Skip to content

L'appello civile

Informazioni tesi

  Autore: Francesca Durante
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Lecce
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Scienze giuridiche
  Relatore: Carmen Perago
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 81

Lo scopo di questo lavoro è quello di analizzare l’appello civile,ovvero un mezzo di impugnazione ordinaria che impedisce,finché è proponibile, che la sentenza emessa dal giudice di primo grado passi in giudicato.
Il primo capitolo è dedicato,nella prima parte,ai caratteri generali che contraddistinguono l’appello,ovvero l’effetto devolutivo e la natura sostitutiva,in cui si inserisce il principio del doppio grado di giurisdizione; vengono indicati,inoltre,i termini per appellare,che sono stati oggetto di modifica, ad opera della recente legge di riforma del processo civile,la L. 69/2009; il giudice competente e le sentenze appellabili; nella seconda parte vengono,invece,analizzati,i presupposti necessari per proporre l’appello,ovvero legittimazione ed interesse ad appellare,in relazione ai quali è possibile distinguere tra soccombenza teorica e pratica.
Il secondo capitolo ha ad oggetto le forme e lo sviluppo del procedimento d’appello,il quale è strutturato,nelle linee generali,sul modello del procedimento di primo grado,nei limiti della compatibilità. Rilevano in tale ambito i “motivi specifici”,la cui genericità o omissione influenzano la validità dell’appello. In merito, la giurisprudenza si è pronunciata sulle sanzioni che si ricollegano al difetto di specificità dei motivi o alla loro omissione. Il capitolo prosegue con l’appello incidentale,la costituzione delle parti, la trattazione, la decisione della causa e le varie ipotesi di rimessione al giudice a quo; si sottolineano,infine,i limiti di intervento nel giudizio di secondo grado,ovvero l’intervento di terzi, il quale è ammesso in termini ristretti,poiché si intende evitare che una domanda proposta dal terzo, o nei suoi confronti,venga conosciuta dal giudice d’appello in unico grado,ponendo in essere un contrasto con il principio del doppio grado. Il capitolo si chiude con i provvedimenti resi dal giudice d’appello,in merito all’esecuzione della sentenza impugnata.
Il capitolo terzo analizza le questioni particolari che si inseriscono nell’ambito dell’appello: rileva,in particolar modo, il c.d. divieto di ius novorum,cioè il divieto di introdurre nuove domande,nuove eccezioni e nuove prove all’interno del giudizio di secondo grado; partendo dalla previsione dell’art.345 c.p.c., il quale è stato oggetto di vari interventi legislativi. In relazione all’attuale contenuto dell’art. 345 c.p.c., le questioni interpretative che occorre tenere in considerazione sono, per quanto riguarda le nuove eccezioni, la distinzione tra eccezioni in senso stretto, proponibili solo ad istanza di parte ed espressamente vietate in appello, ed eccezioni in senso lato, rilevabili anche d’ufficio dal giudice e ammesse anche se proposte per la prima volta in appello; e la discussa possibilità di allegare nuovi fatti a fondamento delle nuove eccezioni in senso lato.
Per quanto riguarda il divieto di proporre per la prima volta, davanti al giudice dell’impugnazione, mezzi di prova nuovi rispetto a quelli dedotti in prima istanza, non è affatto pacifico, né in giurisprudenza, né in dottrina, cosa debba intendersi per mezzo di prova indispensabile: il significato di questo requisito, che permette alla prova nuova di trovare ingresso in appello, è stato variamente interpretato, anche con riferimento ai rispettivi poteri delle parti e del giudice. L’indispensabilità del mezzo istruttorio ha affaticato gli interpreti anche quanto al suo rapporto con l’altra condizione che permette di sottrarsi al divieto di cui al terzo comma dell’art. 345 c.p.c.: la non imputabilità alla parte della causa che le ha impedito di proporre il mezzo di prova in questione nel giudizio di primo grado. All’interno dei mezzi di prova, una posizione distinta è occupata dai documenti,per i quali è stato disposto un espresso divieto di “produrre nuovi documenti” ex art.345 c.p.c., così come riformato dalla Legge n.69 /2009.
Le altre “questioni particolari” attengono all’onere di riproposizione di domande ed eccezioni non accolte; all’appellabilità di sentenze non definitive;alle ipotesi di improcedibilità ed inammissibilità per carenza di presupposti o condizioni e agli effetti prodotti dalla sentenza di primo grado.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
CAPITOLO PRIMO Caratteri generali e presupposti dell'appello CAPITOLO PRIMO CARATTERI GENERALI E PRESUPPOSTI DELL'APPELLO Sommario - 1.1 Introduzione - 1.2 Nozione,caratteri e principio del doppio grado di giurisdizione - 1.3 Sentenze appellabili, giudice competente e termini per appellare -1.4 Legittimazione ed interesse ad appellare. 1.1 - Introduzione Lo scopo di questo lavoro è quello di analizzare l'appello civile, ovvero un mezzo di impugnazione ordinaria che impedisce, finché è proponibile, che la sentenza emessa dal giudice di primo grado passi in giudicato. Il primo capitolo è dedicato, nella prima parte, ai caratteri generali che contraddistinguono l'appello, ovvero l'effetto devolutivo e la natura sostitutiva, in cui si inserisce il principio del doppio grado di giurisdizione; vengono indicati, inoltre, i termini per appellare, che sono stati oggetto di modifica, ad opera della recente legge di riforma del processo civile, la L. 1

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

appello incidentale
legittimazione ad appellare
effetto espansivo esterno
interesse ad appellare
appello principale
funzione motivi d'appello
divieto dei motivi aggiunti
i poteri dell'istruttore
la costituzione delle parti
trattazione della causa
appello contro sentenze non definitive
vizi appello
il regime dei nova

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi