Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

The Whores Rhetorick - La Retorica delle puttane: un ritorno alla lingua madre della Rettorica di Ferrante Pallavicino

La traduzione è un viaggio di avventura e scoperta che porta a misurarsi non solo con un'altra lingua ma con un'altra cultura, a rapportarsi ad un'alterità che è in primo luogo alterità culturale. In particolare, tradurre e analizzare un testo d’epoca è di estremo interesse, poiché permette di identificare e comprendere ideologie, costumi e consuetudini di un’epoca culturalmente e temporalmente lontana, nonché di immergersi in un lessico ormai desueto per scoprirne gli usi e le accezioni. Se poi il testo in questione è una naturalizzazione di un’opera originariamente italiana, il suo fascino è sicuramente raddoppiato: si potrà infatti, a quel punto, indagare anche su tutte le diffe-renze e le modifiche di tipo culturale e ideologico che la versione in-glese presenta rispetto all’originale per adattarlo al nuovo contesto ge-ografico e culturale.
È proprio questo che accade nel 1683 con la pubblicazione di The Whores Rhetorick, naturalizzazione inglese in forma dialogica del trattatello satirico La Rettorica delle Puttane di Ferrante Pallavicino del 1642: la presenza di una fonte nota ed accessibile consente l’analisi delle modifiche e delle manipolazioni che il testo inglese opera sull’originale italiano attraverso l’individuazione delle più significative varianti e costanti.
Nella Parte Prima del presente lavoro, intitolata Mondi a confronto, si fornisce una panoramica dell’ideologia e della prassi del libertinismo nel cui clima The Whores Rhetorick vede la luce all’interno del genere del dialogo pornografico, dove protagoniste cortigiane si muovono nel contesto licenzioso e tollerante della corte della Restaurazione. Segue poi la presentazione ed illustrazione della fonte italiana, nonché l’analisi della versione inglese del 1683 collocata nel genere letterario di appartenenza. La collazione tra fonte e naturalizzazione conclude il confronto tra i due testi ponendo l’accento sulle costanti e le varianti che li accomunano o, al contrario, li differenziano. Attraverso tale procedimento di comparazione, si dimostra la validità e l’importanza della Whores Rhetorick come specchio della cultura e delle ideologie dell’epoca a cui appartiene. L’ultimo capitolo della Parte Prima racchiude alcune riflessioni sugli aspetti più prettamente linguistici e tecnici della traduzione, con un’analisi delle strategie adottate e dei problemi affrontati.
Nella Parte seconda, intitolata Testi a confronto, si presenta la trascrizione, l’editing e la traduzione con testo a fronte della Whores Rhetorick.

Mostra/Nascondi contenuto.
I Premessa Quale altra motivazione se non la profonda passione per la tra- duzione potrebbe essere alla base della realizzazione del presente la- voro? Tradurre un testo significa penetrare, assorbire ed indagare un nuovo mondo che si è desiderato fermamente conoscere per essere in grado di restituirlo. Da questo punto di vista, il traduttore potrebbe considerarsi ‘il lettore perfetto’, colui che con tutte le sue forze cerca di addentrarsi nella mente altra che ha prodotto l’opera, che non l’abbandona e non si arrende senza averla completamente compresa. La traduzione è dunque un viaggio di avventura e scoperta che porta a misurarsi non solo con un'altra lingua ma con un'altra cultura, a rapportarsi ad un'alterità che è in primo luogo alterità culturale. In particolare, tradurre e analizzare un testo d’epoca è di estremo interes- se, poichØ permette di identificare e comprendere ideologie, costumi e consuetudini di un’epoca culturalmente e temporalmente lontana, nonchØ di immergersi in un lessico ormai desueto per scoprirne gli usi e le accezioni. Se poi il testo in questione è una naturalizzazione di un’opera originariamente italiana, il suo fascino è sicuramente rad- doppiato: si potrà infatti, a quel punto, indagare anche su tutte le diffe- renze e le modifiche di tipo culturale e ideologico che la versione in-

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Lucia Contaldi Contatta »

Composta da 250 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2047 click dal 29/11/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.