Skip to content

Mors tua vita mea. Psicopatologia del cannibalismo

Informazioni tesi

  Autore: Viviana Maria Macrì
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2010-11
  Università: Libera Univ. degli Studi Maria SS.Assunta-(LUMSA) di Roma
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Psicologia clinica e di comunità
  Relatore: Giuseppe Nicolò
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 131

Raramente si sente parlare di cannibalismo nella nostra società, possibilmente per il tabù che rappresenta insieme all’incesto. Ma se dell’incesto vi sono maggiori dati statistici, pur sempre incerti a causa della scarsa possibilità di denuncia, che testimoniano abusi su minori da parte della figura paterna (difficilmente materna), del cannibalismo si tende più a velarlo come una storia antica o razionalizzarlo attraverso lo studio di popolazioni non del tutto civilizzate che perseguono tutt’oggi questa pratica.
Solitamente sono le statistiche a parlare sulla serietà e l’emergenza di un problema che coinvolge il sociale, ma nel caso dell’antropofagia diventa estremamente difficile rendere con i numeri la presenza di questa pratica. In alcuni Paesi, come nel caso di Armin Meiwes in Germania, non sono presenti leggi che condannano o dichiarano come agire in termini giuridici. In un certo senso il cannibalismo è molto più che un tabù: rappresenta nell’inconscio collettivo qualcosa talmente surreale che l’uomo in molti casi non ha pensato alla possibilità che alcuni potessero violarlo, nemmeno giuridicamente.
Un uomo che si nutre di un altro uomo, resta una fantasia che fa da corollario e la trama avvincente della discordia tra Zeus e il padre Cronos, o di molte fiabe come La bella addormentata nel bosco o la fiaba di Hansel e Gretel.
La verità è un’altra ed è più inquietante: “I cannibali sono fra noi”, riprendendo le stesse parole di Chiara Camerani. Non si tratta di un allarme per mettere in agitazione le masse, ma per far riflettere. Esiste in ogni uomo un lato oscuro, talvolta perfino a se stesso, con cui pochi e difficilmente fanno i conti, altri ancora, sporgendosi nell’abisso ne restano vittima e non trovano via di uscita. Così come per la pedofilia, la necrofilia e tutte le perversioni più aberranti dell’uomo e che i media si limitano a far scorrere velocemente nei titoli di coda, anche l’antropofagia è oggi presente.
Per questo desidero con questa tesi proporre uno studio sui recenti casi di cannibalismo avvenuti nel “civilizzato” mondo occidentale, analizzando non soltanto come può scatenarsi e quindi quali siano le cause del meccanismo cannibale, ma anche considerare l’agghiacciante fenomeno in aumento della “vittima consenziente”.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Raramente si sente parlare di cannibalismo nella nostra società, possibilmente per il tabù che rappresenta insieme all‟incesto. Ma se dell‟incesto vi sono maggiori dati statistici, pur sempre incerti a causa della scarsa possibilità di denuncia, che testimoniano abusi su minori da parte della figura paterna (difficilmente materna), del cannibalismo si tende più a velarlo come una storia antica o razionalizzarlo attraverso lo studio di popolazioni non del tutto civilizzate che perseguono tutt‟oggi questa pratica. Solitamente sono le statistiche a parlare sulla serietà e l‟emergenza di un problema che coinvolge il sociale, ma nel caso dell‟antropofagia diventa estremamente difficile rendere con i numeri la presenza di questa pratica. In alcuni Paesi, come nel caso di Armin Meiwes in Germania, non sono presenti leggi che condannano o dichiarano come agire in termini giuridici. In un certo senso il cannibalismo è molto più che un tabù: rappresenta nell‟inconscio collettivo qualcosa talmente surreale che l‟uomo in molti casi non ha pensato alla possibilità che alcuni potessero violarlo, nemmeno giuridicamente. Un uomo che si nutre di un altro uomo, resta una fantasia che fa da corollario e la trama avvincente della discordia tra Zeus e il padre Cronos, o di molte fiabe come La bella addormentata nel bosco o la fiaba di Hansel e Gretel. La verità è un‟altra ed è più inquietante: “I cannibali sono fra noi”, riprendendo le stesse parole di Chiara Camerani. Non si tratta di un allarme per mettere in agitazione le masse, ma per far riflettere. Esiste in ogni uomo un lato oscuro, talvolta

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

internet
criminologia
perversioni
vampirismo
cannibalismo
antropofagia
morso
madre terribile

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi