Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Consumi e redditi delle famiglie italiane nell’ultimo decennio

Nei primi mesi del 2008 la crisi dei mercati finanziari ha colpito l’economia degli Stati Uniti e dei principali Stati Occidentali. In particolare nel continente europeo, prima l’Islanda e poi la Grecia hanno rischiato il fallimento.
Nel caso ellenico le alte probabilità di default hanno convinto l’Unione Europea a concedere un prestito di 110 miliardi di euro in tre anni, per evitare che la crisi si ripercuotesse in modo molto più violento in tutti i mercati dell’area euro.
Una crisi strutturale dovuta ad una mancanza di liquidità paragonabile alla “Grande Depressione” del 1929.
Ma se negli anni Trenta i soggetti inadempienti erano le imprese, quest’oggi a trovarsi in grosse difficoltà finanziarie sono in particolare le famiglie.
In questo elaborato si vuole evidenziare ed approfondire come sono cambiati i consumi e redditi delle famiglie italiane nell’ultimo decennio (2000-2009).

Mostra/Nascondi contenuto.
6 INTRODUZIONE Nei primi mesi del 2008 la crisi dei mercati finanziari ha colpito l’economia degli Stati Uniti e dei principali Stati Occidentali. In particolare nel continente europeo, prima l’Islanda e poi la Grecia hanno rischiato il fallimento. Nel caso ellenico le alte probabilità di default hanno convinto l’Unione Europea a concedere un prestito di 110 miliardi di euro in tre anni, per evitare che la crisi si ripercuotesse in modo molto più violento in tutti i mercati dell’area euro. Una crisi strutturale dovuta ad una mancanza di liquidità paragonabile alla “Grande Depressione” del 1929. Ma se negli anni Trenta i soggetti inadempienti erano le imprese, quest’oggi a trovarsi in grosse difficoltà finanziarie sono in particolare le famiglie. In questo elaborato si vuole evidenziare ed approfondire come sono cambiati i consumi e redditi delle famiglie italiane nell’ultimo decennio (2000-2009). In particolare si vuole capire come hanno reagito i nuclei familiari alla stagnazione dei salari, all’innalzamento del tasso di disoccupazione e alle aspettative negative per gli anni avvenire. Attraverso l’elaborazione dei dati ISTAT e della Banca d’Italia si analizza quali sono le categorie che hanno subito di più questa crisi; ovvero se sono i giovani a consumare di meno, oppure i laureati in cerca di lavoro che vedono il tasso di disoccupazione crescere ogni anno sempre di più, o ancora i liberi professionisti o gli artigiani che vedono diminuire il numero di clienti disposti ad acquistare i propri servizi/prodotti. Nel primo capitolo si introduce l’argomento attraverso l’analisi della letteratura economica. A partire da J. M. Keynes che dopo la grande crisi del 1929 con l’opera “Teoria Generale” cerca di dare delle risposte a quel tracollo economico-finanziario, fino ad arrivare alle pubblicazioni più recenti. Nel secondo capitolo l’elaborazione dei dati ISTAT delinea le prime conclusioni per quanto riguarda l’evoluzione dei consumi e dei redditi delle famiglie italiane. In questo capitolo vengono utilizzati dati aggregati e nell’ultima sezione si studiano le due variabili suddivise per regione. Nel terzo e ultimo capitolo attraverso l’elaborazione dei dati della Banca d’Italia le conclusioni saranno più specifiche e qualitative. Si analizza per esempio quale famiglia o quale categoria professionale ha subito una più drastica riduzione dei consumi. Nelle ultime sezioni si suddividono i dati di consumo e reddito per classe quartilica.

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Stefano Masiero Contatta »

Composta da 64 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1085 click dal 25/11/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.