Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Alle origini della sociologia italiana: Icilio Vanni

Grosso modo, l'opera di Vanni è divisibile in due parti: egli scrisse di sociologia e di filosofia del diritto. Ma non si trattò di due interessi, a nostro parere, ugualmente intensi. Si potrebbe dire, con una battuta che non va presa troppo sul serio, che se la sociologia rappresentò per lui il primo amore (che non si scorda mai), la filosofia del diritto fu un matrimonio di interesse, magari addolcito da qualche tenerezza, ma pronto ad essere tradito anche dopo molti anni alla prima occasione. Destino, questo di Vanni, che sarà comune a molti altri intellettuali italiani fino a dopo la seconda guerra mondiale.
La vicenda si Vanni si colloca, in massima parte, negli ultimi venti anni dell'ottocento, in un'epoca che, per la sociologia italiana, si può definire della morte prematura; in questo scenario Vanni si proponeva di affermare in Italia la sociologia come scienza autonoma, schiettamente positiva, che avrebbe dovuto studiare le leggi che governano la vita della società. Compito assai arduo: in Italia, infatti, nella patria di Machiavelli, l'idea dell'autonoma esistenza di una società, per di più rappresentante un'entità specifica dotata di leggi proprie, non era ancora apparsa. Era invece ancora dominante l'idea tradizionale dell'essenza politica della società: l'ordine sociale derivava, necessariamente, da un certo volere politico; in questa visione nessun ordinamento era da ritenersi legittimo, ma qualunque ordine sociale derivava dal possesso della forza effettiva, e perciò da una manipolazione politica. Questa specificità italiana avrà poi la meglio: non a caso quelli che diverranno i più noti sociologi italiani dell'epoca, Mosca e Pareto, si concentreranno sullo studio delle élites, versione moderna del Principe.
La ricezione in Italia della nuova scienza nata in Francia e Gran Bretagna sarà alquanto contrastata e, complice l'avvento del fascismo, di fatto avverrà solo dopo la seconda guerra mondiale. Nello scorcio di fine ottocento durante il quale Vanni si trova a scrivere, l'idea che la società venga prima dello Stato, che emerga spontaneamente obbedendo a leggi proprie, non era facile da professare in Italia, dove la società era essenzialmente diversa da quelle d'oltralpe e d'oltremanica.
Più di una volta, negli scritti di Vanni, si osserveranno tentativi di coniugare le posizioni, tra loro antitetiche, di chi intendeva la società come prodotto di un certo potere contrapposta alla visione di chi riteneva la società civile come antecedente allo Stato : sintomi, questi, della difficile situazione in cui Vanni era costretto, e del suo procedere, cauto e periglioso, tipico di chi si trovi a camminare sul filo di una lama.
La sociologia condivise, in quegli anni, le fortune (poche) e lo sfortune (molte) che toccarono al positivismo. In Italia la sociologia arrivò in maniera diffusiva, e la sua comparsa nel nostro paese avvenne in un contesto particolare: se infatti altrove la sociologia era apparsa dopo la trasformazione industriale della società, in quasi concomitanza con l'affiorare delle tensioni sociali indotte da tale rivoluzione economica, in Italia - al contrario - la sociologia apparve in un contesto che si potrebbe definire proto-industriale. Di più, come molti hanno osservato, la rivoluzione industriale era avvenuta, originariamente, in paesi che avevano sviluppato prima una cultura industriale, cosa che in Italia non avvenne.
Dunque, il positivismo si diffonde in una situazione di non-industrializzazione, e ciò, evidentemente, ne condizionerà in senso negativo la vicenda; tanto che negli anni venti e trenta del secolo diciannovesimo, la «reazione idealistica» terrà fuori l'Italia dal dibattito sul metodo e quindi dal superamento, avvenuto negli altri paesi europei, del tardo-positivismo col neo-positivismo e con una sociologia che sviluppava relazioni con lo storicismo, il neo-kantismo, la fenomenologia.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Strano effetto producono le foto d'epoca: dai loro chiaroscuri arrivano fino a noi volti di altri tempi, espressioni e abiti ormai desueti, volti che ci appaiono enigmatici, affascinanti ma al tempo stesso oscuri: osservando quelle immagini in bianco e nero che a noi appaiono così rudimentali, la nostra fantasia è tentata di darvi un'anima: un viso può sembrare, a prima vista, quello di un anarchico, poi, magari, riguardandolo si cambia idea, e si crede di riconoscere lo sguardo altezzoso dell'aristocratico reazionario; da un particolare ci convinciamo di avere di fronte un burbero dal carattere impossibile, osservandone un altro nasce però un dubbio, e, alla fine, spesso si desiste senza essere riusciti nell'intento di svelare il mistero che queste immagini racchiudono. Nella seconda pagina delle Lezioni di filosofia del diritto, accanto al frontespizio, campeggia una foto di Icilio Vanni. Guardandola si prova l'effetto di cui si diceva. Vi appare un signore dall'aria austera, con una folta chioma nera pettinata all'indietro, un paio di occhialini ovali e due copiosi baffi a rendere più severo un volto che, ad uno sguardo meno affrettato, si mostra, al contrario, quello di un uomo ancora in giovane età. E non poteva essere altrimenti, dato che Icilio Vanni visse una vita breve, morendo a soli quarantotto anni neppure compiuti. Una vita breve ma intensa, o meglio, di intenso lavoro; una vita che egli spese dedicandosi interamente all'insegnamento e alla riflessione scientifica. Grosso modo, l'opera di Vanni è divisibile in due parti: egli scrisse di sociologia e di filosofia del diritto. Ma non si trattò di due interessi, a nostro parere, ugualmente intensi. Si potrebbe dire, con una battuta che non va presa troppo sul serio, che se la sociologia rappresentò per lui il primo amore (che

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Luca Turri Contatta »

Composta da 130 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3696 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.