Skip to content

I comportamenti politici in un'area di piccola impresa: il caso dell'area della sedia in Friuli Venezia Giulia

Informazioni tesi

  Autore: Fabrizio Biscotti
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1998-99
  Università: Università degli Studi di Trieste
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze Politiche
  Relatore: Liborio Mattina
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 197

Nel Friuli orientale, in una zona che comprende dieci piccoli comuni, si colloca il distretto industriale della sedia altrimenti denominato “Triangolo della sedia” in quanto il suo cuore produttivo da sempre si trova nell’area compresa tra i tre comuni limitrofi di Manzano, San Giovanni al Natisone e Corno di Rosazzo. Il “Triangolo della Sedia” si estende per una superficie di 210 km quadrati e dal 1994 è stato riconosciuto dalla regione Friuli Venezia Giulia come “distretto”, sebbene tecnicamente non come distretto della sedia ma come “distretto del legno e del mobile in legno” .
Nell’area operano circa 900 aziende che producono complessivamente 50 milioni di sedie finite e 20 milioni di componenti per sedie all’anno con un fatturato aggregato che si aggira attorno ai 2200 miliardi (con esclusione del fatturato dei terzisti con il quale si stima si arrivi attorno ai 3000 miliardi); gli addetti impiegati sono all’incirca 9.200, 14.000 se si include l’indotto. Questo distretto fornisce l’80% della produzione nazionale di sedie, il 50% di quella europea e il 32% di quella mondiale.
La produzione ha un orientamento particolare verso l’export; infatti quasi il 90 % delle sedie prodotte sono destinate al mercato estero dove la percentuale più rilevante è assorbita dai paesi dell’Unione Europea ed in particolare dalla Germania. Queste sono le caratteristiche generali.
Ma per definire un distretto industriale è necessario utilizzare dei criteri che vadano oltre il mero risultato economico. Per questo, nel capitolo primo, si delineano le modalità che definiscono le fondamenta sociali ed economiche dell’altrimenti detto sistema produttivo locale, che si rifanno a studi condotti già all’inizio del secolo mentre, nel secondo capitolo si prendono in considerazione le dinamiche sociali e politiche che stanno alla base di quelle che vengono definite subculture territoriali, individuate come orientamento di fondo delle società di piccola impresa.
Nel capitolo terzo per prima cosa si delineano i metodi adottati nella definizione spaziale dell’Area della sedia, che è una zona più grande del distretto industriale così come definito dalla normativa in vigore. Infatti, l’Area della sedia è vista in questa tesi, come quel territorio connotato dalla presenza di significativi insediamenti produttivi specializzati nell’industria sediaria e non solo, quindi, come area che necessariamente risponde a definizioni normative particolari. L’Area della sedia, da noi delineata, comprende anche alcuni comuni della provincia di Gorizia. Dal punto di vista economico, quest’area, ha le caratteristiche tipiche di un distretto di piccola e media impresa della macroarea definita “periferica” o “Terza Italia” che si articola territorialmente tra le regioni del Centro e del Nordest italiano.
L’Italia, infatti, raccoglie al suo interno diverse realtà economiche che si possono identificare in tre grandi partizioni: il Nord Ovest delle grandi imprese private, il Mezzogiorno industrialmente arretrato e il Centro-Nordest delle aree industriali di piccola e media impresa. Ognuna di queste tre caratterizzazioni economiche si manifesta in una marcata diversità nelle dinamiche sociali e politiche che stanno alla base del tessuto sociale delle aree in cui si collocano. In particolare, considerando la storia delle tre zone, si riscontrano delle notevoli differenze influenzate da diversi fattori non ultimo quello politico.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Nel Friuli orientale, in una zona che comprende dieci piccoli comuni, si colloca il distretto industriale della sedia altrimenti denominato “Triangolo della sedia” in quanto il suo cuore produttivo da sempre si trova nell’area compresa tra i tre comuni limitrofi di Manzano, San Giovanni al Natisone e Corno di Rosazzo. Il “Triangolo della Sedia” si estende per una superficie di 210 km quadrati e dal 1994 è stato riconosciuto dalla regione Friuli Venezia Giulia come “distretto”, sebbene tecnicamente non come distretto della sedia ma come “distretto del legno e del mobile in legno”1. Nell’area operano circa 900 aziende che producono complessivamente 50 milioni di sedie finite e 20 milioni di componenti per sedie all’anno con un fatturato aggregato che si aggira attorno ai 2200 miliardi (con esclusione del fatturato dei terzisti con il quale si stima si arrivi attorno ai 3000 miliardi); gli addetti impiegati sono all’incirca 9.200, 14.000 se si include l’indotto2. Questo distretto fornisce l’80 % della produzione nazionale di sedie, il 50 % di quella europea e il 32 % di quella mondiale. La produzione ha un orientamento particolare verso l’export; infatti quasi il 90 % delle sedie prodotte sono destinate al mercato estero dove la percentuale più rilevante è assorbita dai paesi dell’Unione Europea ed in particolare dalla Germania3. Queste sono le caratteristiche generali. Ma per definire un distretto industriale è necessario utilizzare dei criteri che vadano oltre il mero risultato economico. Per questo, nel capitolo primo, si delineano le modalità che definiscono le fondamenta sociali ed economiche dell’altrimenti detto sistema produttivo locale, che si rifanno a studi condotti già all’inizio del secolo mentre, nel secondo capitolo si prendono in considerazione le dinamiche sociali e politiche che stanno alla base di quelle che vengono definite subculture territoriali, individuate come orientamento di fondo delle società di piccola impresa. Nel capitolo terzo per prima cosa si delineano i metodi adottati nella definizione spaziale dell’Area della sedia, che è una zona più grande del distretto industriale così come definito dalla normativa in vigore. Infatti, l’Area della sedia è vista in questa tesi, come quel territorio connotato dalla presenza di significativi insediamenti produttivi specializzati nell’industria sediaria e non solo, quindi, come area che necessariamente risponde a definizioni normative particolari. L’Area della sedia, da noi delineata, comprende anche alcuni comuni della provincia di Gorizia. Dal punto di vista economico, quest’area, ha le caratteristiche tipiche di un distretto di piccola e media impresa della macroarea 1 Delibera regionale n. 2179 del 27 maggio 1994. 2 Fonte: Camera di Commercio Industria e Artigianato di Udine (1997) 3 Fonte: Promosedia (1999)

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

distretti industriali
sistemi produttivi locali
area della sedia
triangolo della sedia
distretto industriale della sedia
distretto industriale di manzano

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi