Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La governance nelle aziende familiari: Il caso di una pmi Italiana

La tesi approfondisce i temi della Corporate Governance relativi alle aziende familiari. Nella prima parte si cerca di definire il family business e ne vengono descritti i tratti distintivi come il fenomeno della sovrapposizione istituzionale, i vantaggi e gli svantaggi. Nella seconda parte si descrivono i modelli di gestione e governo delle aziende familiari italiane e gli effetti sulle performance. Nel capitolo IV invece, vengono analizzati gli effetti sulla governance derivanti dal ricambio generazionale e sono descritti alcuni strumenti utilizzabili per concludere con successo il passaggio delle consegne. Infine viene analizzato il caso di una PMI familiare descrivendone la storia, la governance e come hanno affrontato il ricambio generazionale durante quasi 150 anni di attività.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Capitolo I L'IMPRESA FAMILIARE: CARATTERISTICHE E PECULIARITÀ Definizione e tratti distintivi Azienda familiare, family business, impresa di famiglia sono tutte espressioni che nel linguaggio comune coincidono individuando una particolare classe di imprese nelle quali la proprietà e le decisioni fondamentali di gestione sono controllate da un'unica famiglia. Partendo dalla descrizione data dal codice civile, tentiamo di adesso di definire questo particolare tipo di impresa L’art. 230 bis del codice civile disciplina l’istituto dell’impresa familiare affermando che: “Salvo che sia configurabile un diverso rapporto, il familiare che presta in modo continuativo la sua attività di lavoro nella famiglia o nell'impresa familiare ha diritto al mantenimento secondo la condizione patrimoniale della famiglia e partecipa agli utili dell'impresa familiare ed ai beni acquistati con essi nonchØ agli incrementi dell'azienda, anche in ordine all'avviamento, in proporzione alla quantità e qualità del lavoro prestato. Le decisioni concernenti l'impiego degli utili e degli incrementi nonchØ quelle inerenti alla gestione straordinaria, agli indirizzi produttivi e alla cessazione dell'impresa sono adottate, a maggioranza, dai familiari che partecipano all'impresa stessa.....”. Secondo tale articolo si può parlare di impresa familiare quando i consanguinei prestano l’ attività di lavoro in modo continuativo nell’impresa o nella famiglia. In base a questa definizione quando si parla di aziende familiari vengono subito alla mente realtà molto piccole, in prevalenza di natura artigianale e connaturate dall'assenza di

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Fiorenzo Di Blasi Contatta »

Composta da 92 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5698 click dal 11/05/2012.

 

Consultata integralmente 19 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.