Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Stile ed effetti speciali - Il caso Star Wars - Come un direttore artistico cambia il modo di manifestarsi a seconda delle evoluzioni tecnologiche.

In questa tesi vorrei intraprendere un percorso che permetta di comprendere come gli effetti speciali influiscano sul modo di comunicare del regista. Prenderò come esempio significativo Star Wars di George Lucas.
Star Wars è un’opportunità: è formato da due trilogie: la prima è stata la base dei primi sviluppi degli effetti speciali, la seconda è stata girata dopo il gap tecnologico-informatico. Abbiamo inoltre la possibilità di analizzare la versione rimasterizzata uscita nel 1997.
Introdurrò una breve storia dell’evoluzione degli effetti speciali di Star Wars, mostrerò le differenze tra queste tecnologie, arriverò a parlare dei limiti che ha avuto Lucas quando ha realizzato la prima pellicola, e come sono stati superati con le evoluzioni tecnologiche.
Il mondo di Star Wars è vasto, troveremo nel secondo capitolo che alcuni appassionati alla serie hanno prodotto un fanfilm Italiano: Dark Resurrection. Lo scopriamo saturo di effetti speciali e per questo lo prendiamo in considerazione.
Il terzo capitolo è la vera e propria analisi. È utile esaminare le differenze sostanziali tra il primo Star Wars del 1977 e la sua versione rimasterizzata del ‘97 e cercare di capire perché certe scene dopo il remake sono state cambiate. Verrà eseguita una comparazione tra le scene simili all›interno della pellicola del ‘77 e dell’ultima del 2005.
Questo approccio ci mostrerà il motivo per cui alcune scene degli ultimi film vengono esaltate tramite effetti speciali. Si passerà ad un›analisi specifica di alcune scene per capire il motivo dell›esaltazione scenografica.
Un punto di vista interessante è capire l’evoluzione creativa di George Lucas partendo dalle idee per il soggetto; continueremo con le evoluzioni delle sceneggiature per arrivare alla trasposizione su pellicola delle sue idee.
Un punto di vista esterno al regista ed esterno all’esalogia è l’intervista ad Antonio Meazzini, un compositor, ci fornisce la relazione regista/VFX di cui parliamo nell’intera tesi.

Mostra/Nascondi contenuto.
9 introduzione Ho intrapreso questo percorso di analisi per diversi motivi: Il principale è riferito alla mia passione per gli effetti speciali. Un secondo motivo è riflessione avve- nuta dopo una discussione con mio padre mentre approfondivo lo studio di al- cuni software grafici (Adobe After Effect). Alla base di questo confronto c’era da parte mia la sola aspirazione a padroneggiare questi programmi (Videotutorial). Angelo, mio padre, mi ha fatto capire che queste tecniche se non “sfruttate” per comunicare un’idea risulterebbero inutili. A questo punto ho iniziato a girare dei piccoli cortometraggi: Il primo è stato “Brother And SisterFighting”, uno stupidissimo corto in cui io e mia sorella Anna combattevamo lanciandoci delle scosse elettriche, ne è risultato un solo eser- cizio di gestione dei software. Nel secondo cortometraggio sono invece partito da un idea per poi cercare l’effetto che mi sarebbe stato utile per comunicarla. “4 Flowers For 4 Women” è stato quindi il primo cortometraggio che è partito da un brief e che ha utilizzato degli effetti grafici con ben chiaro il messaggio che doveva proporre. Ho girato poi un video musicale: “Exit Logout - videoclip 2010”, in cui racconto la genesi di un gruppo musicale: gli “Exit”. Con i componenti del gruppo abbiamo discusso più volte sul da farsi e abbiamo verificato passo a passo il progetto: ho sperimentato molte idee tramite gli effetti speciali, creando piccoli Set Exten- tion e utilizzando il ChromaKey. Tutte queste tecniche sono state utilizzate per comunicare un messaggio. È stato interessante vedere come mi esprimevo nella grafica del videoclip: il mio modo di esprimermi cambiava attraverso nuovi e più entusiasmanti effetti grafici. In questa tesi vorrei intraprendere un percorso che permetta di comprendere come gli effetti speciali influiscano sul modo di comunicare del regista. Prende- rò come esempio significativo Star Wars di George Lucas. Star Wars è un’opportunità: è formato da due trilogie: la prima è stata la base dei primi sviluppi degli effetti speciali, la seconda è stata girata dopo il gap tec- nologico-informatico. Abbiamo inoltre la possibilità di analizzare la versione ri- Introduzione

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Antonio Losa Contatta »

Composta da 130 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1890 click dal 24/11/2011.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.