aziendali. La parte finale del lavoro sarà volta alla ricerca concreta di tale politica. La ricerca sarà volta in questa fase, a studiare l’approccio a questo modo di intendere la produzione energetica di una realtà in particolare: Enel Spa. Cosa significa produrre e distribuire dal punto di vista del cliente per Enel? Enel c’ è riuscita? Per non tradire l’idea base della tesi (mettersi nei panni del consumer), si cercherà una risposta, oltre che dai dati ambientali, economici, finanziari della società, anche attraverso la raccolta di opinioni di chi del servizio energetico usufruisce. A ciò sarà volto un paragrafo un po’ particolare: il 3.4. Parla delle critiche rivolte da quella fascia di consumatori più scettica e vischiosa all’impegno della società alla politica ambientale di Enel. Questo perché, se è vero che l’obiettivo di una realtà imprenditoriale sia quello di soddisfare i bisogni del mercato, è anche vero che il soddisfacimento di questi bisogni, passa per la sua conquista e dunque, conquistare anche il consumer più diffidente si rivela quanto mai necessario.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione Una tesi dal punto di vista del consumatore, meglio: del potenziale consumatore. Un consumatore consapevole ormai, del proprio peso e della propria cultura. Non tenere conto delle sue istanze significa uscire dal mercato. Soccombere. Tenerne conto significa costruirsi un‟opportunità. Il presente lavoro parte da detta constatazione, dimostrandola attraverso i dati estrapolati da un convegno promosso nel 2006: il cliente è disposto ad investire parte dei suoi risparmi in un prodotto “verde”. La conferma che il valore ormai, è altro rispetto al sostenimento dei costi di produzione. Filo conduttore sarà, allora, il concetto di valore allargato: un‟impresa per sopravvivere deve mettere a sistema obiettivi economici, finanziari, patrimoniali, nel rispetto delle istanze sociali e del perseguimento del vantaggio competitivo. Il lavoro segue un percorso appositamente pensato per mantenere, o meglio, conquistare la prospettiva del consumer: la nostra prospettiva. Il problema ambientale non esiste più: come prima asserito, per essere competitivi, bisogna trattarlo come opportunità di business. Dimostrato il perché, tutto sarà volto a cercare una soluzione: il come. La leva per conseguire valore e per l‟impresa e per i suoi stakeholders è l‟efficienza, più precisamente l‟eco- efficienza. Tradotto: eco- eco management. Si tratta, vedremo, di una filosofia, di un modus operandi, che cerca il contemperamento di dimensione economica ed ecologica. Il nostro obiettivo sarà inizialmente, quello di trasporlo in un settore la cui materia prima è molto volatile, impalpabile e difficile da gestire: il settore energetico elettrico. Come produrre energia facendo attenzione ai costi e al contempo all‟ambiente? La produzione verde costa: costa controlli di qualità, costa standard a volte anche rigidi, costa impianti a basse emissioni. Produrre verde, però, al giorno d‟oggi è un investimento. Per dimostrarlo è stata ripresa la “rivoluzione” che il mercato energetico elettrico ha subito dal ‟62 ad oggi. Un diverso assetto competitivo- organizzativo, un diverso modo di intendere l‟utente, un diverso modo di produrre e distribuire energia.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

management
economia
marketing
gestione ambientale
energia elettrica
bilancio ambientale
enel
valutazione impatto ambientale
codice etico
tee
responsabilità sociale
efficienza energetica
energia nucleare
bilancio etico
responsabilizzazione
enel spa
certificati bianchi
fabbisogno energetico
aeeg
eco sostenibilità
economic-ecologic management
diagramma di carico
marketing ambientale
utente servizi energetici

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi